Manfredonia

Il bene mio. Tributo a Matteo Salvatore oggi a Manfredonia

Di:

La conferenza stampa (ST)

Manfedonia – SI è svolta, nel chiostro di Palazzo San Domenico, la conferenza stampa di presentazione del grande concerto gratuito “Il bene mio”, evento dedicato a Matteo Salvatore ed organizzato dal Comune di Manfredonia e Promo Music, coorganizzato dal Parco Nazionale del Gargano, Provincia di Foggia, Camera di Commercio di Foggia, GAL DaunOfantino, GAL Piana del Tavoliere, Gal Gargano, sostenuto da Promo Daunia e Banca del Monte di Foggia, realizzato in Puglia con il sostegno di Puglia Sounds e la collaborazione del Premio Matteo Salvatore, che si terrà domani sera, mercoledì 14 settembre c.a., in Piazza Giovanni XXIII, a Manfredonia.

Ricco e qualificato il consenso dei convenuti: da Angelo Riccardi (Sindaco di Manfredonia) a Stefano Pecorella (Commissario del Parco Nazionale del Gargano), passando per Lucio Dalla (cantante e produttore), Marco Alemanno (attore e cantante), H.E.R. (musicista), Angelo Cavallo (Presidente Premio Matteo Salvatore), sino a Marcello Corvino (produttore di Promo Music – Corvino Meda Editore) e Cosimo Damiano Damato (regista).

“Questa manifestazione è stata fortemente voluta dall’Amministrazione cittadina con la collaborazione fondamentale, in maggior specie in un momento così difficile e che ci avrebbe precluso la realizzazione pratica di una simile aspirazione, del Commissario Stefano Pecorella in rappresentanza dell’Ente da lui presieduto”, ha detto il sindaco di Manfredonia.

La vicinanza fisica con Lucio Dalla, seduto alla sua destra, è spunto per ricordare che “Lucio manca da Manfredonia da ben quattordici anni e questa è stata l’occasione propizia per ricondurlo alle proprie origini e, magari, per fargli pagare simbolicamente pegno strappandogli la promessa di concludere la serata di domani con qualcuno dei pezzi che lo hanno reso l’artista noto a tutte le latitudini quale è, e magari per vederlo tornare presto per dedicarci un’intera serata. Manfredonia è orgogliosa di lui e noi tutti, sipontini, lo seguiamo sempre con un’attenzione particolare, quella stessa che si dedica spontaneamente a chi si ritiene proprio conterraneo”. Il primo cittadino, prima di concludere, ricorda che “Matteo Salvatore è una persona che va amata nella sua genuinità, che va apprezzata per la lotta perenne che ha condotto nei confronti dei poteri precostituiti, che merita apprezzamento per quello che è riuscito a realizzare per la propria terra”.

Stefano Pecorella, confidando che “I costi maggiori di un simile evento, gratuito per chiunque non vorrà perdere l’occasione di assistervi, sono sostenuti dall’Amministrazione Comunale e dal Parco Nazionale del Gargano”, definisce Dalla “Cittadino onorario della nostra terra al pari di Matteo Salvatore” e proprio la storia di quest’ultimo, “e del territorio cui appartiene e che così degnamente rappresenta, riveste un carattere ed un valore assoluto”. Affascinante e perfettamente calzante la citazione finale di Italo Calvino al riguardo di Matteo Salvatore: “Le parole di Matteo Salvatore noi le dobbiamo ancora inventare”.

Marcello Corvino illustra che “Il progetto incentrato su Matteo Salvatore si sviluppa in tre fasi: una prima con il concerto che si svolgerà domani sera, e che rappresenterà la colonna sonora del lungometraggio che si sta realizzando; una seconda, rappresentata dall’esperienza teatrale che vedrà protagonisti Marco Alemanno, come attore, ed H.E.R., per ciò che concerne la cura degli arrangiamenti musicali; una terza ed ultima, rappresentata dal film del regista Cosimo Damiano Damato”. Il produttore foggiano ringrazia “Il Sindaco, Angelo Riccardi, autentico capofila di un progetto che è da ritenersi una vera e propria operazione culturale. Da un pò di tempo a questa via spira, infatti, un’aria venefica di anti-meridionalismo, cavalcata ad arte da strani ominidi verdi, saranno mica marziani?, a cui noi rispondiamo nella maniera più efficace e cioè con la forza della cultura e con la bellezza, unica, del nostro territorio”.


L’atteso ed istrionico Lucio Dalla riscuote subito consensi quando esordisce affermando “Le mie radici e la mia cultura appartengono a questa terra. E’ vero che sono nato a Bologna ma non mi sono mai sentito emiliano quanto piuttosto manfredoniano, non fosse altro per la mia infanzia trascorsa qui con mia madre, nel periodo compreso tra i sei ed i quindici anni. Ci sono tornato spesso, successivamente, da queste parti e fu proprio in una sera di anni fa che, in macchina nella piana di Macchia, con le luci spente ed il buio che mi circondava mi sentii orgoglioso di provare emozioni come quelle che pervadevano Matteo Salvatore. In quei momenti, in compagnia di amici, ascoltavamo il buio e vedevamo il silenzio”. Racconta che “Mi sono esibito in concerto con Matteo Salvatore nei primi anni settanta e sono rimasto profondamente colpito dalla modernità e dal valore assoluto di un simile precursore, non solo nell’ambito musicale, dove non ha pari, ma anche nel contesto culturale in cui si è mosso e di cui è stato protagonista. Sono convinto che l’Italia si sviluppa da Roma in giù e l’anima del Sud impregna le canzoni di Matteo Salvatore, una autentica bandiera sociale, per il modo in cui ha condotto la propria esistenza, ed un artista che ha conferito alla sua musica una forte funzione provocatoria di denuncia. La cultura garganica, e marinara, di questo territorio sono documentati dal linguaggio adoperato da Salvatore ed il film che ne narrerà la vita non deve essere inteso come un tributo alla sua memoria, bensì come possibilità di fare tesoro degli insegnamenti che ci ha lasciati. Valori attuali e da recuperare in una società ed in un mondo sempre più globalizzati”.

Lucio Dalla (ST)

Marco Alemanno, che interpreterà Matteo Salvatore da giovane, confida di “essermi innamorato da subito del progetto che ho inteso come una vera e propria chiamata da parte dello spirito dell’artista pugliese” e Cosimo Damiano Damato, con indosso una t-shirt con la dicitura ‘De Puglia madre’, si addentra in una disamina precisa ed ispirata quando dice “L’Italia è troppo spesso abile nel dimenticare e nel non saper riconoscere il valore fondamentale della cultura. E’ stata, invece, proprio questa prerogativa ad unire realtà peculiarmente differenti tra loro. Non è stato Garibaldi a fare l’Italia ma l’arte, in ogni sua forma ed espressione. Oggi è in atto un riscatto culturale del Sud, un nuovo risorgimento, e, nella prosecuzione di un simile illuminato percorso, non si può prescindere dal recuperare le personalità come quella di Matteo Salvatore”.


H.E.R., tanto affascinante quanto breve nel proprio intervento, compie un parallelismo niente affatto ardito tra “la Cappella della Maddalena, a poche decine di metri da noi, e Matteo Salvatore. Entrambi tesori di inestimabile valore che possediamo e che vanno recuperati per poterne fruire appieno”. Erica Mou confessa, invece, candidamente “Non conoscevo Matteo Salvatore sino a quando mi è stato proposto di interpretarne un brano. Ho compiuto svariate ricerche ma i risultati ottenuti, pochi, piuttosto che demoralizzarmi mi hanno sollecitata nell’approfondimento. Mi sono sentita sempre più coinvolta nella storia della sua vita e sono rimasta impressionata dalla sua ossessione per l’infanzia, fase della vita che, per certi versi, sembra che non abbia mai superato. La mia speranza è una: che questo concerto ed il progetto artistico, nella sua totalità, aprano gli occhi ai giovani così come è successo a me”.

Angelo Cavallo, manager ed intimo del cantastorie pugliese, regala nel finale qualche aneddoto che riguarda Matteo Salvatore. Emblematico il racconto che fa di un episodio risalente al 1994: “Una troupe francesce volle girare un film documentario su questo artista così unico. La proposta fu accettata con sufficiente entusiasmo ma Matteo era ingestibile e voleva essere padrone della situazione scegliendo finanche le locazioni dove effettuare le riprese. Fu così che ci ritrovammo a Punta Grugno, nel territorio di Mattinata, ed una volta giunti sulla spiaggia, guardando il mare dinanzi a sé e le montagne alle sue spalle, affermò di sentirsi ricco quanto e più di ‘Rocco Farlocco’ (Rockfeller). Questo era Matteo Salvatore”.

Il concerto di domani, 14 settembre 2011, in Piazza Giovanni XXIII, a Manfredonia, è gratuito e non vi saranno posti a sedere.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi