Regione-Territorio

Consultori, avv. Colaianni: “La Regione richiamerà il personale all’osservanza dei compiti”

Di:

consultorio, immagine d'archivio (EcoBergamo)

consultorio, immagine d'archivio (EcoBergamo)

Bari – I consiglieri regionali del PdL, Ignazio Zullo e Saverio Congedo, hanno diffuso la seguente nota congiunta sulla sentenza del TAR di Bari 3477 del 14/09/2010 ( La sentenza del Tar n.3477 del 14 settembre 2010) che annulla la delibera della Giunta regionale n.753 del 15 marzo 2010 ( La delibera di Giunta del 15 marzo 2010) e ( Bol. n. 61 del 07-04-2010), che sanciva di fatto l’esclusione degli obiettori di coscienza dai bandi per i consultori.

“La sentenza del TAR Puglia conferma quanto, non tanto il PDL ma le associazione delle famiglie e dei medici sostengono da tempo sull’illegittimità dell’esclusione degli obiettori di coscienza dai Consultori Familiari sancita dalla Giunta regionale con la delibera 753/2010. Sostanzialmente il giudice amministrativo boccia, senza se e senza ma, il Governo regionale per comportamento discriminatorio e lesivo dei diritti Costituzionali di eguaglianza, di libertà religiosa, di coscienza, di pensiero e del lavoro. La delibera 753/2010 voluta dal Governo regionale a regime rischiava di trasformare i Consultori in meri ‘abortifici’ in evidente ed illegittima violazione anche della Legge 194/78 e che, peraltro, sommata alla prevista riduzione del numero dei consultori avrebbe ulteriormente indebolito la rete consultoriale che costituisce un importante presidio di socialità per la salvaguardia della vita e l’assistenza alle famiglie soprattutto disagiate”.

“E’ grave – dicono i due consiglieri – che tale discriminazione venga messa in atto da chi, a giusta ragione, ha fatto della difesa dei diritti delle persone, dei deboli, delle minoranze, delle diversità una propria ragione di vita e dal quale ci saremmo, invece, aspettati una difesa strenua dei diritti fondamentali delle persone che non possono piegarsi a convenienze politiche ed ideologiche. Una persona che caparbiamente ed illogicamente discrimina e reprime la libertà religiosa e di coscienza dei cattolici e la libertà di manifestazione del pensiero può rappresentare una parte minoritaria della società pugliese e italiana e non certo un’intera collettività né come Presidente di Regione né come aspirante Premier nazionale”.

De Leonardis: “Bene la sentenza del Tar a favore dei medici anti-abortisti” – “Esprimo piena soddisfazione per la sentenza della seconda sezione del Tar di Bari, che ha annullato la delibera di giunta n. 735, firmatari gli assessori Fiore e Gentile, del marzo scorso con la quale si bandiva la presenza dei medici obiettori di coscienza dai consultori ambulatoriali. E’ una vittoria della civiltà e del buon senso rispetto al pregiudizio e all’ideologizzazione di una materia delicatissima che dovrebbe prevedere invece confronto, apertura, rispetto”, sottolinea Giannicola De Leonardis, consigliere regionale Udc e presidente della settima commissione Affari istituzionali. “Una vittoria non solo del Movimento per la vita e delle associazioni e movimenti di ispirazione cristiana, che hanno presentato materialmente e sostenuto con coraggio e convinzione il ricorso, ma di quanti, come il sottoscritto, hanno sempre nutrito forti perplessità rispetto a discriminazioni intollerabili, come l’accesso negato ad un concorso pubblico o in una struttura pubblica per motivi religiosi o convinzioni personali”.

Continua De Leonardis: “Spero adesso che gli assessori alla Sanità e al Welfare facciano un passo indietro, rinunciando al ricorso al Consiglio di Stato e rivedendo profondamente la loro posizione in una regione che già registra un tasso significativo di aborti. Una regione che dovrebbe sperimentare un ‘laboratorio politico’ all’insegna della difesa della vita e del sostegno concreto, attraverso adeguate politiche di prevenzione, supporto e assistenza, alle donne e alle coppie in un momento terribile davanti al quale non possono essere lasciate sole, oppure senza nessuna alternativa esposta e prospettata con chiarezza e serenità”.

Medici Obiettori.Sentenza Tar: l’Avvocato Coordinatore, Colaianni: “la Regione richiamerà il personale alla rigorosa osservanza dei compiti” – Nel dibattito aperto dalla sentenza del TAR, sulla vicenda dei medici obiettori nei consultori, interviene l’Avvocato Coordinatore della Regione, Prof. Nicola Colaianni.

“La decisione del Tar Puglia sull’ammissibilità dei medici obiettori nei consultori va valutata, al di là di facili propagande, rispetto alle posizioni sostenute dalle parti – ha detto l’avvocato Colaianni – i medici ricorrenti sostenevano di essere pienamente legittimati dato che l’attività di consultorio “mira a dissuadere la donna dall’iter abortivo”, mentre la Regione ben avrebbe potuto riservare ai medici non obiettori il rilascio del certificato “abilitativi all’aborto”.

“Proprio per questa mancata “presa in carico globale” della donna da parte di alcuni medici obiettori la Regione s’era determinata ad escluderne l’impiego presso i consultori. “Il Tar ha dichiarato illegittima questa clausola ma ha anche ribadito – come sostenuto dalla Regione – che l’attività di consultorio è, senza il preteso carattere dissuasivo, “soltanto attività di assistenza psicologica e di informazione/consulenza della gestante”, con svolgimento delle annesse “funzioni di ginecologo (accertamenti e visite mediche)”.

“Il non puntuale svolgimento per intero di tale attività darebbe luogo, secondo il Tar, alla “commissione di illeciti di rilevanza penale, disciplinare e/o deontologica da parte dei medici obiettori presenti all’interno del Consultorio”. Ma la Regione, invece che escluderli preventivamente, deve controllare l’espletamento da parte loro “in modo rigoroso e puntuale” di tutta l’attività predetta, compreso il “rilascio del documento attestante lo stato di gravidanza”. Pertanto – conclude Colaianni – salva la valutazione di ogni risvolto giudiziario, la Regione richiamerà da subito il personale operante nei consultori alla rigorosa e puntuale osservanza di tutti i compiti, nessuno escluso, loro assegnati dalla legge.”

Consultori, avv. Colaianni: “La Regione richiamerà il personale all’osservanza dei compiti” ultima modifica: 2010-09-15T13:08:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Carolus

    Pugliesi !!!
    Fate in modo che Vendola sia eletto a segretario del PD !! Vi liberereste del peggior amministratore di regione e elevereste il livello del PD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi