Cultura
Cinema e letteratura sono i temi del viaggio in due tappe dedicato all’opera di Dino Buzzati

Arcipelago Buzzati: viaggio in due tappe

Arcipelago Buzzatisi inserisce nel solco delle collaborazioni tra il Comitato di Foggia della Società Dante Alighieri

Di:

Foggia. Cinema e letteratura sono i temi del viaggio in due tappe dedicato all’opera di Dino Buzzati. Con questo dittico buzzatianoil Comitato di Foggia della Società Dante Alighieri e Gli Amici della Biblioteca “Magna Capitana”rendono omaggio alla variegata opera di uno degli autori più poliedrici del Novecento italiano, ricordato soprattutto come autore del celebre romanzo Il deserto dei Tartarima che ha avuto al suo attivo un’intensa militanza giornalistica, un’altrettanta attività di narratore, di sceneggiatore e di autore teatrale, con incursioni inaspettate nella pittura, con ciò anticipatore di quella tendenza oggi rappresentata e sviluppata nel genere della graphicnovel. A scandagliare le anse più segrete dell’arcipelago buzzatiano, in cui è racchiuso metaforicamente il dittico a lui dedicato, docenti e ricercatori del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Foggia.

Si inizia lunedì 18 aprile a partire dalle 17,30 nella saletta proiezioni della Biblioteca Provinciale “Magna Capitana”. Questo primo pomeriggiosi dipanerà in due momenti che, intrecciati strettamente tra loro, vedranno dialogare Antonio Daniele, ricercatore della Cattedra di Storia del cinema e Iris Ulano dottoranda dell’Università di Foggia. Inizialmente sarà presa in esame “Piccola passeggiata”, la prima opera teatrale di Buzzati, un atto unico del 1942 che risente del clima della dittatura fascista ormai in disarmo. Già in quest’opera si intravedono alcuni dei temi, dei motivi e dei personaggi che segneranno tutta la produzione buzzatiana: morte, demoni, inferi. Tutti questi motivi confluiranno poi in “Un caso clinico”, adattamento teatrale del racconto “Sette piani”. Quest’ultimo racconto sarà letto da Antonio Daniele in controcanto alla sua successiva versione filmica, vale a dire il film “Il fischio al naso”, esordio alla regia di Ugo Tognazzi.Il confronto tra testo letterario e testo filmico darà l’opportunità di rilevare la differenza di linguaggio fra racconto e opera cinematografica, se e in che modo il film di Tognazzi abbia saputo conservare intatti i motivi più autentici della poetica buzzatiana e dove l’obiettivo è stato mancato.

Arcipelago Buzzatisi inserisce nel solco delle collaborazioni tra il Comitato di Foggia della Società Dante Alighieri, l’associazione Amici della Biblioteca-Magna Capitana e la Biblioteca Provinciale “Magna Capitana”. Per gli organizzatori, la presidente del Comitato Società Dante Alighieri, prof.ssa Donatella Di Adila, il presidente dell’associazione “Amici della Biblioteca”, avv. Francesco Andretta e il direttore della Biblioteca Provinciale “La Magna Capitana”, dott. Franco Mercurio, i due incontri hanno anche l’intento di suggellare una sinergia tra associazioni per connotare al meglio l’offerta culturale della città.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This