Cronaca

Buonarota: “alloggi dei custodi delle scuole di Foggia, a chi giova?”


Di:

Foggia. ”In relazione alla recente notizia diffusa dagli organi di stampa locali sulla vicenda degli alloggi dei custodi delle scuole di Foggia e sul ricorso respinto dal TAR Puglia, non intendo entrare in merito al mancato accoglimento dell’istanza, sia per non aver letto le motivazioni della sentenza che hanno portato alla decisione, che – in ogni caso – per mancanza di specifiche competenze in materia legale. Quello che tuttavia mi preme sottolineare con profondo dispiacere è il tono vittorioso e trionfalistico delle dichiarazioni rilasciate dal sindaco Landella sull’esito della vicenda. Senza nessuna sensibilità umana, quasi stesse parlando di squatters, ha espresso “grande soddisfazione” per l’ottenimento di un risultato che di fatto getta in strada numerose famiglie che invece hanno occupato a pieno titolo e per decenni gli alloggi di servizio degli edifici scolastici e che, terminato il diritto che consentiva di fruirne, si sono messi in condizione di voler sostenere le spese d’affitto, arrivando ad una sintesi con l’Amministrazione Mongielli attraverso un accordo prot. 62925 del 09.07.2013 e poi D.G. n. 101 del 13.11.2013 lavoro non portato a termine da quest’ultima Amministrazione annullando quanto fatto nei confronti degli ex dipendenti comunali ed affini.

Ovviamente, viene da chiedersi: a chi giova? Perché tanto accanimento e spietatezza verso casi di persone ormai anziane che hanno prestato servizio per anni e con dedizione all’Amministrazione e che non volevano assolutamente restare in quegli alloggi a titolo gratuito e caritatevole, ma pagando un regolare canone? Il futuro darà risposta a queste domande. Intanto addolora profondamente constatare che il fatto che il TAR Puglia abbia respinto il ricorso presentato per l’annullamento dell’ordine di rilascio degli alloggi dei custodi sia vissuto come una vittoria personale. Concludo dicendo che un “Sindaco di tutti” non dovrebbe gioire dello stato di gravissimo disagio in cui a breve verranno a trovarsi molte famiglie di suoi concittadini; dovrebbe comprendere, essere vicino, trovare e proporre soluzioni concrete. Dovrebbe, in poche parole, capire che un mandato non è un’investitura a vita e che il primo dovere di chi occupa queste posizioni è di non deludere e di aiutare i propri concittadini”. (Luigi Buonarota,

Buonarota: “alloggi dei custodi delle scuole di Foggia, a chi giova?” ultima modifica: 2016-02-15T09:55:16+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi