FoggiaManfredonia
Foggia pazzo e vincente, De Zerbi ed i suoi in trionfo

Emozioni e gol, 4-4 tra Cittadella e Foggia: la Coppa è rossonera

In virtù del risultato del doppio confronto (4-1 all’andata), conquistano per la seconda volta nella loro storia il trofeo di categoria

Di:

Foggia. Foggia pazzo e vincente, De Zerbi ed i suoi in trionfo. Dopo il match del “Tombolato” contro il Cittadella, valido per la finale di ritorno di Coppa Italia Lega Pro, terminato con un pirotecnico quanto spettacolare 4-4, i Satanelli, in virtù del risultato del doppio confronto (4-1 all’andata), conquistano per la seconda volta nella loro storia il trofeo di categoria. Mister Venturato schiera i suoi con un 3-4-1-2 in cui Minesso agisce alle spalle delle punte Coralli e Jallow, mentre De Zerbi torna alla difesa a quattro, con Gigliotti e Coletti a giocare da centrali difensivi in un 4-3-3 tornato di moda. I padroni di casa partono in quarta, costringendo Micale ad un doppio salvataggio, prima su Coralli (6’), poi su Jallow (10’), e colpendo anche una traversa con Cappelletti. A sbloccare la gara sono però gli ospiti, che al 17’ ottengono un rigore sacrosanto per fallo su Gerbo: sul dischetto va Iemmello, che con potenza e precisione trafigge Vaccarecci dopo aver scheggiato il montante alto. Il Cittadella reagisce immediatamente, pervenendo al pari dopo qualche istante, con Coralli che deve soltanto appoggiare in rete un cross basso di Jallow. La gara si infiamma, il Foggia colpisce due volte in rapida successione: al 27’ è Iemmello a fuggire in contropiede, servendo con un bel traversone il liberissimo Floriano, che segna il 2-1; minuto 31, ancora rigore per i rossoneri (stavolta per un fallo di mano), ancora il bomber catanzarese a presentarsi dagli undici metri e superare Vaccarecci per il tris ospite. È una gara che non smette di regalare emozioni, al 32’ Chiricò colpisce la sfera con un braccio in area, causando l’ennesimo penalty della serata, trasformato da Coralli che spiazza Micale.

All’intervallo si va sul 3-3: minuto 41, punizione di Sgrigna dalla destra, la difesa foggiana è passiva, ne approfitta Cappelletti, che di testa batte Micale e manda le squadre negli spogliatoi in situazione di parità.

Nonostante il gap quasi incolmabile, in avvio di ripresa il Foggia continua a produrre gioco ed opportunità, andando vicinissimo al quarto gol al 53’, con Gerbo che spara altissimo da ottima posizione, dopo un contropiede gestito non al meglio dai compagni. Sul ribaltamento di fronte, Minesso impegna severamente Micale, che però riesce a deviare in angolo; proprio dal tiro dalla bandierina arriva il vantaggio del Cittadella, siglato dallo stesso Minesso, che dal limite insacca con un gran tiro al volo. Per l’ennesima volta, la gara torna in equilibrio in pochissimo tempo, con Chiricò che, giusto un minuto più tardi, batte Vaccarecci concludendo perfettamente dalla distanza con un bel mancino a giro. Parte la girandola dei cambi, mister Venturato prova i giovani Fasolo e Xamin, mentre De Zerbi aumenta la consistenza della mediana, inserendo anche Vacca e Quinto, ed i ritmi crollano, con il solo Iemmello che va vicino alla marcatura al 70’, calciando debolmente tra le braccia dell’estremo difensore granata. Trascorrono anche 5’ di recupero in un secondo tempo che ormai non ha più nulla da dire, al momento del triplice fischio il trionfo è definitivo: capitan Agnelli può sollevare la Coppa, il Foggia torna a vincere un trofeo (non ci riusciva dal 2007, la prima Coppa Italia Lega Pro vinta) e guadagna ulteriore morale in vista dell’importantissimo finale di campionato, che farà capire se i Satanelli siano o meno pronti a raggiungere la tanto agognata promozione in B.

TABELLINO
CITTADELLA: (3-4-1-2) Vaccarecci; Nava, Cappelletti, Varnier (dal 73’ De Leidi); Lora (dal 64’ Xamin), Paolucci, Sgrigna (dal 66’ Fasolo), Donazzan; Minesso; Coralli, Jallow. A disp.: Alfonso, Salvi, Amato, Schenetti, Bizzotto, Literi, Iori, Zaccagni. All.: Venturato.
FOGGIA: (4-3-3) Micale; Angelo, Coletti, Gigliotti, Di Chiara; Agnelli, Gerbo, Riverola (dal 71’ Quinto); Floriano (dal 57’ Vacca), Chiricò (dal 78’ Arcidiacono), Iemmello. A disp.: De Gennaro, Lauriola, Sainz-Maza, Lodesani, Sarno, Lanzetta. All.: De Zerbi.
Arbitro: sig. Prontera di Bologna.
MARCATORI: 17’ rig. e 31’ rig. Iemmello (F), 21’ e 33’ rig. Coralli (C), 27’ Floriano (F), 41’ Cappelletti (C), 56’ Minesso (C), 57’ Chiricò (F).
AMMONITI: Minesso, Coralli, Donazzan, Jallow, Cappelletti (C); Riverola, Gigliotti, Vacca (F). – ANGOLI: 5-1 per il Cittadella. – RECUPERI: 0’ p.t.; 5’ s.t..

(A cura di Salvatore Fratello – Redazione Stato Quotidiano.it)



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Lucio_BO

    Continuerò a sostenere e ringraziare per sempre questo Gruppo fantastico che ha come timoniere un grande predestistinato: Roberto De Zerbi che ha saputo insieme a Peppe Di Bari risvegliare l’orgoglio foggiano, ormai sopito da secoli! STRATOSFERICI e UOMINI VERI.
    GRAZIE, comunque vada!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi questo articolo!