Cinema

Inglourious Basterds – Q. Tarantino, 2009

Di:

Inglourious Basterds - movie poster

Inglourious Basterds – movie poster

Questa scheda è spoiler-free: nel rispetto del lettore vergine della visione del film verranno isolate, nell’arco della recensione, eventuali rivelazioni critiche di trama (spoiler) su note a piè pagina, oltre a essere suggerito, a fine articolo, un indice della presenza di punti sensibili nell’opera il cui svelamento accidentale possa incidere su una sua corretta fruizione

Tarantino stupisce ancora e questa volta ce n’è per tutti, fan e detrattori.
Dopo l’incerto risultato di A prova di morte, il sig. Pulp Fiction ci prova con l’omaggio a un film anni ’70 di Castellari (uno dei miti personali del regista), Quel maledetto treno blindato, costruendone un film del tutto inaspettato, con una regia delicatamente di (auto)maniera – anche il titolo del film originale viene cambiato e personalizzato -, molto più vicino ai thriller di guerra alla Sporca Dozzina o Grande Fuga che ai lavori che il grosso del pubblico ha già amato di Tarantino.

Ci si para innanzi un “infallibile” film di genere nel quale il regista esercita tutta la sua abilità nella costruzione di magistrali situazioni di suspence – per protagonisti spietati nazisti a caccia di ebrei, “falchi all’inseguimento di ratti” (cit.) -, alternate a sketch grotteschi che mai scivolano fuori dalle righe – come, invece, copione imponeva per alcune delle sue altre opere.
La modalità e grandezza con cui Tarantino integra le fasi di tensione a quelle condite da humor non solo posiziona Inglourious Basterds lontano dal resto del suo cinema, ma ne sancisce la sua (felicemente constatata) abilità per le dinamiche del thriller. Nei precedenti lavori (Reservoir Dogs “a part”) il pulp veniva elevato a canovaccio, stile ma non a qualità di regia, mescolando in maniera poco scindibile generi diversi in un tripudio colorato d’invenzioni d’immagini e dialoghi, depurandolo, cioè, dalla volgarità commerciale delle origini e lasciando da esso trasudare tutta l’ammirazione del Quentin cinefilo e un po’ adolescente da drive-in.
Inglourious Basterds - poster

Inglourious Basterds – poster

In Inglourious Basterds mette genialmente da parte tutto e cambia registro, lasciando del vecchio solo piccoli vezzi macchiettistici e da cartoon, separando in maniera quasi netta parte drammatica da quella divertita e divertente, senza l’esagerata (seppur perfetta) contaminazione di un tempo. Si assiste, a riprova, a un incipit molto teso, così come a un simpatico ingresso in scena dei Basterds, per poi riportare lo spettatore alla tensione dei piani di destabilizzazione con tanto di coperture al limite dello smascheramento; e c’è posto (contenutissimo) anche per lo splatter e l’ormai rinomato feticismo tarantiniano per i piedi femminili.
Bravi(ssimi) tutti gli attori, con una nota di merito al cacciatore di ebrei (l’ottimo Christoph Waltz), disegnato in maniera impeccabile nella sua spietata sicurezza di predatore. Pitt un po’ sotto le righe.

Lo spiazzamento di fronte alla novità di Inglourious Basterds riporta alla mente una vecchia virata di stile, quella dell’inatteso Jackie Brown, che lasciò perplessi molti seguaci tarantiniani (incluso chi vi scrive alla prima visione), ma che in realtà non rinnegava il regista, sancendone solo altri aspetti, e con classe.
E’ verità che tanti autori di cinema hanno poco da dire, autoriciclandosi già dopo esordi incerti. Non è il caso di Tarantino. Oltre a un esordio tra i migliori in assoluto, Quentin dimostra una volta di più di avere ancora un po’ di cose da raccontarci.

Voto: 8/10
Spoiler: 8/10

Copertina: Quentin Tarantino (fonte: www.infooggi.it)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi