Sport

“Diciannove e Settantadue”. Cine-documentario su Mennea

Di:

Mennea Pietro (fonte image: metaforum.it)

Bari – “FINALMENTE dalla Regione Puglia arriva un riconoscimento ad uno dei più grandi sportivi che la nostra regione abbia espresso”. Ruggiero Mennea, consigliere regionale del Partito Democratico, saluta così l’inizio delle riprese del cine-documentario intitolato “Diciannove e Settantadue”, che racconterà la vita e la carriera sportiva del primatista mondiale barlettano Pietro Mennea, che nel 1979 stabilì il record mondiale sui 200 metri che sarebbe rimasto imbattuto sino al 1996.

“È il giusto riconoscimento ad una carriera brillante e ad una vita piena di sacrifici compiuti per poter ottenere grandi risultati sportivi – aggiunge Ruggiero Mennea –. Parliamo di un grande campione che però paradossalmente non è stato valorizzato, o almeno non quanto avrebbe meritato, nella sua terra, fatta eccezione per l’iniziativa dell’allora sindaco Ruggiero Dimiccoli, che nel 1996 invitò a Barletta il capo del Cio (il Comitato olimpico internazionale), Juan Antonio Samaranch, a consegnare il collare olimpico, vale a dire la massima onorificenza sportiva, al grande Pietro Mennea”.

“Non posso quindi non provare un pizzico di amarezza – sottolinea il consigliere regionale del Pd – nel constatare che tra coloro che hanno fornito un contributo o il semplice patrocinio al documentario, ampiamente pubblicizzato e anticipato dalla stampa e dai mass media, non vi siano il Comune di Barletta e la Provincia Bat e che la pellicola sarà girata tra Otranto e Maglie. È quantomeno singolare che un documentario su Pietro Mennea non venga girato almeno in parte a Barletta, ove Pietro Mennea è cresciuto atleticamente e umanamente. È evidente che per Barletta e per la Provincia Bat si tratti di un’occasione persa, che sarebbe servita anche a mettere in mostra il proprio territorio. E il rammarico aumenta se consideriamo che in passato Ventola ha finanziato film come ‘Dreamland’ che non hanno rappresentato in alcuna maniera una vetrina per la Bat e addirittura in alcune sale cinematografiche è stato ritiratoancor prima della data d’uscita. Il sindaco di Barletta e il presidente della Provincia, tuttavia, avrebbero tante occasioni per recuperare da questa ‘distrazione’ e rilanciare nella propria terra l’immagine di un uomo che ha fatto conoscere il nome di Barletta in tutto il mondo”. “Dal canto mio – conclude Ruggiero Mennea – non posso che provare ammirazione e ringraziare per le sue gesta il campione e l’uomo, cui sono legato, oltre che da affetti familiari, dalla condivisione dei principi e dei valori cui Pietro si è ispirato nella sua limpidissima ed eccezionale carriera sportiva”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Mennea replica a Sindaco BT: Del documentario su P. Mennea si parla da un anno

    “Mi fa piacere che il sindaco, a seguito della mia nota, si sia subito attivato per far sì che anche Barletta abbia un ruolo nel cine-documentario su Pietro Mennea. Resta, però, l’amarezza per il fatto che al Comune si sia dovuto attendere il mio comunicato per darsi da fare. Di questo lavoro si parla, infatti, sui giornali e su internet almeno da un anno. Se ci fosse stata davvero l’intenzione di contribuire o, quantomeno, di offrire alcuni scorci della città per girare alcune sequenze del film, ci si sarebbe potuti muovere prima. Ma forse è chiedere troppo”. E’ quanto risponde il consigliere regionale Ruggiero Mennea alla replica del sindaco di Barletta. “Ad ogni buon conto, non ho mai detto che il Comune si è rifiutato di concedere il patrocinio. Ho solo detto , e lo ribadisco, che la figura di Pietro Mennea non è mai stata valorizzata nella sua terra, se non, a suo tempo, dal sindaco Dimiccoli. E ho detto, e lo ribadisco, di aver provato un pizzico di amarezza nel constatare l’assenza del Comune di Barletta in questo progetto. Esorto il sindaco e il suo staff ad una maggiore attenzione alla lettura dei giornali e non solo quando ci sono accuse e censure all’operato dell’amministrazione comunale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi