Manfredonia

Manfredonia: “Premi Argos Hippium – Re Manfredi – a quando un Ignobel?”

Di:

Manfredonia. Sono passati diversi giorni da quanto sono stati conferiti i premi Argos Hippium alle eccellenze di Capitanata, che si sono distinte fuori dal territorio natio. Con questo pezzo vogliamo dare seguito ad una prima pubblicazione, riportando il seguito di altre dichiarazioni pervenuteci dai premiati alla suddetta manifestazione:

Giuseppe La Torre , Global Marketing Consultant & Sales Manager: “Descrivo il mio percorso professionale, che in meno di 4 anni dall’età di 24 anni mi ha portato da uno stage a diventare il direttore di un ufficio basato a Seoul in Corea del Sud dal quale sviluppiamo la rete commerciale e di vendita di piccole e medie imprese della moda coprendo tutta l’area Asia Pacific. Sviluppare caratteri fondamentali della mia personalità basati sulla forza di volontà, determinazione ed apertura mentale credo siano importanti per una carriera internazionale, non dimentica delle proprie radici, per questo è significativo esportare la nostra italianità, e più specificatamente, pugliesità nel mondo per la quale siamo infinitamente apprezzati ed adorati come delle divinità”.

Il Contemporary Artist Antonio Natale: “Ho ricevuto la notizia di essere stato scelto per ricevere il Premio a Ginevra, alcuni mesi fa. Ricordo che ero nello Spazio dove sono esposte in permanenza le mie opere insieme alla mia Agente artistica Christine Ruiz-Kerendi. La notizia mi ha dato subito un’immensa gioia e orgoglio. Primo perché l’avrei ricevuto nella mia Terra, la Daunia. Sono felice di aver ritrovato amici e di far parte ora di quella schiera di persone che portano in alto il nome della Daunia distinguendosi in vari settori”.

La dott.ssa Filomena Albano: “Come Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza sono chiamata ad assicurarmi che i diritti di bambini e adolescenti siano pienamente attuati e a perseguire nei fatti la realizzazione del principio di non discriminazione. Mi riferisco innanzitutto alle disparità legate alle condizioni di povertà, non soltanto di tipo economico, ma anche di tipo educativo, perché la mancanza di accedere a percorsi di istruzione costituisce un pregiudizio reale rispetto alla possibilità di sviluppare potenzialità e talenti e, allo stesso tempo, rappresenta causa di esclusione ed emarginazione. Per tutti loro è quanto mai necessaria – direi indispensabile – la nomina di un tutore che possa prendersene cura, guidarli nelle scelte di ogni giorno, farsi carico dei loro problemi, rappresentarne bisogni e necessità”.

Dott. Giorgio Gentile: “Per me il premio è stata un’occasione unica per riabbracciare la mia gente e ricordare a tutti che bisogna fare ogni sforzo in tutte le sedi, anche e soprattutto attraverso la stampa ed in occasioni pubbliche come questa, per denunciare la drammatica situazione di migliaia di ricercatori italiani, che riescono a produrre risultati d’eccellenza nonostante la catastrofica mancanza di fondi e a dispetto di lavori precari, stipendi spesso ancor più precari e le tante ingiustizie di un sistema Italia, che è ancora lontano anni luce dall’essere realmente trasparente e meritocratico, nonostante le isolate e meritevoli eccezioni”.

A proposito d’eccezioni meritocratiche a Manfredonia è in programmazione anche “il Premio Re Manfredi” che avrà luogo il prossimo 16 Settembre:

Il Presidente dell’agenzia del Turismo Saverio Mazzone, in occasione della conferenza stampa sul premio Re Manfredi, così si esprime: “È innegabile la stretta connessione che lega, nel nostro Paese, gli ambiti della cultura e del turismo. La sfida è quella di riempire di contenuti i contenitori culturali di Manfredonia dal Castello alla Basilica di Siponto, sì da renderli fruibili. In quest’ottica, per il premio “Re Manfredi”, potremmo pensare e immaginare la città e il suo paesaggio come il grande contenitore, ed il Premio il contenuto di arte e narrazione”.
Volendo specificare i premiati a questa 26^edizione assegnati ci soffermiamo sul premio alla memoria dell’Avv. Antonio Fatone: un meritato riconoscimento a chi, per trent’anni alla guida dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, ha valorizzato il territorio del Gargano.

Rimanendo in tema di premi ricordiamo che esiste anche il premio Ig Nobel, noto in Italia anche come premio Ignobel, il cui scopo è “premiare l’insolito, l’immaginifico, e stimolare l’interesse del pubblico generale alla scienza, alla medicina, e alla tecnologia”, chissà che pure su questi temi i nostri concittadini riusciranno a distinguersi?

A cura di Benedetto Monaco

Manfredonia: “Premi Argos Hippium – Re Manfredi – a quando un Ignobel?” ultima modifica: 2017-09-15T09:17:16+00:00 da Benedetto Monaco



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Alfredonia

    Per il premio IGNOBEL, ( IGNOrant-noBEL) tra i nostri amministratori ci sarebbero diversi contendenti, a cui assegnare con difficolta’ di scelta il pregiato titolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi