Manfredonia
Nota sui social

Spot Energas, anche Riccardi contro Banfi “Non ci possono schiacciare”

Anche Riccardi ha condiviso il messaggio ripreso in queste ore sui social, partito dal Collettivo In Apnea

Di:

Manfredonia. ”Siamo solo all’inizio, nella vita bisogna sapere da che parte stare, questa vicenda può schiacciare un uomo solo, non un’intera comunità, se resta unita. Io sono pronto a farmi schiacciare”. Così il sindaco di Manfredonia, Angelo Riccardi, commentando la scelta del pugliese Lino Banfi di fare da testimonial dell’Energas, “l’azienda che intende realizzare nel territorio di Manfredonia un deposito di gpl – costituito da dodici serbatoi di capacità complessiva di 60.000 metri cubi”.

Anche Riccardi ha condiviso il messaggio ripreso in queste ore sui social, partito dal Collettivo InApnea. “Attore comico noto a tutti per il suo accento pugliese – si legge – Lino Banfi svenderà la sua immagine per sponsorizzare Energas, un’azienda che ha intenzione di costruire il più grande deposito costiero di gpl d’Europa nella sua amata Puglia, precisamente a Manfredonia”.

14682080_1284007651652237_3945005202542496977_o



Vota questo articolo:
35

Commenti


  • Il mostro sfida la città

    Orgoglioso del mio sindaco e sono sicuro che se vogliono la guerra, l’avranno ci devono passare le ruspe di sopra! Noi non siamo lo zimbello dei massoni e lobbisti! Un Sindaco che deve lottare con gente potentissima vuole sentire tutto il calore di migliaia di cittadini!


  • Anto

    Ci piace cucinare e riscaldarci, ma non vogliamo depositi di gas. Ci piace andare in auto ma non vogliamo estrazioni o raffinerie. Ci piace produrre spazzatura ma no vogliamo discariche ecc. Meglio se noi prendiamo solo i vantaggi ed altri i rischi.


  • Divanopensiero

    Ma vattin! Fate votare liberamente I cittadini e vedrete che sorprese.


  • Antonello Scarlatella

    Personalmente continuo a sostenere che stiamo esagerando.
    Una persona come Banfi ambasciatore della Puglia nel mondo non farebbe mai un danno o si metterebbe contro la sua terra.
    Il nemico non è Menale, lui fa l imprenditore e cerca di portare a termine e realizzare i suoi progetti industriali.
    Il nemico non è Banfi che potrebbe anche NON SAPERE che il suo popolo sta lottando contro l installazione del megadeposito.
    Non esiste un nemico in questa vicenda.
    Esiste una comunità che è contraria alla installazione perché chiede altro per il suo sviluppo e non impianti invasivi.
    Per questo è importante il referendum al netto del fatto che qualcuno sopra di noi possa decidere diversamente.
    Ma è importante che i cittadini si esprimino prendendo posizione.
    Prima di condannare il gesto di Lino credo sia a questo punto opportuno quantomeno metterlo a conoscenza.
    Non possiamo escludere che faccia parte delle strategie dell impresa al fine di far fare “addolcire” la popolazione rendendo popolare il brand energas al fine di spingere la cittadinanza ad esprimerai a favore.
    Personalmente credo che la questione sia una semplice operazione commerciale. Di promoter di altissimo livello se ne potrebbero scegliere a centinaia.
    A questo punto è semplice. Contattate Banfi e mettetelo a conoscenza della lotta che sta facendo il suo territorio contro l installazione dell impianto.
    Ma per favore non condanniamo gli uomini prima che non siamo certi delle cose.
    Il manifesto di cui sopra è sbagliato nei termini, tendenzioso ed offensivo.
    Dire ad un uomo che è stato trainer di una grande regione che: “svendera’ la sua immagine” è una cattiveria pura.
    Un uomo di 80 anni non svende la sua immagine presta la sua immagine per una campagna pubblicitaria. Stiamo per giunta parlando di Gas, un bene di consumo che tutti noi utilizziamo e non potremmo fare a meno come il metano come la benzina come l energia elettrica a meno che non vogliamo condurre la nostra vita alla preistoria.
    La nostra città è contro al megadeposito non credo sia contro l energia.
    Come cittadino di Manfredonia prendo le distanze da quel manifesto scritto con quel termine con rabbia e cattiveria verso un uomo che per giunta è ambasciatore Unicef nel mondo oltre ad essere una persona di grande sensibilità.
    La lotta è contro l installazione di un impianto. Se siamo capaci di lottare con intelligenza vinceremo se poi crediamo che crocifiggendo Banfi o altri vinceremo …..abbiamo già perso…come in tutte le altre cose.


  • non ho parole

    Ma quoi ci siamo bevuti il cervello…ha ragione scarlatella…ne dire che siamo un popolo di completi ignoranti….enargas non costruisce solo delositi…ma distribuisci..gas e vende gas…quel gas che utilizzate tutti giorni………per riscaldarvi e cucinare….
    Ma qui siamo impazziti letterarlemte….che qualcuno intervenga altrimenti passiamo per deficenti tutta la popolazione….mentre non é cosi…..


  • Lorenzo

    -, goditi la pensione. Ti sei venduto per uno spot pubblicitario. Manfredoniani, vigili e attenti questa volta non le la diamo vinta.


  • Ciro

    Banfi: Teeeeee. Brutto disgrazieto.


  • Carlo

    I soldi, maledetti soldi, fanno perdere la dignità alle persone.


  • Disgraziete

    Lino ti odio e andiamo a dirglielo sul suo profilo facebook.


  • Venduto

    LA CADUTA DI UN MITO “LINO BANFI”


  • Occhio

    Svegliatevi o ve ne pentirete. No al mostro Energas.


  • antonella

    Un passetto avanti, piccolo, ma è già qualcosa, Manfredonia ha bisogno di gente che lotta per lei, che ha coraggio e ci mette la faccia, non solo sul social, ma sempre , comunque e dovunque, nessuno sarà schiacciato se ognuno fa la propria parte, siamo57.600 abitanti, informiamo tutti, fino all’ultimo dei residenti, poi in piazza contro energas e menale.


  • Un cittadino

    Ma è vero che le autorizzazioni ad Energas, negli anni passati, le ha date Lucio Dalla?


  • rassegnato86

    no ad ernergas, no al contratto d’area, no all’ industrializzazione, no al turismo, no al porto industriale, no ai termovalorozzatori, no ai pannelli solari, no all’energia rinnovabile, no alla raccolta differenzia!!!!
    si al sussidio, si all’assistenzialismo fatto dai nonni e genitori!!!! BENVENUTI A MANFREDONIA!!!


  • Pasquale

    Al raduno dei compagni/ cittadini in quel del palazzo dei celestini c’erano si o no una cinquantina di ascoltatori. Questo è tutto? Un deputato della Repubblica Italiana, un consigliere Regionale e il Sindaco di Manfredonia? Queste sono le vostre mobilitazioni? Che strano…molto strano.


  • Osservatore

    E’ stato fatto l’appello di tutti i politici appartenenti al movimento il bello viene ora è il Pd? Solo essi sono un 200! Ma che presa dei fondelli e mai questa?


  • luca

    Grande Lino, ingrati sono 60 anni che pubblicizza sempre la sua e nostra Puglia, oltre la sua immensa bravura.


  • non ho parole

    Io taglierei il gas….e poi vediamo quanti sono ancora contrari al deposito….


  • Anto

    Eliminate quel cartello, un po’ di rispetto per un grande uomo e artista, come Lino Banfi.


  • Indignato

    Bravo sig. Sindaco, questa mattina ne parlano anche quotidiani nazionali come Il Messaggero nella versione online.


  • Miki

    Anziché’ parlare di BANFI che fa il suo lavoro guadagnando milioni di Euro alla faccia di tutti noi , AMMINISTRAZIONE COMUNALE, COMITATI in genere anziche far finta di essere contrari all’installazione del MOSTRO ENERGAS se volete essere CREDIBILI, TRASCINATE LE MASSE A LOTTARE CONTRO L’INSTALLAZIONE DELL’IMPIANTO ENERGAS anche a costo della morte


  • Anto

    È ammirevole come certa gente conduce questa battaglia con tutte le sue forze, spero solo che a casa abbiano la cucina elettrica.


  • LA MORTADELLA

    ELOGIATE IL SINDACO ???? SAPETE BENISSIMO CHE LUI È IL PRIMO DEI MOICANI CHE L’ ENERGAS —-


  • Lettore


  • Posto promesso

    Nessuno andrà a votare. È tutto pronto burocraticamente e amministrativamente. Non perdiamo tempo e chiacchiere. Ogni città ha quello che si merita, e Manfredonia ha perso tutto ma si è meritato l’Energas.


  • Pirandello

    Una grandissima commedia dove una ventina di lupi prendono x il culo 60 mila pecore senza cervello.


  • zak

    Io sono contrario a tutto, perche’ manfredonia, citta’ piu’ bella del mondo, non ha bisogn di nulla. Ci basta ed avanza il passeggio in corso manfredi e la pensione dei nonni che, quando sara’ il momento, accomodero’ nel congelatore per continuare ad incassare ed oppormi a tutto! Ah ah ah


  • Ernesto

    La scelta del SI o del NO è per la promessa o non promessa di un posto di lavoro?


  • ilproletario

    Abbiamo trovato il “colpevole” : Lino Banfi!!!
    Ma fatemi il piacere….Quando si farà (perché sono sicuro che si farà), l’impianto Energas, il colpevole non sarà Banfi ma qualcun altro!!
    Il procedimento è partito una decina di anni fa, Manfredonia lo ha scoperto un paio d’anni fa!! Ma gli Amministratori comunali lo hanno senz’altro saputo almeno nove anni fa. Perché all’epoca non lo hanno illustrato alla popolazione ai fini, all’epoca, di un Referendum che poteva avere un significato più importante del Referendum-Commedia di adesso???? Meditate gente……


  • Angelo Verde

    Menale puoi continuare fino a quando gli Angeli non decidono di giocare !?!?!?!?!?!


  • Cicero

    Cari politici quale significato dareste se la gente non va a votare ? sicuramente non è a favore dell’energas e probabilmente neanche a favore di questa amministraione . meditate politici meditate


  • Angelo Nero

    Questa mattina a palazzo celestini c’erano i politici i pseudo politici gli aspiranti politici e gli amici dei politici , un vero flopp per il PD . Visto che i manfredoniani hanno già detto NO all’energas ,questo referendum serve più al PD per contare chi ancora li sostiene ,


  • Non ci sto

    Ma fatemi il piacere…non è Lino Banfi il problema….ma il PD locale che ha governato e governa ancora la nostra città


  • gigi

    Agli imbecilli che dicono che noi ci scaldiamo con quel gas: noi ci scaldiamo col metano non col gpl! Ignoranti!


  • Matteo Santoro

    Cara redazione il livello del topic su Energas e il livello dei forum è molto molto basso.
    Mi dispiace semplicemente perché credo nel buon operare di stato quotidiano.
    Potreste fare una ricerca sui depositi GPL in Italia e nello specifico su quello di Livorno (oggi il più grande in Italia con 53000mc).
    Potreste andare ad intervistare i cittadini livornesi e capire cosa hanno di meno rispetto ai manfredoniani e se quasi 160.000 abitanti sono stati manipolati dall’Eni.
    Potete verificare e confrontare il turismo a Livorno e quello di Manfredonia.
    Potete controllare quante volte il deposito si Livorno è esploso?
    Cari signori delle varie associazioni mettete le carte in tavola e diteci i vostri interessi/
    Movimento 5 stelle perché non combatti per la chiusura del deposito di Livorno…ops il sindaco a Livorno è un pentastellato! Perché non facciamo un’intervista al sindaco dell città Toscana per sapere cosa pensa sul deposito e se lo farebbe chiudere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati