FoggiaSport

Foggia, impresa a metà, pari con la Juve Stabia

Di:

Foggia – IMPRESA a metà per il Foggia nella 13^giornata di Lega Pro. I rossoneri pareggiano 2-2 a Castellammare di Stabia contro la Juve Stabia padrona di casa, dopo essere stati in 10 contro 11 per gran parte della gara.

De Zerbi è costretto a schierare Grea e Loiacono al centro della difesa, per le assenze di Gigliotti (squalifica) e Potenza (infortunio); Pancaro tiene in panchina l’esperto Caserta. Nel primo tempo parte meglio la Juve Stabia, al 2’ su cross di La Camera su punizione, è Bombagi ad impattare di testa, palla sull’esterno della rete. Il Foggia cresce con il passare dei minuti, ma sono ancora i campani a mettere paura a Narciso: punizione di Bombagi dalla trequarti centrale, il portiere respinge, arriva Vella che tenta la ribattuta, ma l’estremo difensore rossonero manda il pallone in angolo. Al 16’ l’episodio che cambia la partita: azione offensiva della Juve Stabia, Grea scivola e Ripa riesce a ricevere il pallone in area, Narciso esce sull’attaccante stabiese, prendendo sia il pallone che l’avversario, l’arbitro decide di concedere un rigore dubbio ai padroni di casa, espellendo anche il portiere dei dauni. De Zerbi decide di sacrificare Sarno per l’ingresso di Micale, che sfida lo stesso Ripa dal dischetto: il bomber campano clamorosamente manda la sfera sul palo esterno alla destra dell’estremo difensore. Il Foggia inizialmente pare avvertire l’inferiorità numerica, al 20’ ci prova Di Carmine, il cui diagonale si spegne sul fondo. Man mano che ci si avvicina all’intervallo i rossoneri sembrano riuscire a gestire la gara anche in 10 contro 11, al minuto 36 però la Juve Stabia passa: Contessa crossa dalla sinistra, la difesa foggiana lascia Ripa tutto solo a centroarea, l’attaccante con l’esterno manda il pallone nell’angolo alla sinistra di Micale, facendosi perdonare per il penalty sbagliato.

Il Foggia nella ripresa torna in campo con il piglio giusto, e già al 51’ riesce a trovare il pari: punizione di Cavallaro dalla destra, schema fotocopia di quello già visto contro il Savoia, Iemmello controlla e dall’interno dell’area batte Pisseri piazzando il pallone nell’angolino alto. La Juve Stabia continua a lasciare il pallino del gioco ai rossoneri, che al 72’ riescono a passare clamorosamente in vantaggio: cross dalla destra di Bencivenga, nessuno la tocca nel mezzo, sul secondo palo c’è Cavallaro che appoggia in rete per l’1-2 foggiano. A questo punto si svegliano i padroni di casa: al 73’ la difesa rossonera pasticcia, Ripa in area riesce a tirare ma spara tra le braccia di Micale; il pari arriva tre minuti più tardi, Bencivenga si fa scavalcare dal pallone in area, lo riceve Di Carmine che dalla sinistra lascia partire un tiro-cross non preciso, ci mette il piede il subentrato Altobelli, che insacca incredibilmente nella propria porta permettendo alle Vespe di pareggiare. Gli ultimi minuti sono infuocati, fioccano cartellini da entrambe le parti, al 78’ il neoentrato Gammone si fa espellere per un intervento a piedi uniti e la parità numerica è ristabilita. Spingono di più i campani, che vanno vicini al vantaggio due volte nel giro di 1’: all’88’ batti e ribatti al limite dell’area foggiana, Ripa calcia a giro ma Micale compie il miracolo deviando in angolo; sul corner successivo, cross sul secondo palo, dove Jidayi di testa rimette in mezzo, arriva Gomez che la manda sul palo. I 5’ di recupero sono di pura sofferenza per un Foggia stremato, ma la gara si chiude sul 2-2.

Gli uomini di De Zerbi riescono dunque a strappare il pari al “Romeo Menti” di Castellammare, resistendo sia ad una Juve Stabia apparsa non al meglio, sia alla sfortuna, che, oltre agli assenti, ha privato i rossoneri di Narciso, Grea ed Agnelli, il primo espulso, gli ultimi due infortunati, durante il corso della gara.

TABELLINO
JUVE STABIA: (4-4-2)Pisseri; Jefferson (dall’89’ Gomez), Contessa, Migliorini, Romeo; La Camera (dal 66’ Caserta), Jidayi, Vella, Bombagi (dal 59’ Gammone); Ripa, Di Carmine. A disp.: Fiory, Polak, Liotti, Osei. All.: Pancaro
FOGGIA: (4-3-3) Narciso; Bencivenga, Loiacono, Grea (dal 67’ Altobelli), Agostinone; Agnelli (dal 75’ Sicurella), Quinto, D’Allocco; Sarno (dal 16’ Micale), Cavallaro, Iemmello. A disp.: Curcio, Sainz-Maza, Leonetti, Bollino. All.: De Zerbi.
Arbitro: sig. Piccinini di Forlì.
MARCATORI: 36’ Ripa (JS), 51’ Iemmello (F), 72’ Cavallaro (F), 76’ aut.Altobelli (JS).
AMMONITI: La Camera, Jidayi, Caserta (JS); Agostinone, Quinto, Iemmello (F).
ESPULSI: Narciso al 16’ per fallo da ultimo uomo, Gammone al 78’ per gioco pericoloso. – ANGOLI: 6-0 per la Juve Stabia – RECUPERI: 1’ p.t.; 5’ s.t.

(foto pagina Facebook della Juve Stabia)

(A cura di Salvatore Fratello – salvatore.fratello@outlook.com)

Redazione Stato

Foggia, impresa a metà, pari con la Juve Stabia ultima modifica: 2014-11-15T19:11:00+00:00 da Salvatore Fratello



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi