ManfredoniaZapponeta
"Vogliamo contribuire a rialzare dalle macerie il nostro paese"

“CambiAMO ZAPPONETA” e il candidato Sindaco Vincenzo D’Aloisio si presentano

"Zapponeta sta vivendo quello che l’Italia ha vissuto all’indomani del secondo conflitto mondiale: macerie, povertà, disoccupazione, morti, feriti"

Di:

Zapponeta. Zapponeta ha voglia di voltare pagina, di cambiare, di rinascere. Sono queste le parole-chiave dell’apertura della campagna elettorale per le elezioni amministrative del Comune di Zapponeta della Lista “cambiAMO ZAPPONETA”, guidata dal dott. Vincenzo D’Aloisio. Ieri sera, infatti, in una Piazza Aldo Moro gremitissima e festante come non si vedeva da anni e all’insegna del massimo fair play sono stati presentati i candidati e il programma del gruppo guidato dal giovane agronomo zapponetano, da sempre impegnato nell’associazionismo cattolico. Al progetto della Lista “cambiAMO ZAPPONETA” hanno dato vita, oltre a tanti cittadini, tutte le forze politiche locali (PD, SEL, FI, NCD e Cristiani Uniti) che, nel momento più buio della storia del paese (dissesto economico finanziario e grave grisi occupazionale), hanno deciso di fare quadrato per rispondere in maniera straordinaria a questa situazione. “Zapponeta – si è detto – sta vivendo quello che l’Italia ha vissuto all’indomani del secondo conflitto mondiale: macerie, povertà, disoccupazione, morti, feriti. In quell’occasione tutti partiti dell’arco costituzionale si misero al lavoro scrivendo le regole fondamentali della nostra Repubblica – la Costituzione più bella del mondo – e ponendo le basi per lo sviluppo e il progresso del Paese che di lì a poco avrebbe visto concretizzarsi un vero e proprio miracolo economico e sociale.

Noi oggi vogliamo replicare, con le dovute proporzioni, quella straordinaria operazione: vogliamo contribuire a rialzare dalle macerie il nostro paese. Vogliamo liberare Zapponeta dalle secche nelle quali si è arenato. La consiliatura che si aprirà dopo il voto del 5 giugno prossimo dovrà essere una consiliatura di carattere costituente, dovrà porre le basi per il risanamento del paese e per la sua rinascita economica, sociale e culturale. Zapponeta è posta dinnanzi a una scelta: continuare con gli stessi attori del passato o operare una scelta di forte discontinuità con quel passato.” La lista “cambiAMO ZAPPONETA” è formata fondamentalmente da giovani (età media 30 anni), che non hanno mai avuto modo di misurarsi con un’esperienza amministrativa.

La Lista alternativa (Liberi di RI-cominciare), invece, è guidata dal dott. Matteo Scommegna, già capogruppo di opposizione nell’Amministrazione Riontino (della quale ha provocato la prematura fine nel gennaio scorso) e oggi a capo di una civica di cui fanno parte ex amministratori di maggioranza e di minoranza e il cui principale sponsor è proprio l’ex Sindaco Giovanni Riontino.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • prese in giro

    Mi spiace Enzo, ma non ci cascherà nessuno. Parli di macerie, di rovine, di povertà…..TUTTO VERO. Non puoi però prendere in giro la cittadinanza, perchè gli artefici di questi disastri sono le persone che stanno dietro la tua lista e che ognuno ha messo lì il suo candidato. Ora ti faccio i nomi degli artefici del disastro di zapponeta e ti indico anche i nomi dei loro candidati:
    – Mirolla ha messo suo figlio;
    – Franklin, il peggiore, ha messo suo nipote Francesco;
    – Pascaniello ha messo te, Enzo;
    – Salvatore e Matteo de feo hanno messo Isa mastropasqua;
    gli altri candidati sono il contorno amaro della lista e esponenti di famiglie numerose più o meno.
    Quindi ci chiediamo tutti, come fai a risollevare le sorti del paese partendo dagli artefici dei disastri? Questa è la risposta che devi dare al paese se vuoi prendere qualche voto altrimenti ritirati a fare quello che facevi prima che fai più bella figura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi