Casi e Sentenze

Caccia “coniuge” da casa; reato violenza privata

Di:

Litigio coniugi (st@ - it.paperblog)

Roma – DA oggi niente più “sceneggiate napoletane”, con scarpe e vestiti che volano dalla finestra attirando l’attenzione di tutto il vicinato. Cacciare il coniuge da casa è un reato: si dovrà convivere anche se l’amore dovesse improvvisamente sfociare in odio e ripulsa. In breve, la trama della “Guerra dei Roses“, il celebre film con Michael Douglas e Kathleen Turner, dove marito e moglie diventano nemici giurati, ma nessuno dei due intende lasciare la casa all’altro, potrebbe presto diventare una frequente realtà in tanti conflitti familiari del nostro Belpaese.

La Quinta sezione penale della Cassazione ha emesso, in data 15 ottobre 2012 , la sentenza n. 40383 nei confronti di un 51enne di Palermo, confermando la condanna già inflittagli dalla Corte d’Appello di Palermo, riconoscendo nella sua condotta i reati di “lesioni personali, danneggiamento, ingiuria e violenza privata ai danni della moglie”. Quest’ultimo capo d’accusa era emerso proprio in seguito all’allontanamento forzato della consorte dall’ormai ex dimora coniugale.

A nulla, agli occhi della Cassazione, è servita la giustificazione dell’imputato di Palermo, che aveva cercato di convincere la Corte di non aver costretto la moglie a non entrare in casa. Secondo la sua visione dei fatti, la moglie era semplicemente tornata a vivere coi propri genitori. Ciò avrebbe spiegato, secondo la difesa, l’appropriazione della casa da parte del marito, che non aveva agito “con le buone o le cattive” secondo uno scopo preciso, ma semplicemente vi era stato lasciato in solitudine.

Ma la Cassazione è stata irremovibile nel sottolineare come “la donna, anche se temporaneamente trasferitasi presso i genitori, aveva il diritto di tornare, né il marito poteva escluderla dalla casa coniugale”. Nonostante la passione possa sfiorire, dunque, e anche se l’amore finisse per tramutarsi in odio viscerale, i due litiganti saranno costretti a rimanere sotto lo stesso tetto, finché il giudice non interverrà disponendo in maniera diversa.

Una sentenza che, a prima vista, potrebbe teoricamente favorire inattese riconciliazioni tra coppie ormai prossime alla separazione, ma che, ripensando al finale della “Guerra dei Roses”, potrebbe avere conseguenze a dir poco nefaste!

(A cura dell’avvocato Eugenio Gargiulo)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi