Economia
Nettamente contrario il Codacons al sistema “APE” per l’anticipo pensionistico allo studio del Governo

Pensioni, Codacons contro “APE”

Di:

Nettamente contrario il Codacons al sistema “APE” per l’anticipo pensionistico allo studio del Governo. “Si tratta di un “ape” Regina per le banche, ma molto velenosa per i pensionandi – spiega il presidente Carlo Rienzi – Saranno proprio gli istituti di credito, infatti, assieme alle imprese assicuratrici, a godere di enormi benefici grazie al regalo proposto dal Governo, mentre per i lavoratori si aprirà uno scenario svantaggioso, con perdite che potrebbero raggiungere il 20% sull’importo finale della pensione”.

“Quello che il governo propone attraverso l’Ape non è certo un regalo ai lavoratori, e chi vorrà anticipare la pensione dovrà passare sotto le forche caudine, schiacciato tra interessi bancari al 3% per il mutuo ventennale e assicurazione obbligatoria per eventuale decesso – prosegue Rienzi – Le condizioni sono estremamente svantaggiose per i pensionandi, e le perdite monetarie ingenti e certamente superiori ai possibili benefici. Gli unici soggetti che ancora una volta beneficeranno delle decisioni del Governo, saranno banche e assicurazioni, le quali possono contare sul consueto regalo dell’esecutivo”.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • nunzio

    E’ solo demagogia per spillare soldi alla gente e cercare di ottenere il “SI” al referendum e agevolando la lobby dei banchieri. 2 piccioni con una fava. Ma gli italiani non abboccheranno a queste favole.

  • Con questo meccanismo, ancora una volta, saranno AGEVOLATI chi ha versato pochi contributi o lavorato per certi periodi in nero, condannando, ancora una volta, chi ha lavorato versando quelli dovuti.
    Si sta creando un’enorme ingiusttizia economica tra i lavoratori che sono andati in pensione tre anni fa e quelli che andranno fra due, creando una differenza di trattamento economica di circa il 30%.
    E’ un’ingiustizia sociale, dover pagare tutte le ruberie delle casse pensionistiche di 40 del passato, su di due generazioni future di pensionati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati