Capitanata

Dotoli: l’Ufficio Inps resterà aperto

Di:

Il sindaco di Lucera, Pasquale Dotoli

Il sindaco di Lucera Pasquale Dotoli (archivio)

Foggia – “L’ISTITUTO Nazionale di Previdenza Sociale non si muoverà da Lucera. Dalla Direzione centrale ho avuto rassicurazioni in questa direzione. Lo sportello INPS, dunque, continuerà ad erogare i servizi a beneficio della popolazione lucerina e dei centri montani che le fanno capo. Nessuno spostamento, allo stato, è previsto dall’attuale sede di viale Raffaello”. Lo spiega il Deputato socialista Lello Di Gioia dopo un contatto telefonico con il Sindaco di Lucera Pasquale Dotoli.

Il Primo Cittadino ha chiesto e ricevuto positive indicazioni dal Parlamentare circa la possibilità di conservare il presidio dell’Istituto previdenziale all’interno dei locali in zona ‘167’. “Salutiamo con soddisfazione le dichiarazioni seguite all’interessamento dell’Onorevole Di Gioia, che si è già speso ora come nel recente passato, anche sulla vicenda attinente alla soppressione del Tribunale lucerino” ha dichiarato Dotoli.

“Riteniamo sia opportuno non alimentare allarmismi esasperati, né sostenere un facile ottimismo. Pensiamo, invece, sia necessario riprendere la discussione, allargandola ai comuni del Preappennino dauno, sulla progressiva spoliazione di servizi in materia di assistenza sanitaria, giustizia territoriale, uffici di prossimità come l’Agenzia del Territorio e l’Agenzia delle Entrate. Per quest’ultima, come abbiamo più volte sostenuto anche per il Palazzo di Giustizia, c’è un impegno assunto dall’Amministrazione Comunale, in modo che i costi per il suo mantenimento a Lucera ricadano, in tutto oppure in parte, sulle casse del Municipio” afferma ancora Dotoli.

“Abbiamo garantito, a suo tempo, la nostra disponibilità. Tutt’ora continuiamo a pensare che la strada sia quella della condivisione di risorse con le realtà comunali più vicine e legate alla nostra. L’unione dei Comuni, da quelli di maggiori proporzioni demografiche a quelli più piccoli, passa anche da qui. La consapevolezza di ciò, comunque sia, deve appartenere tanto agli amministratori locali quanto all’utenza finale, quindi, alla nostra gente” conclude Dotoli con un invito alla riflessione esteso a colleghi e cittadini.

Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi