Manfredonia

Tassa su telefonia mobile, norma abrogata. Comune chiede rimborso

Di:

Stazione radio base telefonia mobile (fonte image: andreballi)

Manfredonia – “RIMBORSO della tassa di concessione governativa sulla telefonia mobile”. La Giunta comunale, con recente delibera, ha autorizzato il sindaco di Manfredonia ad aderire all’iniziativa presentata da ANCI Puglia, domiciliata presso lo studio dell’avv. Paolo Marra in Bari, per recuperare le TCG indebitamente versate secondo le modalità e le condizioni previste nella nota inviata da ANCI Puglia il 28/07/2011.

In caso di esito positivo del ricorso, assunto l’impegno di versare ad ANCI Puglia la quota del 15% del rimborso ottenuto quale contributo per le spese legali sostenute.

Il ricorso è stato presentato dall’Anci dopo che a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Codice delle Telecomunicazioni (D.Lgs. n. 259/2003) la tassa di concessione governativa sulla telefonia mobile non è più dovuta dopo l’abrogazione della relativa previsione normativa. In tal senso si sono espresse diverse Commissioni Tributarie in Italia (Perugia, Vicenza, Belluno e Milano).

Il Comune di Manfredonia dal 2003 ad oggi ha avuto ed ha attive 22 utenze di telefonia cellulare con gestori di telefonia mobile (Vodafone/Telecom/Wind); la tassa in oggetto comporta mensilmente il versamento di E 12,90 per ogni mese di abbonamento e per ogni singolo apparecchio cellulare in dotazione dell’Amministrazione. L’ANCI Puglia, di cui la Pa di Manfredonia è socio, tramite il proprio legale avv. Paolo Marra del Foro di Bari, con lettera del 28/07/2011, si è resa disponibile ad assistere i Comuni di Puglia nell’azione amministrativa e giudiziale finalizzata ad ottenere il rimborso dalla TCG indebitamente versata dal 2003 ad oggi, salvo decadenze.

In particolare: a) Il versamento di un rimborso forfettario calcolato a seconda del numero degli abitanti come esplicitato nella suddetta lettera e che per il Comune di Manfredonia è pari a € 400,00; b) il versamento della somma pari al 15% del rimborso ottenuto a seguito della suddetta azione.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Manfredoniano

    Ma non serve fare ricorso, basta compilare un modulo ed inviarlo alla Agenzia delle Entrate, che provvede al rimborso.
    Perché regalare quel 15%???
    ??????????????????????????????
    Io l’ho fatto per la mia azienda qualche mese fa….. Questi ora si ricordano… ma quali commercialisti seguono il comune???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi