Foggia
In Sala Fedora con Beccaglia e Glioti si discute di arte

L’incontenibile mondo di Paz e lo spirito del ‘77

Anna Paola Giuliani ha anticipato che in questa chiave di lettura delle “lezioni su Pazienza” potrebbero essere avviate in autunno coinvolgendo le scuole

Di:

Foggia. “L’unico rammarico è stato non poter accogliere nella Sala Fedora altre 30 persone arrivate per l’evento su Andrea Pazienza. In 40 sono rimaste in piedi, oltre 100 seduti, utilizzare il Giordano sarebbe stato un azzardo”. Alessandro Galano si è occupato per la libreria Ubik dell’aspetto comunicativo di una matinée di rilevanza nazionale. Puca Jeronimo Rojas Beccaglia e Oscar Glioti hanno raccontano l’arte pittorica, i fumetti, i quadri e le tavole dell’artista di San Severo, un genio che ha saputo esplorare tutte le potenzialità espressive della narrazione per immagine esaminando la sua generazione e i mutamenti repentini dello spirito del tempo. L’incontro – che ha richiamato pubblico dalla provincia di Foggia e di Bari- raccontava di “Paz e il 77. Ritratto del giovane Maestro”. E’ stato arricchito dalla proiezione in anteprima nazionale di un filmato inedito girato nel 1977 con protagonista proprio Andrea Pazienza, un cortometraggio appartenente ad una collezione privata, dunque un’occasione unica per gli appassionati.

La mattinata è stata organizzata con l’assessorato alla cultura. Anna Paola Giuliani ha anticipato che in questa chiave di lettura delle “lezioni su Pazienza” potrebbero essere avviate in autunno coinvolgendo le scuole.

Gli studiosi di Pazienza
Puca Jeronimo Rojas Beccaglia. Laureato e specializzato in storia dell’arte. Curatore, storico, critico e recensore tra i più autorevoli in Italia. Direttore artistico di vari festival nazionali (ideatore di Caffeina Comics Lab, assistente alla direzione artistica dell’edizione 2014 di Quartieri dell’arte, festival di drammaturgia contemporanea). Studioso di Andrea Pazienza, da anni impegnato nella diffusione della sua opera all’interno delle principali manifestazioni di carattere artistico. Nel 2015 cura la mostra Segni Preliminari. Il fumetto nelle opere pittoriche di Andrea Pazienza presso il Chiostro delle memorie e salone degli affreschi della società Umanitaria di Milano in occasione di Expo. È recensore di graphic novel e moderatore di incontri di presentazione per Fandango Libri 2015. Cura la pubblicazione Convergenze – Vol 13. Tutto Pazienza per “Repubblica”, la mostra “Segni preliminari” esposta a Viterbo, Milano e Pitigliano (gr). Riordina e digitalizza l’archivio di famiglia dell’artista pugliese.

Oscar Glioti. Nasce a Roma nel 1970. A partire dalla fine degli anni Ottanta collabora con le più importanti testate dedicate al fumetto scrivendo recensioni, rubriche, saggi e interviste. Nel 1989 consegue il diploma di laurea in Storia economica presso l’Università di Roma La Sapienza. Dal 2002 è iscritto all’Albo nazionale dei giornalisti, diversificando le collaborazioni con diversi editori nazionali e internazionali. Nel 2009 pubblica con Fandango Libri Fumetti di evasione – Vita artistica di Andrea Pazienza. Nel 2013-2014 scrive insieme a Zerocalcare, Valerio Mastandrea e Johnny Palomba la sceneggiatura tratta da La profezia dell’armadillo di Zerocalcare per un lungometraggio destinato al cinema in corso di realizzazione. Nel 2016 cura con Giovanni Ferrara i venti numeri della collana TuttoPazienza pubblicati dal gruppo editoriale La Repubblica – L’espresso. Attualmente lavora come editor in Coconino Press – Fandango.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This