Cultura
Uno dei momenti più toccanti del libro è l’incontro tra Shackleton e Sørlle nella stazione di Stromness

Endurance – A.Lansing, 2003

"L’incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud”, che ebbe e continua ad avere un enorme successo, fu il suo primo libro


Di:

Bologna/Manfredonia. Questo libro del 1959, che ricostruisce “l’incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud”, è stato pubblicato per la prima volta in edizione Corbaccio nel gennaio del 1999, e nella collana TEA Avventure nell’aprile del 2003, raggiungendo nel gennaio 2017 la dodicesima ristampa, a testimonianza dell’interesse sempre vivo nei confronti di un personaggio e di una vicenda straordinari.

ENDURANCE. Era il 1° agosto del 1914 quando, al comando del famoso esploratore Sir Ernest Shackleton, ventisette uomini salparono da Londra alla volta dell’Antartide. Lo scopo della spedizione era di attraversare via terra il continente antartico da est a ovest. Ma a sole ottanta miglia dal Polo, l’Endurance, una splendida goletta concepita per la navigazione tra gli iceberg, rimase intrappolata nel ghiaccio del mare di Weddell e per dieci mesi venne trascinata verso nord-ovest dalla deriva del pack. Il 21 novembre del 1915 la nave, non resistendo alla pressione della banchisa, sprofondò nel ghiaccio, costringendo Shackleton e il suo equipaggio a un’incredibile lotta per la sopravvivenza in uno dei luoghi più inospitali della Terra. Avvincente come un romanzo, il libro di Alfred Lansing ricostruisce una delle imprese più straordinarie, un’incredibile avventura i cui protagonisti furono il coraggio, la resistenza, l’abnegazione che contraddistinsero gli uomini di Shackleton e la sua straordinaria capacità di sostenerli e guidarli.

ANALISI. Uno dei momenti più toccanti del libro è l’incontro tra Shackleton e Sørlle nella stazione di Stromness, sull’isola della Georgia Australe. Ma a quel punto la storia è arrivata al suo incredibile epilogo. E incredibile è il termine adatto a indicare lo stupore del lettore di fronte a un’impresa epica e irripetibile. Innanzi tutto bisogna considerare il periodo in cui avvenne, agli inizi del Novecento, anni ancora lontani dallo sviluppo tecnologico, per cui gli uomini della spedizione avevano a disposizione pochissimi mezzi ed erano completamente abbandonati a sé stessi, perché anche le comunicazioni erano piuttosto complicate, soprattutto in certe condizioni climatiche. Nessuno si mosse per cercare l’equipaggio dell’Endurance, dato per disperso. Dimenticati da tutti, per più di due anni Shackelton e il suo equipaggio hanno lottato duramente per sopravvivere in uno dei luoghi più inospitali del pianeta, quasi sempre in condizioni ambientali estreme. Storia d’altri tempi, magnificamente narrata da Alfred Lansing, una lettura imprescindibile per gli amanti del mare e delle avventure dei grandi esploratori. Il libro è arricchito da un testo di Marco Preti, “Cosa avrei dato per essere al posto di Ernest Shackleton…”.

L’AUTORE. Alfred Lansing, scomparso nel 1975, fu giornalista e scrittore free-lance. “Endurance. L’incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud”, che ebbe e continua ad avere un enorme successo, fu il suo primo libro. Da questa vicenda è stato tratto recentemente “Shackleton”, un film per la televisione, con Kenneth Branagh nel ruolo del grande e carismatico esploratore.

A cura di Carmine Totaro

Alfred Lansing
ENDURANCE
L’incredibile viaggio di Shackleton al Polo Sud
2003, TEA
Valutazione: 5/5

Endurance – A.Lansing, 2003 ultima modifica: 2017-08-14T10:03:56+00:00 da Carmine Totaro



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi