Manfredonia
Diretti dal Comandante di Fregata (CP) Nicola Latinista

“Mare sicuro”, Capitaneria Manfredonia “Proseguono controlli a terra e in mare”

Si ricorda che è sempre attivo il “numero blu” per l’emergenza in mare 1530

Di:

Manfredonia. Anche quest’anno, nell’ambito dell’operazione nazionale “Mare Sicuro”, che vede impegnata la Guardia Costiera da giugno a settembre, i militari, uomini e donne della Capitaneria di Porto di Manfredonia – comandata dal Capitano di Fregata (CP) Nicola Latinista – sono chiamati ad assolvere il delicato compito che li vede attori principali nella duplice veste, da un lato, di supervisori presenti ed attenti nonché garanti di una fruizione sicura e serena del mare e, dall’altro, tutori del rispetto delle norme per prevenire e punire i comportamenti pericolosi ed illeciti. È proprio in estate che viene ribadito quotidianamente, dagli innumerevoli interventi, la vocazione della Guardia Costiera verso la salvaguardia della vita umana in mare. L’operazione “Mare Sicuro 2016”, promossa dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto, è strutturata in modo da prevedere la presenza costante del personale della Guardia Costiera lungo le coste della nostra Penisola.

Ed anche nel corso di questa stagione estiva, i militari della Capitaneria di Porto Manfredonia, nel periodo clou 13-16 agosto, stanno intensificando ulteriormente sforzo ed impegno operativo sia a mare che a terra, mediante l’impiego di tutte le unità navali dipendenti, ed il raddoppio delle pattuglie terrestri lungo le coste di giurisdizione, impegnate nella verifica del rispetto da parte degli esercenti e dell’utenza delle regole dettate dall’Ordinanza di sicurezza balneare della Regione Puglia e della Capitaneria di porto, ciò al fine di garantire una serena estate a tutti i fruitori del mare senza dimenticare, la lotta all’inquinamento marino ed alla pesca illegale che impegnano la Guardia Costiera senza soluzione di continuità.

È bene rammentare, sottolinea il Comandante della Capitaneria di Porto di Manfredonia, che la sicurezza parte in primo luogo dal rispetto di poche e semplici regole di buon senso e prudenza, come ad esempio non sopravvalutare le proprie capacità natatorie o, se si decide di andar per mare, un minimo di esperienza marinaresca ed un accurato controllo del natante/imbarcazione prima di intraprendere la navigazione.

Con l’occasione si ricorda che è sempre attivo il “numero blu” per l’emergenza in mare 1530, che consente di mettersi direttamente in contatto con la più vicina sala operativa della Guardia Costiera, abbreviando in questo modo i tempi di intervento.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Enerdonia ex città di Manfredonia

    Qualche controllino nelle vendite abusive e nelle pescherie lo fate?


  • Nicol

    Sulla spiaggia libera di Ippocampo nella notte tra il 14 e 15 agosto tantissimi gruppi di giovani si sono accampati in un barbecue. La mattina sulla spiaggia erano presenti quintali di rifiuti e bottiglie, e sinceramente, da Manfredoniano mi sono vergognato, tantissimi stranieri erano schifati e increduli, tutti a fare foto e inviarle sul web. Queste bestie si incontrano tutti gli anni nella notte del 14 agosto e lasciano sulla spiaggia di tutto. Achi spetta il compito di interrompere questa squallida usanza? Devo pensare che ai signori della Capitaneria nn è mai arrivata una segnalazione su questo scempio.


  • Antonino

    Sono sempre piu convinto che spiagge libere non le possiamo avere, e’ meglio pagare anche 1 euro a testa, sia per la pulizia e sia per evitare queste festicciole di tanti Porci, si perché non si possono definirli diversamente.
    Con questo tipo di imbecil.. non si po’ fare o avere nessun turismo, ma solo chi si adatta di stare in tale porcile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati