Manfredonia
Il petrolio degli italiani è ben altro: bellezza, turismo, produzioni alimentari di qualità, biodiversità

Manfredonia, “Proteggiamo il nostro mare con un sì!!”

Cercare una ricchezza incerta e sporca, neutralizzando una certa e pura è un ideale povero


Di:

Manfredonia. ”Il laboratorio delle idee, in collaborazione con il partito di Rifondazione Comunista di Manfredonia, ieri, 15 aprile, dalle ore 19:00 alle ore 23:00, ha tenuto in piazza del Popolo uno stand informativo riguardante il referendum del 17 aprile. Si vota per abrogare la norma che permette alle piattaforme petrolifere di estrarre il petrolio a tempo indeterminato. L’esigenza dei ragazzi di avere un confronto diretto nasce dalla volontà di smuovere le coscienze dei loro concittadini (e non solo) affinché si comprenda l’importanza del voto in sé, come diritto personale, al di là della scelta. Invece, il Governo, l’ex Presidente della Repubblica e altri senatori e deputati hanno invitato apertamente il popolo ad astenersi dal voto, svalutando una delle conquiste più importanti della Democrazia. Quello che si vorrebbe chiedere, inoltre, ai nostri politici è perché il quesito referendario non è stato inserito nelle votazioni amministrative che si terranno a breve, in modo da riuscire a far raggiungere il quorum. Quali sono i veri interessi? I ragazzi hanno deciso di schierarsi ed è ora che lo facciano tutti!

Perché votare sì?

Questi ragazzi hanno molte buone ragioni per farlo:
– Una buona alternativa agli idrocarburi, ed in generale alle fonti fossili, è data dalle energie rinnovabili già ampiamente affermate nei paesi più avanzati del nostro pianeta, e che in Italia producono attualmente il 40% dell’energia nazionale.
– Le ricerche di petrolio e gas hanno un impatto rilevante sull’ecosistema marino ed in particolare sulla fauna. Inoltre, esse soddisfano solo il 2% del fabbisogno energetico italiano.
– Dal punto di vista economico, le trivellazioni arricchirebbero solo le multinazionali, in quanto da esse partirebbero i finanziamenti .
– L’abrogazione della norma non comporterebbe un impatto immediato sui lavoratori delle piattaforme, perché avrebbero dai 3 mesi agli 11 anni di tempo a disposizione per trovare un nuovo impiego.
– Alla conferenza ONU sul clima tenutasi a Parigi lo scorso dicembre, l’Italia, assieme ad altri 194 paesi, ha sottoscritto un impegno per contenere la febbre della terra entro 1,5%.

Il petrolio degli italiani è ben altro: bellezza, turismo, produzioni alimentari di qualità, biodiversità. Cercare una ricchezza incerta e sporca, neutralizzando una certa e pura è un ideale povero.

Roberta Mione, Luciana Rinaldi, Giovani comunisti Manfredonia, Laboratorio delle idee

FOTOGALLERY ANTONIO TROIANO
(Le foto rappresentano anche il banchetto affianco al gazebo dei Giovani Comunisti tenuto da associazioni impegnate nella raccolta firme no energas,NDR)

Manfredonia, “Proteggiamo il nostro mare con un sì!!” ultima modifica: 2016-04-15T19:12:24+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Manfredoniattiva

    Gentile Redazione nel ringraziarvi per le foto vi chiediamo di specificare che le foto rappresentano anche il banchetto affianco al gazebo dei Giovani Comunisti tenuto da associazioni impegnate nella raccolta firme no energas. Grazie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi