Stato tv

F-35 Lightning II, F135 Engine

Di:



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Nathalia

    Condivido sznsatoialmente lo scritto di Celeste Costantino. Il rinnovamento che tutti auspichiamo, è tuttavia, più facile a dirsi che a farsi. Sappiamo bene, nelle varie realtà, la composizione alquanto eterogenea del personale alternamente politico di Sel. Facciamo una breve, seppure rozza, disamina tra le fila del partito la cui ragione sociale, ancor prima del PROGRAMMA POLITICO-AMMINISTRATIVO, è il RINNOVAMENTO e la POLITICA MIGLIORE! La parte determinante del partito, è in genere composta dal vecchio ceto politico o da politicanti -come si voglia dire – reduci di sconfitte, oppure incompresi, animati da insopprimibili desideri di rivalsa più che di riscatto. Certamente non tutti hanno questo “profilo” poco attraente per i nostri potenziali elettori. Tanti compagni, anche di lungo corso, godono della stima di tutti, gli si riconosce autentica passione civile, ancorchè politica. Non meno importante, seppure spesso scarsamente incisiva è la componente dei militanti dell’ultima ora. E’ pur vero, che spesso, il partito è terreno di conquista di gruppi organizzati che stravolgono l’assetto e persino la politica di Sel. E’ banale dire, che chi è causa del suo mal pianga se stesso . Le buone idee e le migliori intenzioni avranno scarsa o nulla efficacia se non supportate dal consenso, dunque prevalgono per lo più i gruppi più determinati e meglio organizzati e, purtroppo, spesso non sono quelli che rappresentano al meglio la POLITICA MIGLIORE. Stante le aspettative, supportate dai sondaggi che danno Sel intorno all’8% con tendenza all’aumento dei consensi sul piano nazionale, questi dai subiscono un drastico ridimensionamento nei territori, quindi nella classe dirigente locale, che lì dove non è credibile ragionevolmente e, giustamente non ha consenso. “ Che fare?” , quale ruolo possono svolgere i dirigenti dei livelli alti e nazionali del partito per dirimere queste problematiche, le varie situazioni? Personale al di sopra delle parti, delle diatribe, dunque commissari un po’ dappertutto, in particolare qui nel Sud per le note questioni che ne imbrigliano i tentativi di progresso e cambiamento che pure ci sono, eccome se ci sono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi