CapitanataSan Severo
"Tariffa unica senza il saldo successivo ha dato la percezione di un aumento"

Tari, Miglio “Aliquote in linea con i comuni limitrofi”

“Le aliquote – ribadiscono gli amministratori cittadini - sono in linea con quelle dei paesi limitrofi"

Di:

San Severo. In questi giorni i cittadini stanno ricevendo le cartelle di pagamento della Tari, che sono comprensive sia dell’acconto che del saldo e pertanto possono dare la percezione di un cospicuo aumento. Lo scorso anno infatti i cittadini hanno ricevuto in prima battuta l’acconto della Tari pari a 2/3 dell’importo calcolato sull’anno precedente, per poi ricevere il saldo quantificato dagli uffici in un secondo momento. Quest’anno il conteggio è stato effettuato in un’unica soluzione con la possibilità di pagare l’intero importo dilazionato in quattro rate. Pertanto quest’anno i cittadini non riceveranno il saldo successivo. “Un elemento di novità – spiega l’Amministrazione Comunale – che può aver tratto in inganno il cittadino dando la percezione di un esoso aumento della tassa, ma così non è. Le aliquote approvate dal consiglio comunale, infatti, sono pressappoco uguali a quelle dell’anno precedente, con scelte dell’Amministrazione Comunale di andare incontro ai nuclei familiari più numerosi, oltre che alle nuove attività per rendere più attrattivo il territorio per i nuovi investimenti e risollevare l’economia cittadina che vive un momento di particolare disagio”. Infatti per le nuove imprese è stata prevista un’esenzione totale per il primo anno del tributo e una riduzione del 70% per il secondo anno e del 50% per il terzo anno oltre ad agevolazioni per gli esercenti che decidono di abolire le slot machine e le attività che possono indurre in dipendenze da gioco d’azzardo.

“Le aliquote – ribadiscono gli amministratori cittadini – sono in linea con quelle dei paesi limitrofi e in molti casi più basse o identiche a quelle di altri comuni pugliesi della stessa dimensione demografica”. Dall’amministrazione comunale ribadiscono che i contribuenti che avessero ricevuto un aumento ritenuto ingiustificato, potranno richiedere chiarimenti all’ufficio tributi, aperto tutti i giorni, che in caso di errore provvederà alla conseguente rettifica in via di autotutela.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati