Manfredonia
A cura di Matteo Simone

Filippo Castriotta, 100km Alpi: sto piangendo come un bambino dalla gioia!


Di:

Lo sport che ti fa emozionare, che ti fa ritornare bambino, che ti rimette al mondo, che ti fa uscire dal tunnel, che ti fa rivedere la vita, in particolare il mondo degli ultrarunner, bizzarro, sorprendente, commovente, fraterno; di seguito Filippo, atleta di Manfredonia tesserato con la squadra La Barletta Sportiva, racconta la sua esperienza di podio alla 100km delle Alpi con partenza a Torino e arrivo a Foglizzo: “A 50 anni, non ero preparato a tutto ciò mi sembra di vivere un grande sogno che non finisce mai e non so cosa succederà ancora, voglio condividere il tutto con le persone a me care e tu lo sei, tvb Filippo. Lo sport è tutta la mia passione fin da piccolo, ho dovuto rinunciare anche a l’ISEF di Foggia per motivi di famiglia e il Signore mi sta restituendo tutto quello che merito nonostante tante difficoltà e problemi familiari.”

Tutto torna, Filippo ha sempre avuto la passione per lo sport e un grande talento in qualsiasi sport, nuoto, corsa, bici. La vita ti mette davanti a degli stop, a degli imprevisti, a delle soste forzate e allora bisogna starci, bisogna pazientare, bisogna cavalcare l’onda del cambiamento, bisogna prendere nuove direzioni e essere sempre consapevole delle proprie capacità e dei propri limiti. Piano piano filippo a ripreso a mettersi in movimento con il cammino e poi con la corsa e poi ancora con la bici e si è appassionato alle lunghe corse, invogliato dai suoi amici di Manfredonia e condividendo insieme a loro uscite, allenamenti e gare.
Ora Filippo ha raggiunto un grande sogno il podio a una gara importante con un tempo importante all’età di 50 anni terzo classificato alla 100km delle Alpi con un tempo prezioso di 08h46’ arrivando dopo due campioni della 100km. Dopo questa gara sta iniziando a svegliarsi dal sogno e a rendersi conto di quello che ha fatto, di quello che può fare, delle sue capacità e tanti sono i contati ricevuti da familiari, amici, conoscenti, fan. Non si è abituati a tutto ciò ed è qualcosa id grande e importante da gestire, bisogna fare attenzione a restare sempre con i piedi per terra, a ritornare alla quotidianità con nuove consapevolezze. Di seguito alcune testimonianze di parole di stima e affetto da parte di alcuni suoi familiari e amici.

Un suo nipote: “Zio questo avviene alle persone speciali, alle persone che hanno passato dei momenti difficili, non ti nascondo che quello che hai passato tu si rispecchia tanto con quello che ho passato e sto vivendo, e magari chi lo sa forse riuscirò anche io a risorgere come te, SEI UN GRANDE SONO ORGOGLIOSO DI AVERE UN ZIO COME TE.”

Sono belle e prezioso parole che ti danno tanta carica, tanto affetto, ti arricchiscono dentro e ti fanno scoprire nuove forze e nuove energie per se stessi e per gli altri.

Importanti, preziose e gradite anche le parole di Matteo Palumbo un grande atleta campione di Manfredonia, attualmente Carabiniere, capace di fare una Maratona sotto le 02h13’, entrato nella storia podistica di Manfredonia, ecco le sue parole di stima e affetto: “Ciao Filippo i sacrifici e la dedizione che ci hai messo giorno dopo giorno in questi mesi per questa disciplina veramente dura, grazie all’aiuto del Signore che ti ha guidato fino a questo traguardo inaspettato per te, dopo tutto quello che hai passato, ti hanno premiato, ciò che veramente meriti. Il Signore è grande, l’unico che non ci tradisce mai. Condivido con te questo momento di gioia, bravo fratello. Un forte abbraccio!”.

Matteo Palumbo sa cosa significa allenarsi per ottenere risultati, per conquistarsi un podio, per fare tempi performanti e comprende lo stato d’animo dell’amico fraterno Filippo Castriotta, la fatica e la fede unisce e rende più forti, sicuri e resilienti.
Interviste, racconti e testimonianze da parte di atleti di sport di endurance mi hanno permesso di scrivere il libro dal titolo “Ultramaratoneti e gare estreme”, Prospettiva Editrice, Civitavecchia, Collana: Sport & Benessere, anno edizione: 2016, pagine: 298 p., Brossura.
https://www.ibs.it/ultramaratoneti-gare-estreme-libro-matteo-simone/e/9788874189441

Matteo SIMONE
Psicologo clinico e dello sport, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR
380-4337230 – 21163@tiscali.it
www.psicologiadellosport.net/eventi.htm
http://www.ibs.it/libri/simone+matteo/libri+di+matteo+simone.html

Filippo Castriotta, 100km Alpi: sto piangendo come un bambino dalla gioia! ultima modifica: 2017-10-14T12:39:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi