CronacaManfredoniaStato prima
Come riportato dall'Ansa, il presunto responsabile dell’omicidio sarebbe stato catturato

Ucciso ad Amsterdam Saverio Tucci, ‘Faccia d’angelo’, di Manfredonia

Lo scorso 13 agosto 2012, Saverio Tucci fu vittima di un attentato a Manfredonia, in via Galilei, traversa di via dei Veneziani, a nord di via Gargano


Di:

SAVERIO TUCCI, 44ENNE DI MANFREDONIA  (FONTE IMAGE: L'IMMEDIATO)

SAVERIO TUCCI, 44ENNE DI MANFREDONIA (FONTE IMAGE: L’IMMEDIATO)

Manfredonia, 15 ottobre 2017. E’ stato ucciso ieri sera ad Amsterdam, in Olanda, il 44enne di Manfredonia Saverio Tucci. A renderlo noto i Carabinieri di Foggia.

Come riportato dall’Ansa, il presunto responsabile dell’omicidio sarebbe stato catturato e avrebbe confessato la responsabilità sui fatti.

Già condannato nell’ambito degli sviluppi dell’operazione ‘Iscaro – Saburo’

Saverio Tucci, pregiudicato, detto “Faccia d’angelo”, in passato è stato già vittima di alcuni attentati. L’uomo sarebbe stato “condannato per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti nell’ambito dell’operazione Iscaro-Saburo nel giugno del 2004, indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari che smantellò la mafia garganica (“relativamente alla guerra tra le famiglia dei Li Bergolis contrapposti a quella degli Alfieri-Primosa di Monte Sant’Angelo“,ndr). ”. Dai dati emersi, Tucci avrebbe subito un sequestro di immobili nel giugno 2007, a cura del personale della questura di Foggia e dei militari del Nucleo Regionale di P.T.di Foggia.

FOCUS OPERAZIONE ISCARO – SABURO
E’ stato il blitz ‘Iscaro-Saburo’ (che avrebbe originato pertanto “una riconfigurazione nel tempo delle logiche delle famiglie criminali del Gargano”) a determinare infatti l’arresto, il 23 giugno del 2004 (inchiesta dei carabinieri del reparto operativo e del Pm della Dda Domenico Seccia) di 99 persone presunte affiliate ai clan della Faida del Gargano, che si concluse con l’udienza del 7 marzo 2009 presso la corte di assise del Tribunale di Foggia. Il procedimento in questione fu il risultato della fusione di due indagini (la prima nota, appunto, come Iscaro, e la seconda Saburo) con scopo di fare luce sulla cosiddetta Faida del Gargano tra le famiglie dei Li Bergolis e i Primosa-Alfieri. Inizialmente erano stati 107 gli imputati del maxi- processo per i quali la Dda aveva chiesto in rinvio a giudizio nella primavera del 2005 (attualmente: 60 assolti, 46 condannati, 1 prescritto). Un imputato fu prosciolto; due patteggiarono; 80 scelsero il rito abbreviato (già celebrati i giudizi di primo e secondo grado); mentre in 24 furono rinviati a giudizio per essere processati a Foggia. Il maxi-processo iniziò in Corte d’assise il 6 novembre del 2005”.

LE INDAGINI DOPO LA SPARATORIA IN VIA VENEZIANI (13.08.2012)

LE INDAGINI DELLE FF.OO. DOPO LA SPARATORIA IN VIA VENEZIANI A MANFREDONIA (13.08.2012, PH STATOQUOTIDIANO.IT)

Vittima in passato di altri attentati; il 13 agosto 2012 in via Galilei a Manfredonia

Si ricorda come, lo scorso 13 agosto 2012 a Manfredonia, Saverio Tucci fu vittima di un attentato in via Galilei, traversa di via dei Veneziani, a nord di via Gargano. Verso le 11 di quella mattina, ignoti esplosero alcuni colpi di fucile in direzione dell’uomo, mentre era impegnato, con un operaio, in lavori di ristrutturazione e tinteggiatura di uno stabile.

Verifiche sulla presenza in Olanda dell’uomo

Indagini in corso degli inquirenti anche per stabilire le motivazioni legate alla presenza di Tucci in Olanda.

A cura di Giuseppe de Filippo – Redazione Stato Quotidiano – riproduzione riservata

Ucciso ad Amsterdam Saverio Tucci, ‘Faccia d’angelo’, di Manfredonia ultima modifica: 2017-10-15T10:48:00+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • linus

    dobbiamo sempre distinguerci anche nel mondo come provenienti da questa città ex-pulita. ma notando ora, che dopo decenni vissuti per lavoro fuori, che stranamente in un mio sondaggio personale, una bella fetta di operai ed operaie impiegate in varie strutture qui a manfredonia, da supermercati o cimitero o ase o comune o ancora altre…..che ci lavorano mogli,compagne, figli, figlie sorelle e fratelli di appartenenti a nomi di “grande rispetto” o appartenenti a forze dell’ordine. alla faccia del garantismo di uguaglianza lavorativa. e so pure che voi di stato quotidiano, come sempre non pubblicherete questa mia. ma rispetto i vostri timori, grazie


  • E che ce ste...

    Togli pure “stranamente’, caro Linus. A Manfredonia, purtroppo, é l’amara regola…


  • raffaele

    Ormai siamo tristemente conosciuti anche in Europa. ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi