Foggia
Detta anche l’Iconavetere, colei che miracolosamente, secondo la tradizione e fede cattolica-cristiana, salvò Foggia e i suoi cittadini da pestilenze e terremoti

Foggia, da oggi i festeggiamenti per la Madonna dei Sette Veli

Domani sera sarà la volta dello show, in Piazza Cavour, del concittadino Renzo Arbore e la sua Orchestra Italiana

Di:

Foggia, giovedì 13 agosto 2015 – Ogni anno, come da decenni, il 15 agosto Foggia festeggia la sua Santa Patrona. La Madonna dei Sette Veli, detta anche l’Iconavetere, colei che miracolosamente, secondo la tradizione e fede cattolica-cristiana, salvò Foggia e i suoi cittadini da pestilenze e terremoti. La santa icona, ritrovata nel 1062 da un pastore che vide i buoi inginocchiarsi dinanzi il sacro tavolo giacente in una pozza di fango e ricoperta da veli, è stata la protettrice di Foggia. Per Lei grandi Re eressero chiese e palazzi. Da oggi, 14 agosto e fino al 16, Foggia festeggerà la Santa Patrona. Lo farà con feste in piazza, sparo di mortaretti, processione, sante messe e fuochi pirotecnici. Il primo appuntamento è per stamani, 14 agosto, alle ore 8 e per i tre giorni successivi, con lo sparo di mortaretti. Nel pomeriggio sarà la volta della Santa Processione che si snoderà per le vie principali centrali della città. Il 15, alle ore 11, sarà la volta della Santa Messa in Cattedrale, ufficializzata da Mons. Vincenzo Pelvi, Arcivescovo Metropolita di Foggia-Bovino, una messa allietata dai canti della Cappella Musicale Iconavetere, coro ufficiale metropolita della Cattedrale di Foggia. La sera sarà la volta dello show, in Piazza Cavour, del concittadino Renzo Arbore e la sua Orchestra Italiana, un ritorno in terra dauna per i 50 anni di attività artistica dello show man foggiano. Alle ore 24, sempre in piazza Cavour e precisamente davanti il Pronao della Villa Comunale, gran festa con i fuochi pirotecnici. Il 16 la festa continua con mercatini e bancarelle ubicate nell’area pedonale e intorno la Cattedrale.

Per tal occasione, il Sindaco di Foggia, Franco Landella, ha voluto inviare a tutti i concottadini il suo messaggio augurale, proposto di seguito. «La tradizione della Festa patronale è un momento di riflessione e speranza per tutta la nostra comunità, anche per rigenerarsi e per trovare i giusti stimoli per una ripartenza». Così il sindaco di Foggia, Franco Landella, si rivolge ai cittadini che si preparano a vivere la ricorrenza delle apparizioni della Madonna dei Sette Veli. «Questa Amministrazione ha voluto consolidare le tradizioni foggiane che sono un patrimonio da custodire e tramandare alle nuove generazioni, affinché non vadano dispersi i riti e le ricorrenze che caratterizzano la storia della nostra città – fa sapere il primo cittadino del capoluogo dauno –. Come tanti foggiani, sono legato a questa ricorrenza da sentimenti di devozione e di forte appartenenza. Ma il mio pensiero è rivolto soprattutto a chi soffre, agli ammalti e a quei cittadini in difficoltà. La morsa della crisi economica è sempre più stretta e questo ci porta con facilità allo sconforto, a lasciar perdere quei valori e quegli ideali che ci contraddistinguono. Tante volte i riferimenti autentici vengono a mancare. Anche per questi motivi abbiamo voluto organizzare un Ferragosto ricco di eventi, per consentire ai cittadini che non possono permettersi di andare in vacanza di poter passare una giornata di vera Festa e per far rivivere le tradizioni di una volta ai numerosi concittadini che risiedono fuori. Che la Festa patronale, dunque, diventi un momento di concordia e felicità per la nostra Comunità, certo che queste giornate possano essere l’occasione per stringersi attorno alla Madonna dei Sette Veli e alle nostre tradizioni locali. Per questo – conclude il sindaco di Foggia – formulo l’augurio che possa essere questa l’occasione propizia per cementare il rapporto con le tradizioni e rinsaldare sempre più l’amore per la nostra Patrona. A Lei chiediamo di prenderci per mano e guidare il cammino della nostra storia».

Ad Maiora!

NICO BARATTA



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi