Foggia

Foggia, ingegnere suicida, visibile dal balcone

Di:

Un intervento di una postazione del 118 (st)

Foggia – UN 44enne ingegnere di Foggia si è tolto la vista ieri sera in via Napoli. Il gesto sarebbe stato compiuto sul balcone dello stabile. Il cadavere del 44enne sarebbe stato notato da altri inquilini. Intervenuti i Vigili del Fuoco e gli agenti della Mobile di Foggia.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
4

Commenti

  • Le priorità delle istituzioni italiane non vedono i sucidi di italiani.
    Le uniche categorie protette e difese ovvero “in trattativa” con le istituzioni italiane sono:
    gay;
    cittadini o non cittadini italiani di pelle non bianca;
    immigrati clandestini extra-comunitari;
    corrotti e corruttori;
    mafiosi;
    criminali comuni e non;
    carcerati;
    usurai;
    ladri o scambiatori di libertà, di diritti, di voti e di consenso.
    Prossima puntata:
    indulto o amnistia?
    Quale dele due porcate ridurrà il numero dei suicidi di padri di famiglia e imprenditori, di disoccupati, inoccupati, pensionati e licenziati, di ogni ordine e grado.
    Il mio riverito saluto alle istituzioni italiane:
    TRADITORI.
    Gustavo Gesualdo


  • MBM

    Non è colpa delle istituzioni ma della debolezza dell’uomo che non è in grado di affrontare le problematiche di ogni giorno..anche io come tanti italiani sono stata licenziata poche mesi fa e certo non penso al suicidio anzi sono più forte di prima e affronto ogni difficoltà, le istituzioni? A noi il compito di cambiare ciò che non va nel nostro Paese.


  • ceunsolocapitano

    mbm daccordo con tè io dopo 30 anni circa di lavoro mi trovo da un anno disoccupato non penso a gesti estremi grazie alla fede nel signore ma dobbiamo provare a trovarci in situazioni particolari(non giustifico) come reagiremmo con una classe potilica(?) e riflettiamo anche sul degrado dell’uomo dove ormai non ci aiutiamo neanche fra parenti poi guarda i pensionati d’oro e quelli che vivono di stenti dulcis in fundus… indulto il premio ai corrotti e corruttori alla faccia mia e dei tanti che hanno sempre pagato W L’ITALIA

  • Un suicidio alla settimana in questo paese, oscurato da tv, radio e giornali.
    Suicidi non per la crisi, ma perché abbandonati volontariamente dalle isituzioni italiane che, per loro bocca e per azioni effettive (andate a leggere gli atti parlamentari), hanno priorità diverse da quelle della difesa e delal tutela degli interessi, della ricchezza, del benessere, della integrità, della italianità, in tutte le sue forme.
    Si definisce: alto tradimento.
    Costituzione alla mano.
    Gustavo Gesualdo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi