Manfredonia

Manfredonia. Inciviltà sul Molo di Levante (FOTO)


Di:

Manfredonia. Inciviltà sul Molo di Levante

Manfredonia. Inciviltà sul Molo di Levante (FOTO) ultima modifica: 2017-05-15T10:49:05+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
13

Commenti


  • Cittadino indignato

    Teste di caz20 e ignoranti! Ma come mai il porto di Manfredonie è senza controllo ed è anche una gruviera entrano ed escono tutti senza alcun controllo con le auto con i pesci nei cofani etc..sembra un porto del centro africa più che un porto della Comunità Europea.


  • Fabio

    Come vedo non è cambiato nulla da un anno a questa parte. Denunciare non serve a niente, chi amministra non si interessa del territorio in cui vive, lo si vede con questi esempi.


  • cittadino

    Premetto ke la situazione è identica in tutto il territorio portuale e nn capisco xke L’ASE ha tolto i bidoni dal porto, senzaintrodurre quelli della differenziata. Così facendo il pescatore è tentato (obbligato) a buttare i rifiuti ovunque, anche in mare. Senza parlare della mancanza di controllo della gente esterna Ke introduce rifiuti di qualsiasi genere nel porto.
    G R A Z I E A. S. E. ( Ke mnnezz Ka si ) !!!!


  • Alfredo De Luca

    Solo per chiarire che la pulizia del porto è di competenza esclusiva dell’autorità portuale. Il Comune non può surrogarsi a chi deve pagare per farlo. L’ASE è solo l’operatore che se non viene chiamato non va. Tutto molto semplice.


  • Gustavo

    Iet a FATIE’ VAGABOND, invece di prendervela con gli IDIOTI come voi , ve la prendete sempre con chi amministra. Ho la vaga impressione che siete voi gli artefici di tutto questo, poiché vi conviene strumentalizzare l’accaduto. Sporcaccioni perché non fate a turno a sorvegliare, visto che sapete solo criticare, in particolare tu ” cittadino indignato ” stallieri di BRANCALEONE da PIAZZA D’UOMO, ogni tanto, invece di perdere tempo dietro una tastiera , organizza con gli altri stallieri delle sorveglianze a turno. CONSUMATORI ABUSIVI DI OSSIGENO.


  • cittadino

    De Luca, praticamente…. “PORTO FRANCO”…..
    Ci chiedi di essere cecati….. come tanti di voi che state seduti su quel C….. di comune.
    Il porto o i porti fanno parte del territorio comunale anzi direi “Cittadino”… e voi che siete l’autorità non potete imporre a chi di dovere di provvedere intimando atti di diffida….. per esigenza di salubrità pubblica…. e qui entra in gioco, nolente e dolente, la massima autorità sanitaria…. l’amministratore per eccellenza il signor “SINDACO” …. Gustavo sii comprensibile…. noi cittadini non chiediamo altro…. che qualcuno faccia sentire la propria autorità vista che l’ha ottenuta per fare gli interessi dei propri cittadini e del proprio territorio. Saluti.


  • eldos

    Ma , ma l’ASSESSORE all’AMBIENTE cosa fa? Vedrà tutto questo o…….., ma anche i cittadini DEVONO far la sua parte senza chiudersi gli occhi e le orecchie, così NON va bene.


  • Manfredonia = Mogadiscio

    Nulla da aggiugere.


  • Manfredonia = Mogadiscio

    Nulla da aggiungere.


  • Il domestico fa la spesa

    Il pesce che si vende come nel Bangladesh, si vende ovunque e tranne casi rarissimi senza controlli sanitari e senza documentazione fiscale..a volte ho visto vendere pesci con la temperatura di oltre 40° in vie principali e con il lezzo di pesce avariato che si respirava a decine di metri. Vergogna! Vergogna a chi percepisce stipendi e non fa il proprio DOVERE!


  • Dany

    Perché chi gestisce la cosa è incompetente ….e quindi intoccabile…


  • Lettore


  • Lettore

    Chi tutela o dovrebbe tutelare il disastrato consumatore sipontino?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi