FoggiaManfredonia
A cura degli agenti della sezione “Criminalità Diffusa, Straniera e Prostituzione” e la sezione “Reati contro la persona e in pregiudizio dei minori”

Tentato omicidio, arrestato 41enne a Borgo Mezzanone

I fatti sono stati commessi il 13 aprile 2016 alle ore 23 circa nel C.A.R.A. di Borgo Mezzanone

Di:

Foggia. La sezione “Criminalità Diffusa, Straniera e Prostituzione” e la sezione “Reati contro la persona e in pregiudizio dei minori”, nella scorsa notte ha proceduto al fermo di polizia giudiziaria a carico di Osas Amadin, poiché gravemente indiziato, del delitto di tentato omicidio e di false dichiarazioni sulla propria identità. I fatti sono stati commessi il 13 aprile 2016 alle ore 23 circa nel C.A.R.A. di Borgo Mezzanone, in danno di un cittadino della Costa d’Avorio, entrambi domiciliati nello stesso modulo abitativo.

I fatti. Nella tarda serata del 13 aprile, personalein servizio di vigilanza nel C.A.R.A. di Borgo Mezzanone, interveniva a seguito della segnalazione pervenuta da un addetto alla cooperativa che gestisce il Centro di Accoglienza per la quale un cittadino della Costa d’Avorio era stato vittima di accoltellamento e trasportato nello stesso presidio medico per i primi soccorsi da un occupante del modulo nel quale dimorava con lo stesso aggressore.

Ipotizzando una presenza dell’aggressore ancora nel Centro di Accoglienza, gli agenti hanno proceduto ad una prima fase di ricerca dello stesso. Effettivamente, nel modulo abitativo, è stato rintracciato un cittadino di colore che si è presentato alla vista degli agenti a torso nudo e con un cellulare in tasca che diffondeva musica ad alto volume. Richieste le generalità all’uomo, lo stesso dichiarava di non comprendere la lingua italiana e di essere tale “Roland Osabo” nato a Benin City in Nigeria.

Intanto, per la gravità delle condizioni di salute dell’aggredito, gli agenti hanno richiesto l’ausilio del personale del 118 che provvedeva a trasportare il ferito con ambulanza nel pronto soccorso locale, dove venivano riscontrate a seguito dei primi esami clinici una ferita da taglio e punta al fianco destro con evidenza di ematoma parietale preperitoneale al fianco destro per mm 65×30 con spargimento di sangue e lesioni al fegato, con lesione lacerativa orizzontale a livello dei segmenti 5-6 cm. Il paziente, a seguito delle ferite riportate, è stato ricoverato nel reparto di chirurgia generale. Intervenuto personale della Squadra Mobile di Foggia, per il prosieguo delle indagini, si è accertato che la vittima, aveva richiesto agli altri occupanti del modulo di abbassare il volume della musica che stavano ascoltando mentre cucinavano. Inizialmente, lo stesso sarebbe stato deriso per la richiesta, quando uno di loro lo colpiva all’improvviso con pugni sul corpo e subito dopo lo colpiva con un grosso coltello sul fianco dx e sul braccio dx. La vittima, perdeva quasi subito i sensi per l’eccessiva perdita della sostanza ematica eper la gravità delle ferite riportate. L’arma utilizzata dall’ aggressore,un coltello da cucina con la lama appuntita e con un grosso manico di colore nero in plastica di circa 30 cm di lunghezza, veniva rinvenuta in un armadietto metallico tra le stoviglie dagli agenti della squadra mobile. In considerazione dell’episodio violento e non sorgendo dubbi sulla attendibilità dei fatti denunciati dalla vittima ovvero sulla attendibilità dell’individuazione del responsabile del fatto reato, sulle circostanze emerse ed individuate dalle deposizioni testimoniali dei testi, in considerazione del reale
pericolo di fuga, legato alla condizione di straniero, privo di fissa dimora e di stabile occupazione e sulla probabilità successiva irreperibilità del medesimo che aveva già mostrato l’indole a declinare le proprie generalità con altre al fine di eludere i controlli delle forze dell’ordine, in considerazione della gravità dell’episodio e dei futili motivi che lo avevano indotto a reagire con crudeltà e violenza nei confronti della parte offesa, il nigeriano Amadin Osas è stato posto in stato di fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio e false dichiarazioni sulla propria identità ed associato nel carcere di Foggia.

Redazione Stato Quotidiano.it – RIPRODUZIONE RISERVATA

Tentato omicidio, arrestato 41enne a Borgo Mezzanone ultima modifica: 2016-04-15T12:33:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi