Manfredonia

Tagli posti letto San Camillo. Missiva di Riccardi: “è vera emergenza”


Di:

Il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi (St)

Il sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi (St)

Manfredonia – TAGLI posti letto del San Camillo De Lellis, causa il Piano regionale di riordino della rete ospedaliera ( Focus tagli posti letto San Camillo: da 189 a 159 ): missiva del sindaco Riccardi alle Autorità: il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio dei Ministri, il Ministro della Salute, il Presidente della Giunta Regione Puglia, l’Assessore alla Sanità della Regione Puglia, i Consiglieri della Regione Puglia Gatta e Ognissanti, il Direttore Generale dell’ASL Foggia, il Prefetto di Foggia, il Sindaco di San Severo, il Sindaco di Cerignola, il Sindaco di Lucera.


“Occorre agire subito, occorre compiere atti concreti, occorre assumersi le proprie responsabilità per non infierire ancora sull’anello debole della catena: i cittadini. Nulla può essere escluso a priori per far valere le ragioni della gente, serve uscire da un impasse con pesanti ricadute sul personale ospedaliero e sui fruitori dei servizi. La decisa richiesta di incontrare il Prefetto di Foggia è una necessità, ma non l’ultima possibile, perché se non ci sarà una netta inversione di tendenza si potranno assumere ulteriori, ed eclatanti, iniziative”. Questo il testo integrale della comunicazione del Sindaco Riccardi.

Il 31 ottobre in Puglia saranno licenziati cinquecento medici ospedalieri, con contratto a tempo determinato, oltre a migliaia di tecnici e di infermieri, a causa della mancata stabilizzazione del personale precario, attualmente in servizio. Il licenziamento di medici e di paramedici avrà come ovvia conseguenza l’interruzione di servizi e la sospensione concreta dell’erogazione di prestazioni considerate essenziali, con l’allungamento delle attese e il calo della qualità assistenziale. Siamo, così, giunti alla vergognosa situazione, indegna di un Paese che si considera civile, di istituzioni centrali e periferiche, che dovranno rispondere, anche in sede comunitaria, in eventuali cause, intentate dai cittadini per interruzione di pubblico servizio sanitario”.

Attuale ingresso ospedale di Manfredonia San Camillo De Lellis (ST)

“Le istituzioni centrali e periferiche (Governo e Regione) cosa fanno di fronte ad una emergenza che si era chiaramente delineata da oltre un anno? Discutono. Discutono, mentre riducono risorse per le strutture pubbliche, le uniche che non selezionano il malato e che devono garantire assistenza a tutti ed in ogni momento della loro vita.Ridurre le risorse a chi a stento sta in piedi significa farlo cadere; colpire la sanità pubblica significa negare ai cittadini la concreta possibilità di essere adeguatamente curati, anche se privi di mezzi. L’incombente licenziamento del personale medico colpirà, tra gli altri, servizi essenziali come i reparti di “Pronto Soccorso”, dove la percentuale di personale precario è molto alta. Ci ritroveremo, così, ad avere, tra alcuni giorni, ospedali senza un servizio essenziale”.

La carenza di medici pediatri, di ortopedici, di anestesisti nei poli ospedalieri costituisce solo uno degli esempi delle assurdità, che devono essere corrette in tempi brevissimi, perché gravissima è l’emergenza sanitaria che è stata causata in Puglia! È necessario ed urgente che il governo nazionale conceda alla Puglia le deroghe necessarie per garantire i livelli essenziali di assistenza. È urgente e doveroso anche che il governo regionale, che sfugge al confronto con gli Enti locali, attivi finalmente un tavolo di concertazione per valutare interventi di emergenza che il tema richiede. A tal fine, per le ricadute che i tagli al personale ospedaliero comportano per la nostra provincia, si chiede un incontro urgente al Prefetto di Foggia per definire eventuali azioni di sensibilizzazione, prima di assumere iniziative eclatanti, tese a scongiurare il gravissimo rischio di interruzione del servizio ospedaliero”.

Redazione Stato@riproduzione riservata

Tagli posti letto San Camillo. Missiva di Riccardi: “è vera emergenza” ultima modifica: 2011-10-14T20:20:36+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • gigetto

    I consiglieri e il sindaco si devono impegnare e usare le stesse armi che hanno usato per far aprire la casa di cura san michele e farsi assistere dal signor S……!!!!!!!!!!!!!


  • portobello

    ai cittadini di manfredonia:non fidatevi delle parole rilasciate dai nostri consiglieri regionali,sui quotidiani….il problema è serio e sussiste,vogliono chiudere l’ospedale…..allarmiamoci tutti e facciamo vedere che manfredonia è viva….se chiuderà l’ospedale tutti a strappare le tessere elettorali di corsa.


  • alex


  • sem il vaccaro

    speriamo che qualche politico abbia bisogno di cure mediche e trovi la porta sbarrata….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This