Manfredonia

Attese. Commercianti via A.Mura: “Quando il trasferimento nel nuovo mercatino?”

Di:

Nuovo mercato rionale - parete laterale finestrata (ST)

Manfredonia – “PRIMI di novembre, entro l’anno, e il mercatino di via Antiche Mura sarà trasferito”. Lo dice a Stato l’assessore alle opere pubbliche Salvatore Zingariello, in seguito ad alcune segnalazioni dei commercianti dell’area e dopo soprattutto una precedente promessa per la partenza dei lavori nell’aprile 2011 ( Focus, intervista nell’aprile 2011, il progetto).

“Stiamo provvedendo alla copertura delle singole aree – continua ancora l’assessore Zingariello – i commercianti che svolgono le loro attività ci hanno chiesto di continuare a lavorare fino ad ottobre. Ecco diciamo: entro l’anno con certezza il mercato sarà trasferito nella nuova sede di via Santa Restituta”.

“Nel corso di questi mesi – aggiunge l’assessore – abbiamo chiamato singolarmente i vari venditori interessati al trasferimento di aree. Il progetto è stato presentato ai commercianti, ai rappresentanti di categoria, i commercianti hanno presentato singole richieste (da un’area parcheggio e la durata della permanenza ad ottobre nell’area). Stiamo rispettando tutti i passaggi concordati prevedendo la copertura delle spese tramite i fondi reperibili dal Piano triennale delle opere pubbliche (“Copertura mercato giornaliero S.Restituta”: per una cifra pari a 500.000,00 Vedi delibera 191/11, aggiornamento). A breve il bando per l’attivazione delle cd tendo strutture (utilizzate per fiere, porti e per la delimitazione degli spazi per ogni singolo commerciante)


L’INCONTRO NELL’APRILE 2011
– In verità il ritardo per i lavori resta palese, in considerazione del precedente trasferimento preannunciato nell’aprile 2011, dopo l’incontro, nell’Aula Consiliare di Palazzo San Domenico, tra gli assessori Salvatore Zingariello e Antonio Angelillis, con delega rispettivamente ai Lavori Pubblici e all’Annona, e i commercianti del mercatino rionale di via delle Antiche Mura. Durante il confronto il Comune aveva voluto sottoporre preventivamente all’attenzione degli interessati il progetto di organizzazione degli spazi.

MOSTRATO VIDEO VIRTUALE, LE TENDOSTRUTTURE –Attraverso la proiezione di un video virtuale, era stato possibile visionare anche le nuove tendostrutture, che dovrebbero essere messe a disposizione di ciascun commerciante nel nuovo mercato. Per il trasferimento: i commercianti avevano già dichiarato di preferire l’autunno per lo spostamento,mentre l’assessore Angelillis si era detto più propenso a completare le operazioni prima dell’estate.

SI ATTENDEVA LA CHIUSURA DELLE SCUOLE – “Poter fruire della struttura mercatale quando le scuole sono chiuse, il traffico è regolare e i turisti sono più numerosi potrebbe accelerare il processo di fidelizzazione al nuovo sito”, aveva spiegato l’assessore all’Annona.

LA LETTERA AD OTTOBRE 2010 DEGLI OPERATORI: “IN VIA ANTICHE MURA CARENZE IGIENICO-SANITARIE PER I SERVIZI” – “VIVIAMO tutti nella speranza che il mercatino di Manfredonia venga presto spostato nella sede opportuna”. Vale a dire: “quella che il Comune ha allestito in via Santa Restituta”. La protesta era arrivata a Stato attraverso una lettera-comunicato di un gruppo di residenti dell’area del mercatino rionale di via Antiche Mura. Il problema principale, come emerso al tempo, era ed è costituito dalla “copertura” dell’intera superficie dove dovrebbe insistere il nuovo mercatino. Una copertura che, come disse ad ottobre 2010 l’assessore alle opere pubbliche Salvatore Zingariello, avrebbe dovuto avvalersi di “pannelli fotovoltaici” per lo sfruttamento di energie da fonti rinnovabili. Ma non è escluso, qualora non venga raggiunta un’intesa relativa (un’intesa che consenta al Comune di non intaccare i fondi del bilancio) che la copertura della superficie venga realizzata “totalmente in ferro”. A margine della vicenda si ricorda solo che la prima delibera relativa al trasferimento del mercatino in via Santa Restituta è stata redatta dalla G.C. nel luglio del 1997. Questo per realizzare delle “opere di adeguamento alle norme igienico – sanitarie delle aree pubbliche destinate all’esercizio quotidiano del commercio”. Ovvero: sembra proprio – come denunciato dai residenti – che nella zona relativa alle compravendite gli scambi siano avvenuti in una clima di “totale insalubrità legale”. Vale a dire: contrariamente a quanto stabilito dalle normative.

LA STORIA – Con deliberazione n.96 del 22 luglio 1997 il Consiglio Comunale di Manfredonia prendeva atto della “necessità di procedere alla esecuzione delle opere di adeguamento alle norme igienico-sanitarie delle aree pubbliche destinate all’esercizio quotidiano del commercio (aree mercatali rionali)”; con atto di G.C. n.1629 del 11 dicembre 1997 veniva affidato l’incarico per la progettazione e direzione dei lavori delle opere in questione all’ingegnere Nicola Trotta; l’incarico veniva regolato da apposita convenzione sottoscritta il 21 gennaio 1998 n.3867 Reg; l’ingegnere Trotta in adempimento dell’incarico conferito, “constatando l’impossibilità di adeguare il mercatino giornaliero nell’attuale sito di via Antiche Mura”, avanzava diverse soluzioni di trasferimento in varie zone tutte discusse con l’Amministrazione Comunale nonché con le associazioni di categorie, e che, “per svariate ragioni non hanno trovato accoglimento”; “di recente, dopo ulteriori indagini è stata accolta la soluzione che vede il trasferimento, previo adeguamento dell’area, in via Santa Restituta a ridosso della scuola media “G. Tommaso Giordani”. Di conseguenza il tecnico incaricato aveva trasmesso l’allegato progetto definitivo di adeguamento alle norme igienico-sanitarie delle aree pubbliche destinate all’esercizio quotidiano del commercio relativo all’attuale mercatino di via Antiche Mura, da trasferire in via Santa Restituta, per una spesa complessiva di 350.000 euro (vedi la delibera di G.C. 246 del 2 luglio 2009, La delibera 346/2010).

Salvatore Zingariello, assessore opere pubbliche del Comune (St)

La spesa fu così distinta: 265mila euro l’importo dei lavori, 4mila euro gli oneri per la sicurezza per un totale complessivo di 269mila euro, che sommate agli 81mila euro a disposizione completano la somma indicata. Le opere da realizzare ricadono su aree di proprietà privata destinate nel PRG a pubblico parcheggio P/10 e P11 aggregati ai comparti CA, e “F23” a istruzione pubblica aggregata ai comparti CB; il Comune per reperire le aree indicate ha proceduto per espropriazione, previa variante urbanistica da adottare ai sensi dell’art. 12 della L.R. n. 3 del 22/02/2005, e previa valutazione delle eventuali osservazioni degli interessati. L’opera del trasferimento del mercato da via Antiche Mura a via Santa Restituita è stata inserita nel programma delle OO.PP. 2009-2011 e compresa nel programma OO.PP. per l’anno 2009, giusta delibera di adozione di C.C. n. 51 del 13/05/2009, per un importo di 350mila euro. Dunque con l’aggiornamento delle spese un surplus di ulteriori 150mila euro. Va inoltre considerato che la delibera di C.C. n. 11 del 26 febbraio 2003, che localizzava su parte della predetta area la caserma dei Carabinieri è stata ritenuta decaduta causa la mancata dichiarazione di “pubblica utilità” entro i cinque anni dall’imposizione del vincolo predeterminato all’esproprio.

SOMMA FINANZIATA ATTRAVERSO PRESTITO CON CASSA DD.PP. – La spesa complessiva di 350mila euro (ora 500mila) sarà finanziata attraverso un mutuo da contrarre con la Cassa DD.PP.; l’area per istruzione deve essere reperita nell’adiacente insula C10, e quelle destinate a parcheggio P10 e P11 sono state aggregate al comparto CA/12 del PRG, giusta delibera di C.C. n. 31 del 4/05/2009, “salvo piccole residue porzioni”. L’atto era a fima del dirigente del 7^settore, mentre il responsabile del procedimento per l’opera è l’ing. Giuseppe Di Tullo, Capo Servizio Impianti del Comune di Manfredonia.

Una bancarella di un commerciante cinese nel mercatino di via Antiche Mura (image M.P.Telera)

LA LETTURA DENUNCIA DEI CITTADINI: “ATTIVITA’ DI COMMERCIO SENZA IL DOVUTO ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE IGIENICO-SANITARIE” – I lavori nella zona sono iniziati nel dicembre 2009 e sarebbero dovuti terminare nell’aprile del 2010, come spiegarono i cittadini. “Di fatto spiegano i cittadini i lavori sono terminati nel luglio 2010, salvo qualche inezia facilmente ultimabile”. “Ultimamente è stata apportante una variante alla delibera che consentirebbe di costruire una copertura/riparo, fortemente richiesta dai venditori delle bancarelle e saldamente sostenuta dal neo assessore ai lavori pubblici Zingariello”, dissero ancora i residenti dell’area di via Antiche Mura. Ad oggi la nuova zona idonea ad ospitare le attività mercatali è ancora inutilizzata, mentre le stessi attività relative al mercato continuano ad essere svolte “in una discarica di illegalità” dissero i cittadini, quale si presenta via Antiche Mura “dal lunedì al sabato” e dove sarebbe assente – secondo i residenti – “qualsiasi controllo da parte delle autorità competenti”. “Pur facendo appello allo spirito di collaborazione dei residenti le autorità comunali preposte tengano presente che l’ulteriore rinvio dello spostamento a data da destinarsi del mercato porterà inevitabilmente alla inutilità della nuova sede e quindi ad uno spreco del denaro pubblico (circa 350mila ora 500mila ) ed inoltre sotto l’aspetto idrogeologico significherebbe approvare una situazione di completa illegalità sia dal punto di vista igienico sociale (mancato rispetto dei diritti dei residenti)”.

La PA cercherà di indire un bando per la copertura dell’area vincolando la stessa realizzazione all’installazione di “pannelli fotovoltaici per lo sfruttamento dell’energia da fonti rinnovabili”. Per la copertura in ferro sarebbero necessari circa 400mila euro di spesa. Ottocentomila nel caso di una copertura con pannelli fotovoltaici, come dissero dal Comune. Ora la nuova data: “entro l’anno ci sarà lo spostamento”.

MERCATO GENERALE – “Le opere stanno andando avanti. Tra 30 giorni l’impresa dei lavori dovrebbe consegnare l’area. Abbiamo intavolato con le associazioni di categoria gli spostamenti. Il progetto è stato percepito, come la planimetria, l’aggiornamento sarà fra 15 giorni con le associazioni di categoria regionali ( Delibera)

g.defilippo@statoquotidiano.it



Vota questo articolo:
8

Commenti


  • Gianfranco

    Buongiorno mi chiamo Gianfranco, abito da circa otto anni in Piazza G. Salvemini zona Monticchio a Manfredonia, per intenderci la mia abitazione è CIRCONDATA nei suoi 4 lati ed oltre dal Mercato Settimanale del Mercoledì. Già dal Martedì sera mi devo ricordare in modo fobico ed insopportabile di parcheggiare l’auto, che l’indomani mi servirà per andare a lavoro, in una zona esterna dalle bancarelle pertanto a rischio di topi d’auto; macchine che nelle ore notturne corrono all’impazzata e potrebbero finire la loro corsa sulla mia (come già è successo qualche anno addietro); sono impossibilitato a sostituire la saracinesca del box perchè gli ambulanti ci appoggiano di tutto sverniciando ed ammaccando e cmq per circa sette ore manco ho la padronanza e il diritto di accedervi; ambulanti forestieri che già dalle 05:45 urlano all’impazzata e scaraventano ferraglia a terra senza tener conto che chi risiede 365 gg all’anno nella sua abitazione potrebbe essere svegliata con molto anticipo o potrebbe essere andato a letto dopo una turnazione notturna di lavoro. Ah, dimenticavo gli addetti all’ASE che travasano l’immondizia dai mezzi piccoli a quelli grandi, lasciando a terra liquami puzzolenti vari. Vabbè non parliamo del marciapiede che è l’unico a Manfredonia ad essere ancora in “Asfalto” e non in mattonelle come tutti gli altri confinanti che già sono stati sostituiti senza motivo o senza tener conto del mio che doveva esser fatto per la prima volta. Durante la settimana i ragazzini scalciano palloni in quoio (pesantissimi) tanto da rompere vetrate di portoni e far dissaldare inferriate di balconi che a fargli la manutenzione porta delle spese fuori programma (con sta crisi poi!!!) Scusate arrivo al dunque:
    1° Ma quando caspita verrà trasferito sto Mercatone Settimanale di commercianti stramaleducatissimi? Quando saremo proprietari liberi per tasse che paghiamo per 365gg?
    2° Ma i Vigili Urbani quando passeggiano per il mercato settimanale, vedono che stì negozi ambulanti occupano anche lo spazio dedito ad accedere alle abitazioni, ai box o altri locali privati?
    3° Ma i Vigili Urbani che hanno ricevuto già una comunicazione scritta, di essere più presenti in zona per sequestrare palloni di quoio così distruttivi per le strutture esterne, dove sono?
    4° Ma gli addetti all’Ufficio Tecnico sanno che le mattonelle per il mio marciapiede non sono state mai piastrellate o acquistate?
    Scusate se vi ho trattenuto a lungo, ma son sicuro che nulla cambierà apportando i giusti provvedimenti, nessuno mi risponderà e il mio sarà solo uno sfogo! Cmq GRAZIE!


  • Gianfranco

    Ah, dimenticavo tutte le volte che ho scritto QUOIO con la “Q” non è un errore ma è per far capire quanto è pesante quel pallone! Ciao


  • aiutooooo

    Gianfranco mi dispiace che le tue lamentele cadranno nel nulla, io non abito a monticchio ma ti assicuro che la situazione è la stessa anche in altri quartieri. I ragazzi sono maleducati, non ineducati, e i loro genitori peggio…i vigili? non ne parliamo…. hanno troppo da fare a girare in macchina come se fossero dei boss… ma in che paese viviamo?????


  • Redazione

    In considerazione di un testo anonimo giunto in redazione sull’argomento (con riferimenti, nomi, cifre e accuse)e ritenendo di aver dato ampio spazio alla vicenda con il presente testo – comunichiamo l’impossibilità di poter pubblicare il contenuto della stessa missiva.

    Grazie, Red.


  • puffetta 79

    è tutto così assurdo…………..è inaccettabile questa situazione,e ancora più inaccettabile è il da farsi dei vigili urbani nel mercato,più che vigilare si preoccupano solo di maltrattare qualche marocchino,che magari non ha voluto regalargli niente in cambio di qualche favore………!!!


  • per il signor Gianfranco

    mica la strada è un posto macchina…mettila nel BOX vero?….popolo di lamentoni…


  • Gianfranco

    ahahhaha popolo di lamentoni??? Forse signor nessuno, non hai capito che il box lo posso usare solo 6gg su sette e il parcheggio per strada diventa un posto auto occasionale non fisso. Nei periodi festivi devo anche indagare quando lo anticipano o lo posticipano. Mettiti il mercato settimanale sotto casa tua. Grazie per il Signor!


  • Stefano

    Nessuno riuscirà mai a capire cosa significa vivere in via delle antiche mura se non ci abita, rumori puzze tremende cafoni impareggiabili etc etc… Poi vogliamo parlare dei garage o box, ebbene io ho 6 giorni su sette appiccicato al mio garage conche di pesce puzzolente e/o formaggi e salumi lasciati al sole a squagliarsi. Questa è una situazione orrenda, voi non potete capire casa significa vivere tappati in casa per la puzza e per i continui rumori dalle 4:30 del mattino alle 16:30 e oltre del pomeriggio, è ASSURDO! Io mi vergogno di essere Manfredoniano e di vivere in questo schifo di paese, qui alla gente importa solo dei propri problemi, ma come fanno a fare le spesa in questo schifo? Sembrano degli assatanati in mezzo a quei pesci buttati a terra nelle cassette fra le mosche e la puzza. Sapete che vi dico questa situazione fotografa in pieno il livello di cultura di civiltà di questo paese ed è assurdo che qualcuno si permetta di dire che sono solo lamentele, VERGOGNATEVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi