"La Capitanata è vasta e ogni comunità ha le sue storie e aspetti su cui riflettere"

Mafia Capitanata. Una società pervasa da una cultura mafiosa?

"Chi comanda in città? Quali gruppi e lobbies? Ci sono sponsor politici che non si dichiarano?"

Di:

Nessuna città porta all’ingresso un cartello: “città mafiosa”. Anni fa sono stato commissario negli esami di Stato a Palermo e una mattina mi imbattei in un corpo ammazzato, poco prima della fermata dell’autobus. Il solito lenzuolo che lo copriva, un paio di poliziotti, alcuni guardavano e andavano oltre. Non fu il solo morto in quell’estate. Visitai Corleone, Montelepre… paesi normali, anziani davanti ai bar, persone che passeggiavano, giovani… Il soggiorno palermitano fu piacevole. Persone che amavano la propria terra, impegnate in molte iniziative… Era sufficiente però toccare specifici argomenti per registrare silenzio e imbarazzo. Insomma due, tre livelli di linguaggio.

La criminalità organizzata esiste e sono tanti i morti ammazzati o scomparsi. Quattro nell’ultima strage. Quattro e non due come impietosamente dicono pure uomini di chiesa. La mafia c’è anche se non ci sono i morti! E questo lo sa bene chi esercita funzioni di governo o di rappresentanza politica a qualsiasi livello.

Possiamo parla di cultura mafiosa diffusa? Domenico Seccia, procuratore a Lucera (ora a Fermo), ha scritto “La mafia innominabile” (quella garganica) e poi nel 2013 “La mafia sociale” (presentazione di Raffaele Cantone). Seccia si guarda bene dal dire che l’intera società foggiana è mafiosa. Racconta, però, numerosi episodi di silenzio, di mutismo, di imprenditori che prima di iniziare i lavori cercano i contatti giusti, di comitati d’affari, dove gente perbene “si relaziona” e fornisce “potere e prestigio sociale.…”.

La Capitanata è vasta e ogni comunità ha le sue storie e aspetti su cui riflettere.

Il silenzio, prima di tutto. Quello della stampa (per il poco che c’è). Le minacce a cronisti televisivi. Il silenzio nelle città. Provate a parlare di raket con i gestori di locali. A Manfredonia c’è una coltre, un velo quando si accenna a proprietà di locali, gioco d’azzardo, prestanomi, investimenti altrove (Bologna, Pescara…).

Perché conosci qualcuno?”. Questo si è sentito rispondere una signora che soggiornava a Siponto e chiedeva un ufficio cui rivolgersi…. Corruzione e clientelismo ci sono ovunque, il problema è quando superano il livello di guardia. Non c’è una società mafiosa. Ma c’è un “pendio” scivoloso. Sul giornale L’Attacco sono uscite notizie sugli affari legali dei Romito. Luoghi di ristorazione e ritrovo che danno introiti notevoli. Bene. E’ abilità dei gestori. E poi sulla partecipazione alla Agenzia del turismo. Perché no? Si tratta di locali pubblici, frequentati dai cittadini. Non è ipocrita scandalizzarsi? La questione fondamentale è costituita dalle (presunte,ndr) sponsorizzazioni, dai contributi… Una comunità non vive bene sulle voci, sui finanziamenti più o meno nascosti. Se ci sono devono essere dichiarati. Tutti. Il Consiglio comunale di Manfredonia, nel Piano di rientro, approva l’eliminazione delle spese per il Carnevale, “la cui organizzazione è prevista esclusivamente tramite interventi economici privati“. Una strana aggiunta: sembra che si sappia già che ci sono e chi sono.

Ci sono delle domande alle quali ogni comunità deve sapere e poter rispondere. Una mappa della città e del potere. Senza guida (prima erano i partiti a guidarci). Chi comanda in città? Quali gruppi e lobbies? Ci sono sponsor politici che non si dichiarano? Si può parlare liberamente? La mafia esiste ed è forte se si racconta sottovoce, senza farsi sentire. E il dibattito pubblico? Nei social la stragrande maggioranza è anonima… Determinate figure politiche hanno al seguito fans e supporter (progettisti, cooperative, pubblici funzionari…). Che le voci critiche siano fastidiose o irritanti è normale. Ma a notizie “cattive” si risponde con notizie “buone”. Se invece c’è un invito esplicito a non scrivere, a non parlare… allora il pendio può divenire pericoloso.

(A cura di Paolo Cascavilla, fonte futuriparalleli.it)

Mafia Capitanata. Una società pervasa da una cultura mafiosa? ultima modifica: 2017-09-14T22:07:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
6

Commenti

  • Io lo dico da tempo bisogna indagare la vera mafia il pesce puzza dalla testa


  • IL BELLO

    Cascavilla perche queste domande non le faceva quando era assessore? MI sa tanto che ora lei tratta questi argomenti per essere al centro dell’attenzione. Se ne faccia una ragione


  • Lettore

    Il miglior articolo del Sig. Caacavilla. Bravissimo.


  • Antonio Trotta

    Professore perchè non lo chiede al Sindaco considerando quanto scritto su:

    Da FB
    Angelo Riccardi ha recensito Bagni Bonobo — 5 stella
    29 luglio ·
    I bonobi, pacifici e intelligenti incarnano la rappresentazione più felice e lussuriosa dell’essere scimmie, perché preferiscono sostituire l’amore alla guerra. Unico !!!

    Da Stato Quotidiano: Manfredonia, Riccardi “Sicurezza territorio va pianificata, sono un sindaco non uno ‘sceriffo’”

    […]
    Non posso né voglio nascondere la testa sotto la sabbia e nella nostra meravigliosa città c’è sicuramente una situazione che va seguita con attenzione per far sì che tutti possano sentirsi più sicuri. E quando dico tutti intendo anche quelle famiglie che hanno visto morire in modo orribile i propri congiunti. Perché qualsiasi cosa sia potuta esplodere in un odio così violento, non può essere assolutamente accettata e la Giustizia deve fare il suo corso per portare serenità nel nostro territorio […]”

    quelle famiglie che hanno visto morire in modo orribile i propri congiunti (Cit)


  • Antonino

    Antonio trotta. Quindi un sindaco non può recensire un locale pubblico di proprietà di 3. Ragazzi incensurati che hanno creato una struttura gestita bene ed invidiata da altri paesi??


  • Antonio Trotta

    Antonino, Antonino, Intelligenti pauca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi