Cronaca

Cerignola, ritrovata Rosaria Pugliese: è a Catania

Di:

Rosaria Pugliese, la 21enne di Cerignola scomparsa da venerdì 2 settembre dalla sua abitazione (fonte image: GdMezzogiorno)

Cerignola – LA 21enne Rosaria Pugliese, allontanatasi il 2 settembre dalla sua abitazione a Cerignola ( Focus, allontanamento 21enne) è stata rintracciata oggi a Catania. Numerosi in questi giorni gli appelli della mamma Pina a “Mattino Cinque”, e ieri sera a “Chi l’ha visto”. La ragazza sarebbe scappata nel centro catanese per convivere con un giovane della zona. In base a quanto emerso, la ragazza non sembra avere intenzione di ritornare a Cerignola.

Importanti le segnalazioni nel centro siculo nella serata di ieri alla trasmissione di Rai 3, tutte nei pressi di Corso Italia, che hanno permesso il ritrovamento. Sospiro di sollievo specie per la mamma che nei giorni scorsi aveva temuto il peggio. Al telefono la mamma di Rosaria racconta: “Ho parlato con lei al telefono e sta bene. Non mi ha spiegato niente mi dira’ tutto a voce di persona”.


La vicenda.
Rosaria Pugliese, 21 anni di Cerignola è prima di tre fratelli, padre agricoltore e madre casalinga. La ragazza si sarebbe allontanata di casa volontariamente, lo scorso venerdì 2 settembre, con pochi soldi in tasca (5 euro) ed il cellulare. Al momento dell’allontanamento dalla sua abitazione la ragazza – con lunghi capelli neri – indossava un paio di jeans, una maglietta bianca con un pupazzetto sul davanti, sandali e occhiali Ray Ban. La 21enne, prima di lasciare la sua abitazione verso le 18 dello scorso venerdì, aveva riferito alla madre di essere in attesa del suo fidanzato, Antonio, un ragazzo di Manfredonia con cui si frequenterebbe da quattro mesi. Il ragazzo del centro sipontino avrebbe dovuto prendere la ragazza dalla sua abitazione per poi recarsi a Foggia a fare compere.

La ragazza sarebbe andata a Foggia, in base a quanto riferito in seguito alla madre, ma con due amiche. In seguito: prima lo spegnimento del cellulare, dunque un messaggio alla madre (ore 21) dicendo alla stessa che sarebbe rientrata a breve. Ma Rosaria Pugliese a casa non era più ritornata. Già il sabato mattina, all’indomani della scomparsa, i genitori avevano presentato una denuncia ai carabinieri del locale Comando Compagnia, con il ragazzo di Manfredonia che avrebbe ricevuto un messaggio nel quale la ragazza si sarebbe lamentata dei continui viaggi tra Cerignola e il centro sipontino, dunque per trovarlo. Da qui l’ipotesi di un allontanamento volontario. Forse in compagnia di altre persone.

Inoltre, come risultato dalle indagini e dalla denuncia dei genitori, nello stesso pomeriggio il ragazzo di Manfredonia della giovane 21enne di Cerignola avrebbe cercato di telefonare a Rosaria, ma con silenzio della giovane e con in sottofondo due voci maschili, con una che avrebbe riferito una frase. Da quel momento il cellulare della ragazza sarebbe risultato sempre spento.

Le indagini erano state affidate ai carabinieri del Comando Compagnia di Cerignola.

Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi