Manfredonia
Da suadente suggestione che ammalia il mondo intero a tangibile opportunità di promozione e sviluppo del territorio

Le Basiliche di Siponto, cultura e turismo il binomio vincente

Di:

Manfredonia. Da suadente suggestione che ammalia il mondo intero a tangibile opportunità di promozione e sviluppo del territorio a beneficio della comunità locale. Le Basiliche di Siponto da sei mesi a questa parte sono sotto i riflettori mediatici e meta prediletta per un’incessante fiumana di visitatori richiamata dal fascino sprigionato dall’originale connubio tra la Basilica medievale di Maria SS di Siponto e l’avveniristica ricostruzione tridimensionale dell’antichissimo luogo di culto ovvero la Basilica Paleocristiana risalente al IV sec. d.C. fatta dal giovane artista Edoardo Tresoldi.

Questo vero e proprio boom, sinonimo di un irripetibile punto di svolta non solo per Manfredonia, ripropone l’atavica discussione attorno al tema della fruizione, gestione e valorizzazione del patrimonio storico-culturale in chiave turistica ed economica. Tali questioni saranno affrontante nel corso di un incontro pubblico dal titolo “Il rilancio turistico di Manfredonia passa per Siponto”, che si svolgerà domenica 18 settembre alle ore 19.30 proprio presso il Parco Archeologico di Siponto. Durante il dibattito, organizzato – così come tutto l’evento – dal Club di territorio del Touring Club di Manfredonia e dalla “Fondazione Re Manfredi” con il prezioso supporto del Comune, della Soprintendenza di Puglia, dell’Agenzia del Turismo di Manfredonia e del Gal Daunofantino, saranno assegnati due prestigiosi riconoscimenti “Premio Speciale Re Manfredi” all’artista Edoardo Tresoldi ed al Generale Vincenzo Tedeschi per il loro impegno professionale ed umano a difesa del patrimonio storico-culturale del territorio sipontino, garganico e pugliese. Ed un’iniziativa di tale rilievo non poteva che essere fortemente sostenuta dal Gal Daunofantino che, distinguendosi tra i soggetti istituzionali più attivi e produttivi su scala regionale, da oltre un decennio profonde risorse umane ed economiche per l’affermazione di uno sviluppo sostenibile ed in linea con l’identità e le potenzialità locali.

Perciò, il turismo è stato sempre il fiore all’occhiello ed in prima linea nelle azioni della società presieduta da Michele D’Errico che si appresta al varo di una nuova programmazione foriera di nuove idee e risorse a sostegno della sana economia e delle “energie” giovani, vincenti e durature come quelle dell’architetto Tresoldi autore di un’installazione artistica permanente in rete metallica, posizionata sul luogo dell’antica basilica di Siponto per “disegnare nell’aria” i volumi dell’edificio sacro, parte della memoria storica del luogo, in un connubio tra archeologia e arte contemporanea, in una nuova relazione con il territorio e in dialogo con il paesaggio.

L’incontro, che avrà inizio alle ore 19.30, a conclusione delle visite guidate gratuite agli Ipogei Capparelli e alle due Basiliche (aperte a tutta la cittadinanza a partire dalle ore 18) vedrà i saluti del presidente della Fondazione Premio Re Manfredi, Giovanni Tricarico e del rappresentante del Club di Territorio del TCI di Manfredonia, Michele De Meo e gli interventi del Sindaco di Manfredonia Angelo Riccardi, del Presidente del Gal Dauofantino Michele D’Errico dell’Amministratore Unico dell’Agenzia del Turismo Saverio Mazzone, del Soprintendente Archeologo della Puglia, Luigi La Rocca e del direttore dei lavori del Parco Archeologico di Siponto, Francesco Longobardi. Le conclusioni del workshop, moderato da Annamaria Vitulano, saranno affidate all’on. Michele Bordo, Presidente della Commissione parlamentare per le politiche europee.



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Maria Guerra

    Adesso che le cose hanno preso la giusta via, tutti in fila a fregiarsi ed anche qualcuno in eccesso ed a danno di altri non menzionati.
    Comunque grazie lo stesso anche se per me il merito maggiore è di Tresoldi


  • agguerrito

    Il boom turistico…..la svolta…….
    Una struttura con l’illuminazione sempre spenta ed una cripta sempre chiusa potrà mai rappresentare la svolta turistica per la nostra città?
    E gli ipogei Capparelli? Mai visto un cancello aperto.


  • Sorridi sei a Manfredonia: la città dei balocchi

    Hai ragione agguerrito, mai un cancello aperto e la sera il tutto nei pressi della cripta ha un aspetto spettrale. Decine di milioni di euro spesi inutilmente compreso tante opere in città. Un solo scopo supremo, spendi e spanda e buttare fumo negli occhi di noi balocchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati