Manfredonia

Manfredonia, nuovi insediamenti produttivi ex DI/46, verso rinnovo PIP

Di:

Manfredonia, zona industriale di46, aerea (st@)

Manfredonia – VERSO il rinnovo del P.I.P.: Piano Insediamenti produttivi. Così da recente atto amministrativo, con autorizzazione al personale del 7° Settore del Comune “a completare gli atti tecnico – amministrativi in modo da sottoporre all’esame del Consiglio comunale l’adozione del piano“. Impegnata una somma pari ai € 4.565,00 al capitolo n. 4450 “Fondo interno da ripartire a favore del personale ufficio urbanistico (ex art. 18 L. 109/94)” del bilancio per l’esercizio finanziario 2013.

COS’E’ IL PIP. Si ricorda che con Delibera di Consiglio Comunale n.74 del 16 luglio 1998 era stata adottata la variante al P.R.G. per l’ampliamento del P.I.P. in località “Pariti”, a circa dieci chilometri dalla città, lungo la S.S. 89 per Foggia, tra l’insula DI 46 a monte e l’Insula DI 49 a valle, “al fine di favorire l’insediamento di aziende ammesse ai benefici del Contratto d’Area di Manfredonia“. In seguito (d.c.c.84-03.08.1998) l’adozione del Pip con l’indicazione che “l’approvazione definitiva poteva avvenire solo dopo l’approvazione della variante al P.R.G. adottato con la suddetta delibera consiliare n.74 del 1998” (era il tempo della sottoscrizione del patto territoriale, del quale oggi restano frammenti ed una incompleta realizzazione delle infrastrutture, vedasi anche il contenzioso con la Castellano srl e le relazioni sul CdA).

Dopo circa un anno, la variante al P.R.G., adottata con D.C.C. n.74/98, viene definitivamente approvata, previo delibera della Giunta Regionale n. 969 del 07.07.1999, attraverso conferenza di servizi conclusa il 13.07.1999 (pubblicata sul BURP n. 84 del 05.08.1999 e sulla G.U. n.187 dell’11.08.1999). Infine, con D.C.C. n. 83 del 23.09.1999 il P.I.P. viene definitivamente approvato ed adottato con la D.C.C. n.84 del 1998.

PASSATO IL CDA, DOPO 13 ANNI LA RICHIESTA DI RINNOVO Passano 13 anni e nella relazione relativa al rinnovo del piano si specifica che il “P.I.P ha durata decennale dalla data della sua approvazione definitiva ed ha valore di Piano Particolareggiato la cui funzione è quella di incentivare le imprese, offrendo ad un prezzo politico le aree occorrenti per la realizzazione di opifici industriali/artigianali e come tale, trascorsi i dieci anni l’Amministrazione non può disporre di alcuna proroga dello stesso, ma può unicamente valutare l’opportunità di predisporre un nuovo piano esecutivo per la parte non attuata”; che “diverse imprese già assegnatarie di lotti ricadenti all’interno del P.I.P, hanno chiesto il rilascio del Permesso di Costruire per la realizzazione di impianti artigianali, mentre altre ditte hanno manifestato l’interesse a realizzare interventi di tipo commerciale”.

A seguito di tanto, con nota del 21 marzo 2012, il Dirigente del 7° Settore – Urbanistica ed Edilizia, informava l’Amministrazione comunale che avrebbe provveduto ad assegnare al proprio personale l’incarico di predisporre gli atti necessari per la rinnovazione del P.I.P per la parte non attuata, previa ricognizione dello stato attuale del piano anche con riferimento alle urbanizzazioni ed allacciamenti generali; con determinazione del Dirigente del 7° settore n.689 del 14.05.2012 veniva individuato il gruppo di lavoro cui affidare il compito di procedere alla ricognizione e successiva redazione dell’aggiornamento del P.I.P; ora la somma impegnata e l’attesa per l’adozione in Consiglio comunale.

ALLEGATI
Atto integrale

Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • CapitanHarlock79

    …e a fatje addika stej????
    PIP son quelle ke hanno fatto i nostri amministratori..
    ormai tutti sono andati via…..


  • anonimo

    poi l’amministrazione dovrebbe dirci cosa intende fare una volta per tutte per le urbanizzazione


  • Ex operaio di un azienda del contratto d'aria chiusa per capricci non per crisi

    Ancora a buttare soldi!!!! ma che zona pip e pop chi deve venire a industrializzare qui … invece di (non si sanno che fine faranno quei soldi ) caro sindaco se li distribuisci ai cittadini di manfredonia fai una bella figura magari sappiamo che ce li (sono stati destinati,ndr) anche noi …


  • Manfredonia

    Ma quei capannoni vuoti di chi sono ora.Mica sono di quegli imprenditori locali che prima hanno acquistato quei terreni agricoli ( con pochi soldi xché già sapevano del contratto d’aria) ed ora diventano pure proprietari? Ora piangono che l’edilizia e in crisi e chiedono aiuto dovete fallire tutti perché c’è gente che sta piangendo x colpa vostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi