Capitanata

Sicurezza, ass. Antiracket Ultimo: Emiliano dove sei?

Di:

San Severo – “SAN Severo brucia, saltano portoni, arrivano missive di proiettili imbustati, si scorrazza per le vie cittadine senza casco (ndr operazione casco disposta dal dott. Emiliano) di tutto di più, ma Lei, Emiliano, deve pensare, giustamente, alla Sua corsa al Governo della Regione Puglia. Quindi ci chiediamo che senso ha avuto il Suo incarico ad Assessore alla Sicurezza e Legalità del Comune di San Severo? Se la sua nomina, per giunta con un curriculum di tutto rispetto, doveva dare un segnale di risposta concreta alla violenza della criminalità, noi ne prendiamo atto, visti gli ultimi eventi consistenti e nell’innalzamento della soglia delittuosa posta in essere dalla criminalità che ha intimidito ed intimorito ulteriormente la popolazione senza nessuna opposizione concreta con tutti gli strumenti di legge a Sua disposizione”.

E’ quanto dicono in una nota i referenti dell’associazione antiracket Capitano Ultimo.

“Ribadiamo pertanto la nostra opinione, seppur opinabile, che la sua eccezionale personalità nel caso di specie ovvero in San Severo, ha sortito l’effetto contrario, perché di contro sia lei che altri personaggi Istituzionali altrettanto importanti, non vogliono ascoltare questa voce che per voi giunge dal deserto. Una risposta alla Sua investitura ce la siamo data, visto che il Sindaco Miglio la scalata al palazzo della Provincia l’ha fatta con trionfo e grazie al suo supporto, (quindi dobbiamo ritenere Miglio un Lungimirante) sovvertendo ogni pronostico. Ma quello che ci chiediamo con più assillo, è San Severo chi la Governa, se i suoi Amministratori principi sono impegnati in altri fronti? Allora non dica alla gente di San Severo che le problematiche in termini di sicurezza e legalità muteranno (come annunciato nel Consiglio monotematico su sicurezza e legalità lo scorso Settembre) ma dica Loro realmente che la piccola cittadina dell’Alto Tavoliere versa in condizioni precarie al cospetto di una criminalità che dilaga in ogni distretto”.

“Come può un Assessore alla Sicurezza nonché magistrato e per di più candidato e presunto vincitore delle elezioni che lo porteranno alla guida della Regione Puglia, un politico e quindi avente carica Istituzionale, evitare e non prendere con la dovuta attenzione un’Associazione Antiracket che porta il nome dell’uomo che ha arrestato il simbolo della mafia in Italia, che per giunta le manda a dire a mezzo stampa che ha un piano territoriale di contrasto al malaffare e alla criminalità organizzata”, dicono tra l’altro i referenti dell’associazione.

Redazione Stato

Sicurezza, ass. Antiracket Ultimo: Emiliano dove sei? ultima modifica: 2014-11-15T15:58:01+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi