Regione-Territorio

Cittadella e le sentenze scritte sull’acqua

Di:

Una scena del trasporto forzato del bambino di Padova (st@ - gr.rai)

LA vicenda familiare di Cittadella è stata senz’altro uno scossone per le coscienze degli Italiani. Non c’è dubbio che molti giudizi siano stati, per i non addetti ai lavori, il frutto della emotività del momento e sappiamo che tutto ciò che è emotivo produce solo danni.

Il filmato del bambino trascinato, mandato in onda dalla RAI nel corso della trasmissione “Chi l’ha visto”, ha avuto senza ombra di dubbio un effetto scatenante in Italia e nel mondo. Devo, tuttavia, prendere atto che a molti che hanno espresso opinioni sulla vicenda sia sfuggito di mano il punto centrale del problema. All’improvviso sono sorti due partiti contrapposti: quello dei padri contro quello delle madri. Tutti si sono schierati con giudizi inquinati da contrapposizioni di genere, entrando nel merito della vicenda, finendo con il diventare “tifosi” del padre o della madre. Nulla di più sbagliato e imperdonabile. Occorreva creare, invece, il “partito dei bambini”.

“Il padre aveva ragione, aveva vinto la causa, che doveva fare?” oppure “La madre è sempre la madre!” Nulla di più fuorviante! Queste sono considerazioni che semplicisticamente sono state esternate ogni qualvolta si è tentato di evitare il confronto su un livello molto più alto. Cioè capire se siamo in un paese serio o no, se sappiamo fare rispettare le leggi o no, se le sentenze sono carta straccia o no. Di tutto si è parlato tranne che dello stato d’animo del bambino di Cittadella nel quadro di una visione adultocentrica del problema.

Innanzitutto nessuno deve disquisire sul merito del provvedimento della Corte di Appello di Venezia, non essendo nessuno, al di fuori delle parti e dei loro legali, a conoscenza delle carte processuali. Invece quasi tutti sono entrati nel merito della decisione rifacendo il processo. Anche questo è l’Italia. Mi fido, pertanto, della sentenza della Corte veneziana perché per il momento è l’unica verità che conosciamo, ci piaccia o no. Se la madre è stata dichiarata decaduta dalla potestà genitoriale (molti assurdamente parlano ancora di “patria potestà”) vuol dire che sono stati individuati, fino a prova contraria, elementi fondati. La decadenza della potestà è il più grave dei provvedimenti nei confronti di un genitore e non vengono emessi, di solito, alla leggera. Ma ci sono eccezioni anche in tal senso. Se poi la donna ritiene di aver subito un’ingiustizia potrà continuare a sostenere le proprie ragioni. Ma per adesso la sentenza è questa e va rispettata, anzi andava rispettata già tre anni fa. Perchè dal 2009 il bambino è restato a vivere con una madre ritenuta dalla stessa giustizia minorile come inadeguata o pericolosa? Non vi sembra questa situazione un assurdo giuridico?

Ciò premesso è in discussione, e non altro, il tipo di esecuzione del provvedimento, cioè il “come” e il “dove” della “cattura” del bambino. È mai concepibile prelevare con la forza un bambino, con l’ausilio della Polizia, davanti agli occhi sbigottiti dei suoi piccoli compagni di classe? Che roba è questa? Tutti erano al corrente, dati i precedenti, che il bambino avrebbe opposto una strenua resistenza atteso il plagio di cui era vittima secondo i giudici. Quindi perché “forzare la mano in quel contesto?” Chi restituirà un minimo di tranquillità a questo bambino dopo essere stato trascinato come un sacco di patate davanti a tutti? Certo “la sentenza è giusta”, rispondono i superficiali di turno, molti dei quali da sempre schierati ad oltranza contro il sistema della giustizia minorile e oggi sono pronti a rimangiarsi tutto perché adesso conviene stare zitti sugli squassi della giustizia minorile. Che la coerenza sia un optional in Italia è un dato di fatto incontrovertibile, ma ci deve essere un limite anche a questo.

Io sono sempre stato critico in modo costruttivo del sistema giudiziario minorile e non certo cambio idea, a prescindere dai fatti di Cittadella. Al di là del filmato incriminato, tutti sappiamo che ogni giorno in Italia vengono effettuati blitz delle Forze dell’Ordine negli asili e nelle scuole per eseguire ordini emessi dai Giudici minorili. E’ una prassi consolidata, non una eccezione padovana. La mia analisi, pertanto, non deriva da meraviglia e stupore per quanto si è visto in quel filmato. Chi è del settore conosce bene da anni questa situazione. Nulla di nuovo e di diverso è accaduto a Cittadella. Cosa è che non mi convince di questa situazione?

In primo luogo ciò che mi ha lasciato senza parole è che durante il “prelievo” del bambino fossero fisicamente presenti i genitori del minore e un gruppo di parenti materni. Chi li aveva avvisati? Perché è stato consentito loro di fare il “picchetto”? Perché la Polizia, davanti alle resistenze della madre, della zia e del nonno materno del bambino, non li ha allontanati o arrestati data la flagranza dei reati in cocorso di violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale? Reati per i quali costoro ora sono indagati. Se nel corso di un’esecuzione di un provvedimento giudiziario io contrastassi il dovere delle Forze dell’Ordine, io verrei arrestato all’istante. Perché due pesi e due misure? Allora mi chiedo perché i parenti del bambino hanno potuto fare tutta quella gazzarra?

E perché al padre è stato concesso di procedere attivamente all’esecuzione atteso che addirittura trascinava per le gambe il bambino aiutato da un poliziotto? Che roba è questa? Aveva ragione, si è vero, ma chissenefrega!!!! Lui doveva fare il padre, non l’ausiliario dei poliziotti. La procedura non consente alle parti di eseguire personalmente e con la forza un ordine come questo. Ferma la mia gratitudine nei confronti del sacro e insostituibile lavoro delle Forze dell’Ordine, non posso in questa occasione esimermi dall’esprimere forti perplessità sul conto di quei poliziotti di Cittadella, che hanno omesso di procedere ad azioni preliminari e incisive nei confronti di alcuni adulti che commettono reati.

Si sono limitati a prelevare il bambino senza liberare il campo da presenze indebite, sia della madre che del padre, quest’ultimo parte attiva dell’esecuzione. Se i poliziotti avessero rispettato la legge e i protocolli, la zia del bambino non avrebbe potuto filmare la scena e non ci sarebbe stato il clamore mediatico che ne è derivato, che è il vero danno verso il bambino. È questo il problema, e non stabilire chi avesse ragione tra padre e madre. Per quelle ci hanno già pensato i giudici. Non basta una sentenza giusta se non la si sa eseguire perché la corretta esecuzione di una sentenza è legge e non una mera attività discrezionale delle Forze dell’Ordine. In uno Stato di diritto, come il nostro, ogni regola e ogni prassi devono essere conformi alla legge. Anche un mancato arresto è violazione della legge. I bambini vanno rispettati, con energia e vigore, tutto il resto è noia.

La presenza dei parenti del piccolo non solo è stata una sfida allo Stato (non a caso sono stati denunciati) ma è stato un modo per accrescere il disagio del minore che, davanti alle urla della madre e della zia, era assolutamente consapevole, in cuor suo, di essere vittima di una ingiustizia. Anche dal punto di vista psicologico, dunque, la Polizia ha sbagliato, insieme agli assistenti sociali e psichiatri, che, a quanto pare, erano presenti a quella orrenda gazzarra. In modo dilettantesco, invece di portarsi prima i parenti, si sono limitati a prelevare il bambino in quel contesto allucinante.

Ripeto un concetto. Non è la Polizia ad essere sul banco degli “imputati”, ma la serena valutazione nei confronti di quei poliziotti “buonisti” deve essere fatta senza peli sulla lingua.
Ecco perché trovo tragicomico che da una parte Manganelli abbia chiesto scusa per l’operato di quegli agenti mentre alcuni “sindacalisti” della P.S. siano andati in tv a fare una difesa corporativa, non richiesta, inutile e controproducente.

Poi c’è da verificare se i giudici veneziani avessero dato precise istruzioni alle Forze dell’Ordine sul come eseguire il provvedimento. Pare di no. E se ciò fosse confermato sarebbe gravissimo. Nella giustizia minorile l’esecuzione di un provvedimento non è un dettaglio: è l’aspetto più importante. Pertanto la giurisdizione non può limitarsi a sfornare sentenze “perfette” senza controllare come vengano eseguite. L’esposto che l’AMI presenterà al Ministero della Giustizia mira ad accertare se vi sono state responsabilità in tal senso. Non è una crociata contro qualcuno a priori, ci mancherebbe altro. Ma un’associazione come la nostra, che si dichiara schierata dalla parte dei bambini, non può restare indifferente rispetto allo scempio di Cittadella. Non vogliamo più vedere quelle scene orrende. In futuro chi non rispetta l’esecuzione di una sentenza dovrà tremare e sapere che può finire in galera. Già perché è questo il vero punto centrale della questione. In Italia le sentenze in sede familiare sono un consiglio. Invece sono un ordine che deve essere rispettato perché siamo in una democrazia dove le sentenze sono emesse in nome del popolo. Nelle peggiori dittature, invece, le sentenze vengono eseguite ad personam, a seconda delle aderenze politiche e di potere dell’interessato. Nei paesi dell’UE chi non rispetta le sentenze va in galera.

In Italia, paese dei balocchi, tutto questo non accade. Nessuno ha paura delle conseguenze di un rifiuto a rispettare un ordine ed ecco perché si arriva alla tragedia di Cittadella. Chi non rispetta le sentenze deve tremare. Altro che picchetti. Del pari le Forze dell’Ordine che non bloccheranno sul nascere chi tenta di impedire che la legge faccia il suo corso, dovranno rispondere delle loro azioni/omissioni. Questo è il punto centrale della mia analisi, non il merito del provvedimento della Corte di Appello di Venezia. Il provvedimento semmai doveva essere assolutamente eseguito prima, subito dopo la sentenza del 2009. Restano, tuttavia, le mie antiche perplessità sullo stato attuale della giustizia minorile in Italia. Non mi stancherò mai di ringraziare i tanti valorosi giudici minorili che in questi anni hanno tutelato migliaia di bambini.

Ma adesso è ora di cambiare pagina. E per questo occorre trovare unità di intenti senza più partiti pro padri e madri o di voltagabbana che fanno come gli struzzi pur di sostenere l’insostenibile. L’attuale sistema giudiziario minorile è stato superato dalla storia. C’è troppa disorganizzazione e troppa improvvisazione, non tutti i tribunali sono preparati a fronteggiare le emergenze. A ciò si aggiunga la carenza di un lavoro di rete tra le varie figure professionali che rende tutto più difficile. I Tribunali per i Minorenni hanno troppo delegato la propria funzione ai Servizi Sociali e ai Giudici onorari. E continuano a non rispettare le regole del giusto processo e della terzietà del Giudice (art. 111 Cost.) e del vero e autentico diritto di difesa (art. 24 Cost.). Urgono riforme importanti, al di là di ciò che è accaduto a Cittadella. Da anni l’AMI rivendica il varo del Tribunale per la Famiglia o delle Sezioni Specializzate per la Famiglia. Abbiamo bisogno di supergiudici, iperspecializzati che si occupino dell’intera materia evitando il caos dell’attuale frammentazione delle competenze giurisdizionali. Sogno una giustizia veloce, autorevole, che si faccia rispettare punendo subito chi la viola impunemente come accade tutti i giorni. Dunque auspico che i Tribunali per i Minorenni vengano abrogati e che cambino le regole del gioco dove i giudici togati sono una cosa, mentre i servizi sociali, ferma la loro insostituibile funzione, facciano ciò che sanno fare e non altro.

Cambiando il sistema si proteggeranno davvero i nostri figli e la bigenitorialità vera e non ci sarà più bisogno di trascinare un bambino per eseguire (a distanza di anni) un provvedimento del giudice. Ma per fare questo ci vogliono uomini e donne coraggiosi che sappiano fare un blocco comune e sui grandi temi sappiano trovare le sintesi e le condivisioni giuste. Una società dove le sentenze sono scritte sull’acqua è una società malata. Curiamola!


(Avv. Gian Ettore Gassani – Ami Nazionale)



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • FRANCESCO

    Egregio avvocato vorrei farle notare, che come lei senz’altro dovrebbe essere al corrente, esistono le aggravanti e le attenutanti. Ai genitori e parenti del bambino bisogna contestare l’eccesso di emotività perchè se avessero tranquillizzato il bambino dicendo che sarebbe andato tutto OK e che i poliziotti non sono nemici forse tutto sarebbe andato per il meglio. E poi quando bisogna prelevare soggetti deboli ci vogliono modi consoni. La presenza di genitori e di operatori sociali è necessaria per tranquillizzare il bambino. E’ troppo facile parlare di applicare la legge in modo ferreo, alla lettera, con una certa quadratura mentale, quando si tratta di altri. Poi è inutile lamentarsi se si riceve una multa salata per qualche fesseria. Bisogna stare attenti a non fare come quel famoso film con Alberto Sordi che fa la parte di un vigile urbano e di Vittorio De Sica che in terpreta il ruolo di sindaco che viene multato.Comunque una cosa è certa: i soggetti più deboli (bambini, disabili ecc.)quando subiscono provvedimenti coercitivi, occorrono i dovuti modi per non arrecare danni. Poi il famoso principio latino “dura lex…” deve essere usato negli opportuni modi e circostanze. In Italia quello che da fstidio è che tale principio viene usato nei casi e circostanze inopportuni, in modo ottusamente e grettamente formalistico e bigotto. Se si fa i forti con i deboli e deboli con i forti significa proprio non avere gli attributi. Se si dimostra di avere gli attributi è solo in caso contrario, allora si che è apprezzabile. Ultima domanda perchè si tiene in considerazione della cosiddetta e tanto discussa P.A.S.? Una patologia mentale che a quanto pare non è riconosciuta ufficilamente nei manulai della comunità scientifica internazionale ma è solo la teoria uno pscichiatra americano, il Dott. Gardner, che è a quanto pare è stato contestato per le sue comprovate aberrazioni (è stato persino definito, anche dai suoi stessi colleghi, come uno psicotico pedofilo).


  • FRANCESCO

    Da quello che ho potuto capire i giudici del tribunale civile minorile ha disposto di privare la madre del bambino della potestà genitoriale seguendo le segnalazioni del padre secondo il quale la madre faceva nei suoi confronti dell’ostruzionismo impedendogli in ogni modo di incontrare e di avere contatti con il figlio a cui veniva pure istigato e inculcato ad avere sentimenti di avversione antipaterna. Dico io perchè non si cercava prima di appurare e conoscere bene se vi erano motivi seri, concreti, validi e giustificati che inducevano la madre a tale comportamento? E la madre a sua volta se proprio aveva le sue buone ragioni derivate da eventuali comportamenti sgradevoli e negativi del suo ex marito perchè non ha provveduto subito a suo tempo a segnalare il problema alle autorità competenti?


  • FRANCESCO

    “La Pas? Non esiste”
    15/10/2012 – Rubens De Nicola, psichiatra del bimbo di Padova, nega di aver mai diagnosticato al pazienta l’entità clinica
    “La Pas? Non esiste”

    di Redazione
    Annunci Google Windows Server 2012 È Arrivato Windows Server 2012. Nato dalla Cloud! microsoft.com/ws2012

    “Su questo argomento non mi esprimo. Non ho diagnosticato la Pas. Ho solo descritto delle modalita’ di relazione. E l’ho fatto in modo scientifico. Comunque di questa situazione non voglio parlare. Ci sara’ l’autorita’ giudiziaria che deve intervenire e, in caso, fare i passi che ritiene”. Così al telefono e’ intervenuto in diretta a “Pomeriggio cinque” Rubens De Nicola, lo psichiatra del bimbo di Padova allontanato con la forza da scuola. Leonardo ora si trova in una struttura protetta. Il caso ha suscitato grande indignazione e molte polemiche in tutta Italia.

    LA PAS – “La Pas – ha continuato De Nicola – non esiste. Pas e’ un termine convenzionale che viene usato in taluni ambienti tecnici, per definire un’anomalia comportamentale. La Pas e’ un disturbo relazionale. E’ una sorta di gioco collusivo intrafamiliare a cui aderiscono i componenti della famiglia. Come entita’ clinica non esiste”. (AGI)


  • FRANCESCO

    Dott.ssa Lorella Presotto

    “Mi occupo di scienze giuridiche, ma ho anche un titolo in assistenze sociali.
    Ho imparato durante il corso di studi, che qualsiasi teoria, qualsiasi malattia psicologica o psichiatrica, se non è contenuta nel D.S.M. (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali) non ha valenza scientifica.
    La PAS, malattia che è stata diagnosticata da un CTU del Tribunale dei Minori di Padova, non è mai entrata nel DSM, e pertanto non ha alcuna valenza scientifica.
    Domando a quel CTU come ha potuto violare un simile precetto della sua professione e ancor più domando al giudice come abbia potuto avvallarlo al punto di far prelevare con quella violenza un bimbo di dieci anni.
    Da cosa siete stati spinti, egregi colleghi, ad un atto così grave, che su Leonardo avrà ripercussioni pesanti per tutta la vita ?? “


  • Rita

    Gentile Avvocato,
    Non me ne voglia se di tutta la sbrodolatura legale e dei suoi giudizi sul comportamento della forza pubblica non mi interesso. Neppure della sua adesione fideistica alle sentenze mi interessa molto ma intervengo per precisare innanzittutto che i “minori” sono persone e per provare a farle vedere la questione da un altro punto di vista che , forse, troverà ameno e vuol dire che le avrò regalato un quarto d’ora di relax.
    Il mio punto di vista è che i bambini sono persone e quel bambino non ha fatto proprio niente per meritarsi sia di essere rapito a quel modo sia di avere la vita sconvolta a causa dei problemi degli adulti. Se invece che avvocato lei fosse medico saprebbe che di fronte ad una malattia non ci si perde a curare i sintomi ma si cura la causa dopo di chè spariscono anche i sintomi. Questo viene a dire, dal mio punto di vista, che è assurdo che le sentenze stabiliscano trattamenti coercitivi nei confronti dei bambini che vengono prelevati contro la loro volontà, scaricati come pacchi e reclusi fuori dal modo e dalla loro vita. Bisogna avere rispetto dei bambini e il dire che sono “minori” non significa esporli ad angherie e privazioni della loro libertà. Dire che sono “minori” significa invece usargli attenzioni e trattamenti migliori.
    Invece assistiamo ad un’ipertutela dell’adulto e ad una spersonalizzazione e riduzione a cosa del bambino.
    La proposta allora è: curiamo le cause e curiamole alla radice. Sono i genitori che hanno messo al mondo i figli e poi si sono divertiti a prendergli a calci il nido…sono loro che gli impongono sofferenze con i loro comportamenti. E allora, ascoltiamo i bambini, cerchiamo di capire il disagio che manifestano, ascoltiamo poco e niente cosa hanno da dire gli adulti e quando i bambini ci parlano o manifestano sintomi e disagio preleviamo coattivamente i loro genitori con abbondante dispiego di forza pubblica, mandiamoli a resettarsi in modo alternato (sicché ce ne sia sempre uno ad accudire il “minore”), facciamo capire all’adulto che mettere al mondo un figlio non è una passeggiata al corso….Le sembra strano il mio punto di vista? Dal mio punto di vista invece calza benissimo. I bambini non si toccano, a loro non si sconvolge l’esistenza, abbiamo un'”affido alternato” con un genitore per volta mentre l’altro lo ritirano… e pestiamo generosamente gli adulti che hanno maggiori risorse a disposizione! Non si può fare? Ohibò…e si può invece infliggere tutto questo ad un bambino? Ma che società stiamo vivendo avvocato? E lei mi viene a dire che “l’unico” problema è stato l’intervento dei parenti della madre ed il padre che lo portava via come un animale? Quella è solo una parte del problema. Il problema è che i bambini sono persone, hanno una loro vita, hanno dei sentimenti, dei legami che nessuno ha il diritto di sconvolgere con la scusa della “potestà” o per sentenza! Il problema non è che le sentenze devono essere eseguite a puntino,il problema è che bisogna fare una rivoluzione radicale nel modo di vedere le cose.


  • Corrado

    E’ UNA VERGOGNA ASSOLUTA PER TUTTI GLI ITALIANI, UNA COSA ORRENDA.

    Vi invito a protestare con me, potete anche copiare l’appello e inviarlo a tutti i Parlamentari soprattutto quelli della Commissioni per l’Infanzia e per la Giustizia:

    http://firmiamo.it/in-difesa-del-bambino-leonardo-di-cittadella

    questi gli indirizzi:

    http://www.camera.it/436?shadow_organo_parlamentare=1538&natura=B

    http://www.camera.it/99?shadow_organo_parlamentare=1495

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi