Cronaca
"La sorte ha voluto che in quel momento nessuna persona passasse d lì"

Foggia, si spezza ramo ad albero, paura e polemiche


Di:

Foggia. Poteva andar peggio e per fortuna non c’è stato nessun incidente o feriti. Ieri, 14 settembre 2017, nel pomeriggio a Foggia da un grosso albero si è spezzato un ramo, pesante e molto folto, cadendo in terra. È accaduto nelle vicinanze della chiesa del Sacro Cuore, alle porte del rione Candelaro. Sul posto è accorsa una pattuglia della Polizia Municipale e un’unità dei Vigili del Fuoco, che hanno provveduto a mettere in sicurezza l’area, a rimuovere il grosso ramo, controllare le condizioni del pino, poi risultato buone.

Tra i presenti c’è stata paura. La sorte ha voluto che in quel momento nessuna persona passasse di lì e che non vi fossero auto parcheggiate sotto l’albero.

Ovviamente, come ormai da prassi, sui social si è dicussso sull’accaduto, senza lesinare accuse verso l’Amministrazione comunale. C’è stato anche chi ha sdrammatizzato il tutto irridendo i “socialnauti”, che prontamente hanno commentato i post, affermando come ha fatto Noemi L. “Sarà semplicemente caduto qualche ramo ma quante storie…si trasforma tutto in un film d’avventura in questa città “. Ma c’è anche chi ha ricordato tragedie sfiorate, come quella del figlio di Ilaria Di S. “Infatti visto che una tragedia è stata già sfiorata di cui purtroppo ci è andato di mezzo mio figlio, in cui nel mese di luglio si è rotto la testa mettendo ben tre punti beccandosi l’albero intero e grazie a Dio che è andata così…comunque vedo che il Comune (di Foggia, nda.) continua a prendere nessun provvedimento, complimenti continuate così”.

Due testimonianze agli antipodi che sono il termometro sulla situazione attuale in cui versa il capoluogo dauno sul fronte arboreo per la sicurezza urbana . Chi difende, spesso a prescindere, l’attuale Amministrazione comunale, chi cerca giustamente un’azione di maggior controllo e tutela dei cittadini.

Tuttavia a Foggua è da oltre tre anni che l’Assessorato all’Ambiente, congiuntamente con tecinici e agronomi, sta operando su tal problema. E prontamente c’è chi è pro e chi contro. L’Assessore al ramo, il dott. Francesco Morese, ha già più volte fornito spiegazioni in merito, giustificando potature e abbattimenti di alberi compiuti secondo criteri ben precisi dettati da studi scientifici, tutti redatti su documenti reperibili presso il Comune di Foggia, per garantire la tutela dei cittadini e del bene pubblico e anche privato.

Ciononostante, ed è sotto gli occhi di tutti, a Foggia si potano alberi, spesso facendoli diventare scheletri lignei. Una potatura forse compiuta da personale non propriamente preparato nel campo arboreo e del giardinaggio, che purtroppo non abbraccia tutta l’area cittadina, solo o alcune aree di maggior rilevanza pedonale, tralasciandone altre di maggiiore densità abitativa. Come pure accade il contrario nella villa comunale, un tempo fiore all’occhiello di una Foggia fiorente e oggi dimenticata, dove le folte e cascanti chiome degli alberi a breve copriranno il suolo. Basta farsi una passeggiata in città e non si può far a meno di notare che tanti alberi, anche secolari, son stati abbattuti perché ritenuti pericolanti, molti dei quali presentavano radici fuoriuscite dall’asfalto lungo le vie cittadine. Alberi poi non rimpiazzati da altri, tant’è che oggi laddove c’era un albero c’è il suo ricordo col tronco segato.

E senza abbatterci anche noi si spera che la tragedia sfiorata sia da monito a chi ha responsabilità pubbliche affinché tutto questo diventi un ricordo. Ma nel social web c’è anche chi, come Rosa C., ricorda che ” Fin quando non accadrà sicuramente qualcosa di grave perché di li (riferendosi all’area del Sacro Cuore, nda) ci passano ragazzi. il Comune non deve dormire “. Affermazione responsabile che fa da spalla ad un’altra più forte come quella di Marianna T. “Bisognerebbe vivere personalmente per poter capire…a volte la gente parla a vanvera… Intanto si prendono seri provvedimenti se solo ci scappa il morto!!! Al Comune piace dormire…magari è più giusto pensare a spendere soldi per cose futili”.

Chiosando con un appunto c’è da porre in evidenza che i commenti dei “socialnauti” sono prevalentemente scritti da donne, sicuramente mamme e mogli o compagne, che ogni giorno accompagnano i figli nella vicina chiesa per le varie attività svolte e fanno la spesa, perciò maggiormente esposte a tal problema.

(A cura di Nico Baratta, Foggia 15.09.2017)

Foggia, si spezza ramo ad albero, paura e polemiche ultima modifica: 2017-09-15T20:59:07+00:00 da Nico Baratta



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi