ManfredoniaMonte S. Angelo
"Ho l'impressione che rispetto al passato l'importanza sia il parlare"

Giovanni Ciliberti “Un sorriso d’occasione, è quello che ci vuole?”

"Il 22 settembre a Monte ci sarà il Procuratore nazionale Antimafia"


Di:

Monte Sant’Angelo. ”Ho vissuto da vicesindaco l’escalation della faida che ha visto quasi tutti i pezzi da novanta della malavita montanara cadere sotto il fuoco nemico. Ricordo una seduta del Consiglio di Sicurezza provinciale tenuta a Monte (oltre a me ed al sindaco erano presenti il Prefetto, il Colonnello dei Carabinieri, il Questore, il Colonnello della Finanza ed altri) durante la quale veniva confermato il sostegno alla città ed a chi l’amministrava. In quella riunione ci fu l’impegno di tutti, quello dell’amministrazione si concretizzò nel successivo bilancio con il finanziamento del progetto solidarietà (£ 300 milioni) che avrebbe dovuto interessare i ragazzi e i giovani, specie quelli delle famiglie coinvolte nella faida. Non facemmo pubblicità, lavorammo in silenzio, non avevamo la necessità di gridare per affermare la nostra presenza.

Oggi le cose sono cambiate.

Ho l’impressione che rispetto al passato l’importanza sia il parlare ed infatti il sindaco Piepaolo d’Arienzo invece di ringraziare il direttore di Telenorba, lo ha rimproverato perché a suo dire non conosce i fatti come lui, i condizionamenti ci sarebbero stati e forse anche le comunicazioni giudiziarie. Io gli avrei mandato una pariglia di caciocavallo perché ha parlato bene di Monte e dei montanari. Avrei fatto questo anche perché se il Consiglio di Stato avesse dato ragione alla precedente giunta non ci sarebbe stato il cappio di dover inviare tutti gli atti alla Prefettura: la legge prevede infatti, per i CC sciolti, 5 anni di controllo. Mi aspetto da d’Arienzo non un sorriso d’occasione bensì una concreta azione di riavvicinamento delle parti sociali perché Monte non si amministra contro.

Il 22 settembre a Monte ci sarà il Procuratore nazionale Antimafia. E’ una opportunità, una presenza autorevole di vicinanza. Mi piacerebbe se dopo l’incontro pubblico ci fosse un analogo confronto come quello che tenemmo con il consiglio di sicurezza provinciale alcuni decenni fa”.

(A cura di Giovanni Ciliberti, 14.09.2017 – Profilo facebook)

Giovanni Ciliberti “Un sorriso d’occasione, è quello che ci vuole?” ultima modifica: 2017-09-14T19:38:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
10

Commenti


  • ANTONIO

    CONDIVISIONE DELL’ARTICOLO INELUTTABILE. CONCORDO APPIENO, E AGGIUNGO CHE NON TUTTI SONO POLITICI: CI SONO I POLITICI E I POLITICANTI. QUELLI ATTUALI DI QUESTA AMMINISTRAZIONE SONO POLITICANTI. LO DIMOSTRANO GIORNALMENTE. LO DIMOSTRERANNO IN FUTURO. E LO HANNO GIA’ DIMOSTRATO NEL RECENTE PASSATO, SEBBENE SIANO AL PALAZZO COMUNALE DA SOLI TRE MESI. INFATTI, COME PRIMO ATTO, I NOSTRI AMMINISTRATORI HANNO RITENUTO OPPORTUNO DI RADDOPPIARE LO STIPENDIO DEL SINDACO, NONOSTANTE IN CITTA’ CI SIA UNA DISOCCUPAZIONE DIFFUSA! E NONOSTANTE CI SIANO DELLE SACCHE DI POVERTA’ IMPERANTE. UNA MOSSA POLITICA DEGNA DEI PIU’ PREZIOSI POLITICANTI.

  • Ciliberti dice falsità e lo sa bene. Il servizio di Telenorba era a difesa degli ex amministratori sciolti, non di noi montanari che niente abbiamo a che fare con loro. Il sindaco sbaglia spesso ma ha fatto bene a rispondere per le rime a Telenorba perché ha dimostrato che a Monte non siamo tutti omertosi.

  • Che Ciliberti parli per se, non rappresenta noi montanari. Nessuna nostalgia nè di lui nè dei suoi amici. Non ha mai fatto niente per Monte.

  • Sarebbe interessante chiedere al signor Ciliberto perché lo disturba che gli atti del comune vengono inviati alla prefettura per i controlli. A noi che non abbiamo niente da temere va bene e ci sentiamo garantiti. Forse qualcuno non può più fare come in passato e quindi protesta?


  • matteo

    ottimo articolo del dott. Ciliberti. Condividiamo tutti questo articolo, perché parla anche di quanto e’ stato fatto per i disoccuapati di monte. Cosa che non sta facendo il sindaco e’ questa amministrazione che ha pensato solo ad un solo disoccupato cioe’ il sindaco che si è raddoppiato il stipendio e’ sta facendo il concorso da solo ha mattinata. mentre non ha fatto niente per i disoccupati.


  • Alessandro

    Indignato per le affermazioni indecorose e inquietanti contenute nell’articolo. Molto grave, vorrei fargli notare che definire un cappio i controlli dello Stato sull’attività del comune chiarisce molte cose del suo pensiero. Fortunatamente rappresenta solo se stesso.


  • Ale contro la mafia

    Cioè ma siamo pazzi??? Il sindaco secondo questo signore avrebbe dovuto dire che il consiglio comunale non era condizionato solo perché così ha detto un giornalista di telenorba disinformato dei fatti????? E invece che prefetto, tar, commissione di accesso, procura della repubblica, carabinieri , polizia ecc ecc che hanno detto che invece era condizionato sbagliano tutti e ha ragione il giornalista disinformato?? Mavvia signor Ciliberti, sia serio, non ci faccia ridere! Capiamo da che parte sta lei, ma un minimo di serietà…


  • luca

    Ale sei anche ignorante. chi ti ha detto che procura e giudici hanno detto quello che dici tu? ci fai leggere? vedi che anche i tuoi sono stati sciolti non solo quelli di monte nel cuore ma anche quelli del pd tutto il consiglio non solo quelli di monte nel cuore. condivido quello che ha detto Ciliberti e state calmi. ora non ci sono quelli sciolti ma ci siete voi e lavorate perchè non fate nulla.


  • Saper fare politica

    Ha ragione il dott Ciliberti,cosa ne può sapere il sindaco parla solamente a 4mesi dal suo mandato ancora solo chiacchiere.Mi pongo una domanda a lui che diceva che non voleva i voti …,Monte quella è un po’ tutti sono imparentati fra loro,di chi sono i voti …


  • Salvatore

    Ale, lo scioglimento è partito da una riunione in prefettura del comitato dell’ordine pubblico in cui siedono la direzione antimafia, i giudici della procura di foggia, polizia, carabinieri e guardia di finanza. Tutti insieme hanno deciso di inviare al ministero la proposta di scioglimento. Informati e se non sai neppure queste cose di cosa parli?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi