Manfredonia
A cura di Pascalonia

L’Angjolètte de fra’ Caccone

Di:

Ò mannéte u
bbanne, nd’u pajese, fra’ Caccone,

ne nge trove
cchiù ll’Angjolètte de Frecone.

Ce vann’acchjanne acchessì tutte quande.

accume stanne,
lli ddejavele e lli sande.

“Ne nn’ji timbe
c’àmma sté angore devise.

stu pajese stè
danne llu volte a rrise,

se ne nge trove
subbete ll’angjolètte

tutte nuje a
qquà nn’avime cchjù reggètte”.

^^^
“Ze moneche” lli
diche, “addumanne scuse,

ma pecché pe
st’Angele purte ll’avvise?”

“Sanda
gnurandetà, llu dice a parole.

Sté scritte
grusse grusse nda lli Vangele:

Ll’Angele ji
cudde ca porte a bbona nove,

cudde ji ca p’ a
parole a nnuje cj’aggjove!”

Sarrà….ma tand’asséje ije ne nge crede.

“Llu sapeve
ije…. Site ggènde de poca fede!”

^^^

“Ze moneche
avisse vogghje tu a ddice,

canosce, a june,
ca llu vonne a bbenedice,

ca lli
parole da mmocche jèsse e pure i nove,

ma a ffé lli
cunde assemègghje ca nge trove.

E che bbona
parole… e che cundandézze…

stu pajese mo ji
chjune chjune de memmèzze

pe na mazze ne
nge n’ jéme porte porte:

a mègghja bbuscije ò ditte, e pure forte”.

Pascalonia

L’Angioletto di fra’ Caccone
Ha mandato il bando, fra’ Caccone/ non
si ritrova più l’Angioletto di Frecone,/ si vanno cercando, così, tutti
quanti,/ come stanno, Diavoli e Santi./”Non è tempo che dobbiamo stare ancora
divisi,/ questo paese sta dando il volto al riso (sta morendo)./ se non si
trova subito l’Angioletto,/ tutti noi non avremo più ricetto (un luogo dove
vivere).// “Signor monaco”, gli dico, “chiedo scusa,/ ma perché per Angelo porti tanto affetto?”/ “Santa
ignoranza, lo dice la parola, /sta scritto con grandi caratteri, nel Vangelo,/

L’Angelo è quello che porta la buona nuova/ quello che con la parola a noi
aiuta…”/ “Sarà, ma molto non ci credo…”/”Lo sapevo io…gente di poca fede!”//
“Signor monaco hai voglia tu a dire,/ conosco uno, che sia benedetto, / che
esce le parole dalla bocca e pure le novità,/ ma a fare i conti non si ritrova./ E che buona parola, e che
contentezza/ questo paese mo è pieno pieno di monnezza/ (poco ci vuole che) con
una mazza andiamo “porta per porta”…./ ha detto la più grossa bugia, e pure forte”.



Vota questo articolo:
0

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This