CapitanataSan Severo
Era affetta da una forma piuttosto grave di dermatite (rogna rossa)

San Severo. “Tiffany, un’incredibile avventura!”


Di:

San Severo. Ha trascorso 5 giorni e 5 notti intrappolata a mezzo busto in un tombino, costretta, quindi, a stare in piedi su due zampe, senza cibo, senza acqua.

Tiffany aveva pochi mesi quando è stata trovata.

Era affetta da una forma piuttosto grave di dermatite (rogna rossa).
Una volontaria la porta a casa con sé e dopo mesi di cura, dopo essere stata vaccinata, microchippata e sterilizzata, ha trovato finalmente casa.
Venerdì 6 ottobre 2017, probabilmente per un attimo di disattenzione, presumibilmente a causa dell’andirivieni di operai al lavoro nel luogo in cui vive, Tiffany sgattaiola fuori dal cancello. Quel giorno si abbatte su San Severo un violento nubifragio, cosa che plausibilmente ha disorientato la cucciolona.

Tiffany non torna a casa. La notizia corre veloce sui social, tra animalisti e comuni cittadini, ma di Tiffany nessuna traccia. Qualcuno ventila l’ipotesi di una cattura. Nessuno vuole pensare al peggio.

Mercoledì 11 ottobre 2017, grazie ad alcune segnalazioni, all’instancabile continua ricerca del proprietario e di chi la conosce bene, Tiffany viene ritrovata all’interno della vecchia distilleria, vicino la stazione, un sito nel più completo abbandono, senza visibili varchi di accesso (ma lei è pur sempre entrata) e non privo di insidie e pericoli.
Le immagini raccontano più di mille parole le innumerevoli emozioni di chi l’ha ritrovata e tratta in salvo, ma anche le sue…

San Severo. “Tiffany, un’incredibile avventura!” ultima modifica: 2017-10-14T09:08:26+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi