Capitanata
A cura di Daniela Iannuzzi

Servizio Rifiuti. Nuovo scontro tra SIA e Amministrazione Tarantino


Di:

L’Amministrazione denuncia i ritardi e i disservizi nella gestione della raccolta dei rifiuti. Chiede risposte concrete ai vertici SIA e alla Regione Puglia. Il raggiungimento di un accordo sembra ancora un’ipotesi remota.

È quanto si evince dai comunicati stampa diffusi negli ultimi giorni dall’Amministrazione Tarantino.

“Preg.mo Presidente sono qui a scriverle per sollecitare ancora una volta la sua attenzione verso un gravoso problema, quale è quello dei rifiuti. È da tempo ormai che denuncio la continua situazione emergenziale dei rifiuti nella mia città, ed è da tempo ormai che lotto e provo ad oppormi ad una condizione di immobilismo e stagnazione nella gestione rifiuti, in particolare nel nostro Aro, l’Aro Fg/2”. Comincia così il testo della lettera inviata al presidente della regione Michele Emiliano.

L’Amministrazione evidenzia l’aver già in precedenza portato all’attenzione della presidenza della Regione il problema dei rifiuti.
“Nota la critica situazione economica finanziaria in cui versa la summenzionata [SIA, ndr.] società.

Tali criticità precludono il rispetto degli standard di servizio pubblico ad essa affidato, ovvero raccolta e smaltimento rifiuti solidi urbani e spazzamento stradale, in più comportano destabilizzanti problematiche politiche nell’ambito dei comuni del Consorzio Di Igiene Ambientale Bacino FG/4 e ovviamente tutto questo comporta l’assoluta inosservanza e non rispetto dei diritti degli utenti, che continuano a pagare con regolarità la tassa sui rifiuti.
Le stesse criticità e problematiche sono state portate alla sua attenzione, Presidente, e della struttura tecnica, ovvero l’Agenzia regionale per la gestione dei rifiuti, nella persona del commissario ad acta Avv. G. Grandaliano”.

Evidenzia poi l’impossibilità a poter avviare una raccolta differenziata che, nel lungo termine, consentirebbe di abbattere i costi sul servizio e, quindi, di diminuire le tariffe TARI.

“Risulta poi, ovviamente in una tale situazione di incertezza e difficoltà, davvero difficile poter immaginare di iniziare un percorso che preveda la raccolta differenziata, secondo quanto previsto per legge, visto che questo comporterebbe un investimento iniziale, che al momento Sia non è in grado di garantire”.
Sembra quindi permanere la convinzione nell’Amministrazione Tarantino di quanto infruttuoso sarebbe il permanere di un rapporto con SIA.
“Allora perché imbrigliarci in un sistema che in qualche modo ci costringe a dover ancora avere a che fare con Sia, che al momento non è quindi strategica per il conseguimento dei fini istituzionali dell’Ente?”.
E sembra chiedere alla Regione una presa di posizione ferma e chiara rispetto alla questione e al ruolo da attribuire a SIA.
“Se nell’ottica di una futuristica e futuribile politica impiantistica regionale, gli impianti del Consorzio siti in contrada Cafiero in Cerignola, facenti capo a Sia, rappresentano un punto focale, uno snodo cruciale per lo sviluppo di prospettive di efficienza di tutto il sistema rifiuti regionale, ebbene che la Regione lo affermi […]”.

E questo perché “Non è plausibile che le decisioni vengano prese altrove, limitando la capacità di azione dei Sindaci, e che resti in capo a loro la sola responsabilità di fatti accorsi”.

Sembrerebbe che la risposta arrivata in Giunta Comunale da parte dei vertici SIA non abbia soddisfatto le richieste presentate.
“Le accuse di presunta “inerzia” da parte dell’Amministrazione comunale di Orta Nova nell’affrontare la spinosa questione rifiuti e la sottoscrizione del nuovo contratto di servizio, così come sono state formulate in una recente missiva da parte del management aziendale di S.I.A. FG/4 S.r.l., sono del tutto pretestuose ed infondate”.
L’Amministrazione tiene infatti, nel comunicato diffuso, a sottolineare l’impegno che avrebbe profuso nella questione rifiuti e gestione del servizio
“Il Sindaco, Dino Tarantino, e la stessa Amministrazione si sono infatti seduti a svariati tavoli tecnici in diverse occasioni tra Bari ed Orta Nova, nel corso dell’estate”.

E aggiunge
“Finanche ieri, 12 ottobre 2017, il Sindaco e l’Assessore Spinelli si sono recati in Regione dal Commissario ad acta per i rifiuti, Avv. Grandaliano, per richiedere con forza il necessario intervento del Presidente Emiliano nella vicenda rifiuti dell’ARO FG/4 e della relativa crisi aziendale della Società che gestisce il servizio, intervento promesso e non ancora concretizzatosi”.

E poi dichiara
“Lo stesso Grandaliano ha confermato che, o “si mettono più soldi” nella Società e si ripianano i debiti o si fa commissariare, in qualsiasi caso ha confermato l’assoluta impossibilità di un miglioramento o di un cambio del servizio nelle condizioni in cui la stessa versa”.
Le responsabilità dei disservizi nella gestione della raccolta rifiuti vengono quindi attribuite.

Il messaggio viene qui rivolto ai cittadini
“Ci troviamo ancora una volta a comunicare ai nostri cari concittadini che il perdurare dei gravi disservizi da parte di S.I.A. FG/4 S.r.l., sono dovuti all’incapacità gestionale degli stessi vertici aziendali.
Quest’ultimi, oltre alle note criticità gestionali della stessa Società, hanno permesso che l’impianto di biostabilizzazione presso C.da Forcone – Cafiero (Cerignola) fosse chiuso.
Pertanto, a seguito di direttiva regionale, oggi i nostri rifiuti vengono conferiti per tale trattamento presso l’impianto di Foggia e poi “spediti”verso la lontana Grottaglie (Taranto)”.

Il comunicato si chiude sostanzialmente con una promessa ai cittadini su ulteriori provvedimenti che l’Amministrazione si impegnerebbe a prendere se il perdurare dei disservizi dovesse protrarsi.

“[…] Ferma restando la volontà di sedersi ancora una volta al tavolo delle trattative nelle sedi opportune, il Sindaco Tarantino e l’intera Amministrazione comunale di Orta Nova annunciano sin da ora alla cittadinanza che se dovesse prolungarsi il disservizio nella raccolta dei rifiuti nei prossimi giorni o, nella peggiore delle ipotesi, questo dovesse essere interrotto, si prederanno in considerazione decisioni drastiche ad esclusiva tutela della propria Comunità”.
Il resto è storia dei prossimi tempi.

Intanto, notizia delle ultime giornate è la firma dell’accordo raggiunto tra il Comune di Trinitapoli e Sia Srl: nessuna debitoria pregressa, ma solo riconoscimenti dei lievitati costi di conferimento (anno 2017) per poi passare alla sottoscrizione del contratto dopo la formalizzazione della transazione e la chiusura dei contenziosi, anche degli altri Comuni, nei confronti del Consorzio Fg 4.

Daniela Iannuzzi

Servizio Rifiuti. Nuovo scontro tra SIA e Amministrazione Tarantino ultima modifica: 2017-10-14T10:41:09+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi