LavoroManfredonia
"Rimettere al centro il lavoro"

Pesca: concluso il convegno Flai Cgil, ripartire dal contratto

Presentati gli esiti di una ricerca che affronta le politiche contrattuali nei Paesi dell'Unione Europea

Di:

Si è conclusa oggi la due giorni di convegno della Flai Cgil dedicati alla pesca, durante i quali sono stati presentati gli esiti di una ricerca che affronta le politiche contrattuali nei Paesi dell’Unione Europea interessati al settore. Ai lavori sono intervenuti i rappresentati dei sindacati di Francia, Spagna, Belgio e Danimarca.

Sara Palazzoli, Segretario Nazionale Flai Cgil, ha evidenziato come “lo strumento primario per affrontare le sfide future nell’ambito della pesca europea e’ la contrattazione collettiva, poiché vediamo nel Ccnl lo strumento necessario per rispondere al bisogno di crescita, valorizzazione e tutela del lavoro nel settore”. E soprattutto, come confermato anche dagli interventi al convegno, emerge “il bisogno – prosegue Sara Palazzoli – di guardare avanti attraverso un lavoro comune, avendo lo sguardo attento all’Europa dei popoli, della solidarietà e dell’inclusivita’. Anche a partire dal lavoro presentato oggi, dobbiamo accettare la sfida che ci viene posta, di guardare all’unisono alla nostra Europa, perché solo così saremo in grado di scrivere il futuro del settore in maniera sostenibile anche per i lavoratori”.

A concludere i lavori del convegno il Segretario Generale della Flai Cgil Nazionale, Stefania Crogi, che nel presentare le risorse e le potenzialità del settore ittico, dal punto di vista ambientale, lavorativo, occupazionale, ne ha sottolineato anche le criticità. Criticità in parte dettate dalla crisi, in parte peculiari del settore, dalle basse retribuzioni, al dumping che viene da importazioni e contraffazioni, al tema della sicurezza nei luoghi di lavoro che vede la pesca inspiegabilmente esclusa dalle normative e tutele previste nel Testo Unico 81 su salute e sicurezza. Per il Segretario Generale della Flai Cgil le criticità e potenzialità del settore possono essere affrontate solo “rivitalizzando il ruolo del dialogo sociale e rimettendo al centro il lavoro, chiedendo insieme politiche che facciano ripartire il settore, a cominciare dal rinnovo del contratto, dal diritto a condizioni di lavoro sicure e da una politica europea della pesca che risolva i problemi del settore anziché aggravarli, come ci sembra accadere”.

Fonte: rassegna.it

Pesca: concluso il convegno Flai Cgil, ripartire dal contratto ultima modifica: 2014-11-15T13:31:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • pescatore

    Meno male a maggio prossimo avremo un degno rappresentante di categoria.(un laureato).


  • porto turistico senza barche e mercato ittico senza pesce

    Oltre al peschereccio sullo sfondo la vedetta della cp e il mercato ittico,la capitaneria in banchina il mercato in ginocchio.Pescatore altro che laureati e ca………. ci vogliono controlli.


  • Giuseppe

    Come mai tutti vogliono prendere ad esempio l’Europa, guardano l’Europa e i loro regolamenti, le normative , ma nessuno pensa che forse dovremmo guardare il prezzo del gasolio che hanno i paesi dell’Europa (Francia, Spagna, Portogallo) che è inferiore al nostro? Va bene testo unico, salute sicurezza, ccnl, però credo sia giusto guardare il costo del gasolio in Europa


  • pescatorixxl

    Ma quale contratto CCNL, qui non siriesce neanche a pagare il gasolio, ma vi rendete conto noi non siamo Dipendenti Comunali, ma andate altroveeeee????????


  • gotha

    Il costo del gasolio sicuramente è alto..ma quanti non dicono che hanno motori da 500 cavalli falsamente limitati a 165 cavalli … reti assurde americane e non, distruzione del sottocosta di riproduzione e tante altre amenità…speriamo nel nuovo, perchè qui tutto è fatto in maniera fraudolenta e poco oculata nel rispetto delle prossime generazioni


  • pescatorixxl

    Vogliamo Conoscitore e Gatta a rappresentare la Pesca, sono due ragazzi seri e’ affidabili hanno sempre portato a termini i nostri problemi della Pesca??? sono figli di Pescatori e onesti sanno cosa significa lavorare in mezzo al mare e fare sacrifici x portare un po’ di pane a casa???????


  • pescatorexxl

    Non mi piace essere copiato il nickname ma condivido il pensiero. Avanti Conoscitore avanti la cultura. Per Gatta un consiglio cerca di studiare che non e’ mai tardi.


  • pescatore

    Caro amico, Gatta di cultura ne ha abbastanza se vuoi qualche lezione presentati da lui??????


  • pescatore

    Caro amico se vuoi lezioni di cultara ti puoi anche confrontare con Gatta, e nollo nominare piu’ ????????


  • pescatore

    Ma chi conoscitore quello che .. il figlio insieme al quale hanno fatto un associazione e non hanno fatto ancora niente … E gatta chi quello che va in giro a leggere il tablet e dicendo tutti i mesi che stanno arrivando i soldi ma fatemi il piacere cosa hanno fatto fin ora .. per i pescatori? Si ora ricordo mi è venuto una cosa che hanno fatto cioè niente


  • u'paziarill

    Ma non ti nascondere dietro nickname di pescatore che sei redicolo, ma non giudicare chi svolge il suo lavoro seriamente???? come scrivi ti riconosciamo barbooooooo??????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi