Scuola e Giovani

Unifg, conferenza Gfoss.it


Di:

Il rettore dell'Università di Foggia Giuliano Volpe (immagine d'archivio)

Foggia – IL 24 e 25 Novembre l’Università degli Studi di Foggia ospiterà la quarta conferenza italiana sul software geografico e sui dati geografici liberi organizzata dall’associazione italiana per l’informazione geografica libera GFOSS.it. Dopo gli appuntamenti di Pontedera, Bolzano e Foligno, GFOSS.it, l’associazione per l’informazione geografica libera, organizza a Foggia la sua quarta conferenza in collaborazione con l’Università degli Studi e la Provincia di Foggia. La conferenza intende illustrare lo stato dell’arte dei programmi GIS Open Source e della condivisione dei dati geografici in Italia, analizzando i progetti e le applicazioni di pubbliche amministrazioni e aziende.

Il tema degli Open Data in quest’ultimo anno è stato al centro di molte iniziative e anche GFOSS.it ha svolto una ampia riflessione sulle licenze libere adatte ai dati geografici. “Dopo molti convegni sugli open data che spesso finiscono in tante parole adesso abbiamo l’occasione di fare qualcosa di pratico” – dice Maurizio Napolitano socio di GFOSS.it e membro di Open Knowledge Foundation – “mostrare effettivamente a cosa servono questi fantomatici open data e quali vantaggi può concretamente trarne la pubblica amministrazione”.

La scelta di Foggia come sede è stata guidata anche dalla volontà di confrontarsi con la Realtà pugliese, dove la Giunta Regionale ha presentato a luglio un disegno di legge su “software libero, accessibilità di dati e documenti e hardware documentato”. Il presidente Vendola ha avuto modo di incontrare Richard Stallman, fondatore della Free software foundation, nel dicembre 2010 e già allora aveva annunciato un provvedimento sul tema. “La proposta di legge della Giunta Regionale è molto interessante” – afferma Marco Ciurcina, esperto di diritto digitale, socio di GFOSS.it e Assoli – ““speriamo venga ancora migliorata con il dibattito in Consiglio Regionale. Per questo è molto importante che chi ha cuore il software libero, i dati aperti e le libertà digitali aiuti i Consiglieri Regionali Pugliesi a decidere per il meglio”.

Nella prima giornata sarà possibile apprendere l’utilizzo di software GIS e WebGIS guidati da esperti di fama nazionale ed internazionale. Particolare attenzione verrà dedicata alle applicazioni utilizzabili nel rilievo e classificazione degli scavi archeologici. Inoltre ci sarà un ambito di discussione apposito per funzionari della Pubblica Amministrazione che si trovano a fare i conti con la distribuzione dei dati geografici, in ossequio all’articolo 52 del CAD.

La seconda giornata vedrà invece un dibattito sui dati aperti e sul software libero nella pubblica amministrazione, alla luce della proposta di legge regionale in materia della Regione Puglia: ci sarà modo di confrontare i diversi ordinamenti regionali e presentare esperienze concrete di pubblicazione dei dati con licenze aperte.
Al pomeriggio la consueta presentazione di studi e lavori geografici realizzati con tecnologie open source. Durante la conferenza sono previste sessioni tematiche ed eventi paralleli a carattere applicativo, divulgativo, di sviluppo e di discussione. La call for abstract è già disponibile sul sito di GFOSS.it, presto il programma definitivo.

Redazione Stato

Unifg, conferenza Gfoss.it ultima modifica: 2011-10-15T10:20:44+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This