Cronaca

Consiglieri regionali Puglia, impugnativa Governo

Di:

Consiglio regione Puglia, immagine d'archivio

(immagine d'archivio)

Roma – SEDUTA di Consiglio dei Ministri: il Consiglio ha deliberato l’impugnativa dinanzi alla Corte Costituzionale della legge Regione Puglia “Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 maggio 2004, n. 7 (Statuto della Regione Puglia) che, nel modificare l’articolo 24, comma 1, dello Statuto pur riducendo il numero dei consiglieri regionali eletti da “settanta” a “sessanta”, viola l’articolo 14, comma 1, lettera a) del decreto legge n. 138/2011, convertito con modificazioni, dalla legge n. 148/2011 (Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo), il quale prevede che, per il conseguimento degli obiettivi stabiliti nell’ambito del coordinamento della finanza pubblica, le Regioni debbano adeguare, nell’ambito della propria autonomia statutaria e legislativa, i rispettivi ordinamenti alla previsione che il numero massimo dei consiglieri regionali, ad esclusione del Presidente della Giunta regionale, sia uguale o inferiore a 50 per le regioni che, come la Regione Puglia, contino una popolazione non superiore a sei milioni di abitanti. La legge di riforma statutaria viola, pertanto, l’articolo 117, comma 3, della Costituzione che riserva allo Stato i principi fondamentale in materia di coordinamento della finanza pubblica.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi