CapitanataCerignola
"Costi elevati e soluzioni confusionarie"

Rendine: “Riorganizzazione della viabilità cittadina”

Di:

Cerignola. Con queste parole il consigliere comunale di Cerignola, in un comunicato stampa giunto in mattinata, rimarca “la necessità di rivedere la disciplina del piano di viabilità, in fase di attuazione, della Città di Cerignola, chiedendo che si proceda a modifiche che tengano in considerazione le numerose lamentele dei commercianti e dei cittadini, ormai infuriati ”. “Con deliberazione di Giunta Comunale n. 275 del 23.10.2015, infatti, è stata approvata l’istituzione di ulteriori aree pedonali, di zone a traffico limitato e di zone residenziali. Tuttavia, tantissimi cittadini e commercianti, specie delle zone interessate al piano di viabilità, mi hanno mostrato i propri insistenti timori per le conseguenze negative che potrebbero scaturire da tale atto. Ad esempio, che senso ha bloccare la circolazione dei veicoli in determinate fasce orarie nella cd. “Terra vecchia” !? Una zona di tale valore storico ed architettonico meriterebbe seri progetti di valorizzazione urbanistica, economica, culturale e sociale (dei quali non vi è nemmeno l’ombra), non una semplice e fine a sé stessa limitazione del traffico veicolare (già di per sé ridotto). Assolutamente irrazionale, inoltre, è la mancata previsione di differenziazioni tra giorni della settimana, feriali e festivi (per i quali vengono solamente aumentate le ore di limitazione), periodo estivo o invernale, festività religiose o laiche e periodi “ordinari”.

Un senso può avere chiudere al traffico il corso cittadino il sabato sera estivo, un altro senso, meno comprensibile, lo ha chiuderlo il lunedì sera invernale. Ancora, non si intende il senso della scelta delle ore 20.00 come orario di decorrenza. A quell’ora le attività commerciali e di ristorazione del centro cittadino, che sono la maggioranza dell’intera città, sono nel pieno della propria attività lavorativa. Impedire alle auto di circolare, già dalle ore 20, andrebbe a penalizzare i vari operatori in una maniera enorme, a maggior ragione in un periodo di contrazione economica ed in considerazione della prossima apertura di uno dei più grandi Centri commerciali della Puglia in zona Incoronata (a proposito non doveva aprirne un altro a Cerignola!?). Tutto ciò è stato fatto senza ascoltare i cittadini ed i commercianti, del tutto ignorati nelle scelte effettuate. Costo per la comunità? € 37.502,80 per l’acquisto ed installazione di n. 20 Telecamere Speed Dome, € 48.190,00 per Hardawares e Softwares per l’attivazione della Centrale Operativa di videosorveglianza; altri € 48.190,00 per lo stesso motivo (Ma una gara unica no? Perché sempre e soltanto affidamenti diretti con cifre di poco inferiori alla soglia prevista dalla legge?), più altri vari ed eventuali.

Tutto ciò mentre gli stalli della sosta a pagamento vengono aumentati da 999 a 1202, mentre i disabili continuano a pagare la sosta sulle strisce blu, mentre viene prevista l’installazione dell’ennesimo autovelox da dislocare a rotazione in addirittura dieci postazioni fisse (il limite sarà di 30 km/h, come sostenuto dal Sindaco, o di 50 km/h, come evidenziato dall’Assessore Zamparese? Sarebbe bello se, quantomeno, si parlassero tra di loro!) Di certo due conseguenze pratiche saranno inevitabili: i cittadini verranno, ancora una volta e sempre di più, tartassati da numerose multe e le diverse auto con targa straniera saranno le uniche a circolare liberamente ad ogni ora. Tutto ciò, soprattutto, mentre: non vi è in tutta la città un solo semaforo funzionante (imbarazzante per una città di sessanta mila abitanti!); le strade sono, quasi ovunque, dissestate; le strisce pedonali sono ormai invisibili; il traffico veicolare è quasi sempre in tilt; le piste ciclabili già esistenti sono inutilizzabili; molte auto vengono posteggiate in divieto di sosta per evitare il pagamento del tagliando per la sosta; addirittura alcune di essere circolano liberamente persino in villa Comunale; ed il sabato sera, invece, sfrecciano a folle velocità per le strade cittadine mettendo a rischio l’incolumità dei cittadini. Questo avviene nella città del cambiamenDo, nella città di “Metta Sindaco inutile”.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati