Foggia

Urbanizzazioni incomplete Comparto Biccari, “petizione? E’ lettera morta”

Di:

Cordolo viale La Torre divelto in emergenza rifiuti (st)

Foggia – “A quasi due mesi dalla consegna della petizione sottoscritta da circa 150 residenti del Comparto Biccari e presentata dal Comitato di quartiere della Zona 167 al Comune di Foggia per chiedere il completamento delle opere di urbanizzazione, l’unica risposta ottenuta è quella di un silenzio assordante e quindi di un palese disinteresse nei confronti di tutta una serie di problematiche che attendono soluzione da un decennio”. E’ quanto afferma il coordinatore del Comitato di quartiere Comparto Biccari, Antonello Abbattista in merito alla vicenda del mancato completamento di alcune opere pubbliche all’interno della zona alla periferia Nord della città.

“Dalla realizzazione dei marciapiedi nelle aree adiacenti ai parcheggi di via Rosiello, via Rizzi, via Vovola e via Mancini alla realizzazione dei cosiddetti “tappetini” di asfalto in quasi tutte le traverse di viale La Torre e via Spera. All’elenco si aggiungono il completamento dello spartitraffico di via De Mita e la realizzazione dell’area a verde di viale La Torre, prospiciente il tratto iniziale del Tratturo Biccari e l’area a parcheggio di via Di Stefano. Opere, queste ultime due, inspiegabilmente “tagliate” fuori dai recenti lavori di riqualificazione del Tratturo e delle due più grandi aree verdi al centro di viale La Torre. Vi sono, poi, casi in cui le stesse imprese realizzatrici di immobili all’interno del quartiere hanno “sbaraccato” senza completare le opere di pubblico interesse come nel caso dell’area a parcheggio tra via Angelillo e via Baviera, un autentico pantano. E’ del tutto evidente – prosegue Abbattista – che si tratta di opere per le quali, in larga parte, il Comune dovrebbe richiamare alle proprie responsabilità le imprese che avrebbero dovuto realizzarle e che non l’hanno ancora fatto.

Tuttavia anche l’Amministrazione comunale non è esente da responsabilità, specie per quanto attiene i lavori pubblici. Viale La Torre e via De Mita sono ormai diventati percorsi di guerra dove per avere un po’ di asfalto per riempire le buche bisogna ancora attendere settimane, se non addirittura mesi. Stessa cosa dicasi per i marciapiedi su cui, in alcuni tratti, è ben visibile l’assenza di pavimentazione asportata e mai ripristinata.

Senza poi dimenticare la pubblica illuminazione con viale La Torre ormai più spenta che accesa o la segnaletica orizzontale, altra illustre sconosciuta nella zona da anni. Sicuramente – conclude Abbattista – molto è stato fatto in questi ultimi quattro anni all’interno del Comparto Biccari e molto è stato possibile grazie alla sinergia venutasi a creare tra Comitato, Circoscrizioni e Comune di Foggia. Tuttavia problematiche come quelle elencate, il cui ritardo sulle realizzazioni è da tempo intollerabile, meritano risposte concrete e interventi rapidi non più rinviabili per restituire dignità ai residenti della zona i quali, è bene sempre ricordarlo, queste opere di urbanizzazione le hanno pagate all’atto dell’acquisto della propria abitazione”.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi