FoggiaManfredonia
Fonte ANSA

Gestione Cara di Foggia, ANSA “primi indagati”

"Le indagini, avviate nei mesi scorsi, sono coordinate dal procuratore Leonardo Leone De Castris"

Di:

Foggia. GESTIONE C.A.R.A. di Foggia: alcune persone sarebbero state iscritte nel registro degli indagati, con l’accusa di truffa, corruzione, falso e falso in bilancio. Lo riporta l’ANSA.

“Le indagini, avviate nei mesi scorsi, sono coordinate dal procuratore Leonardo Leone De Castris e dai sostituti Dominga Petrilli e Francesco Diliso. L’inchiesta – a quanto si apprende da fonti inquirenti – è stata avviata dopo che le Forze di polizia, che indagavano sulla piaga del caporalato, hanno notato un’impennata del fenomeno e hanno così constatato che la nuova manovalanza di braccianti arrivava proprio dagli ospiti del Cara di Foggia”.

Si ricorda come il Ministro Alfano ha riferito di aver “istituito una task force operativa per un check up straordinario di tutte le strutture di accoglienza sul territorio”. “Al termine di questa veloce verifica – ha detto il Ministro – informerò il Cdm sulle proposte di una riorganizzazione del sistema e su un progetto contenente un pacchetto di nuove misure operative”. Tutto questo, aggiunge, “s’inserisce nel percorso già avviato di potenziamento del sistema dei controlli sia sui gestori che sulle modalità di funzionamento dei Centri di accoglienza, oggetto di una mia specifica direttiva ai prefetti nell’agosto 2015”.

Nota del Presidente del Gruppo Area Popolare, Giannicola De Leonardis.
“Il reportage del giornalista Fabrizio Gatti sulla situazione all’interno del Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo (Cara) di Borgo Mezzanone, pubblicata sull’ultimo numero de L’Espresso, fotografa una realtà inquietante e sconvolgente, che non può essere assolutamente tollerata. Per questo, ringrazio il Ministro dell’Interno Angelino Alfano per la tempestività con la quale ha sollecitato l’apertura di un’inchiesta, per far piena luce su una realtà che non può presentare alcuna opacità e per accertare responsabilità a ogni livello. Un’inchiesta che, mi auguro, si allarghi anche all’efficacia delle misure di contrasto e alla diffusione dello squallido fenomeno del caporalato, che oltre a essere disumano getta fango su un comparto di fondamentale importanza per l’economia locale e pugliese, l’agricoltura, e su persone che dedicano la loro vita e le loro risorse allo sviluppo e alla crescita delle loro aziende in maniera sana.

Ricordo infatti che l’agricoltura impiega nella sola provincia di Foggia 30.108 addetti – senza considerare l’indotto e i lavoratori stagionali – per 24.876 imprese attive, e nella Puglia 112.555 addetti e 77.588 imprese attive (dati aggiornati al secondo trimestre dell’anno in corso, forniti dalla Camera di Commercio di Bari). Imprese per gran parte iscritte nelle associazioni di categoria, che hanno fatto e fanno del rispetto per la legalità la loro bandiera. Imprese che non meritano di essere associate a fenomeni criminosi e malavitosi che vanno fortemente contrastati e debellati, ma che sono e restano marginali rispetto a un contesto complessivo che è ben diverso da quello che viene illustrato”.



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati