ManfredoniaRicordi di storia

Antonio Caterino e il freddo dell’inverno sipontino (2010)


Di:

Manfredonia – ERA il 1995 quando un ragazzo di Manfredonia, Antonio Caterino, fu scaraventato giù dalla Piazzetta Mercato, in una mezzanotte senza occhi dove nessuno aveva visto niente. Autori alcuni balordi senza scrupoli che, dopo essersi divertiti con la sua vita come se fosse un pupazzo da gioco, lo scaraventarono giù come un pezzo di cartone tanto da farlo volare dalle cancellate. Poi, dopo averlo lasciato solo abbandonato in terra, pieno di ematomi e fratture come se nulla fosse successo, andarono via tranquillamente. Antonio da allora rimase zoppo.

Era una persona squisita, sfortunata, perché vittima dell’alcool e quindi vagabondava come un barbone. Mai nessuno fece giustizia su quella vicenda schifosa fuori ogni regola di vita. Antonio era una sorta di “guardiano e custode notturno della città”.

Lo ricordo l’ultima volta che lo vidi. Era domenica mattina. Seduto ad uno scalino di Corso Manfredi mi sorrise e mi disse: “Ti ricordi di me?”. Io gli risposi: “Certo che sì”. Lui smosse la testa stanco.

Poi in quello stesso giorno, era il 16 di dicembre 2010, Antonio lo trovarono morto nei pressi dell’Ospedale San Camillo de Lellis, per assideramento da gelo.

Aveva 47 anni quando quella notte se lo portò il freddo dell’inverno sipontino.

(A cura di Claudio Castriotta – Redazione Stato)

Antonio Caterino e il freddo dell’inverno sipontino (2010) ultima modifica: 2014-12-15T17:07:05+00:00 da Claudio Castriotta



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • pizzigallo pasquale

    non ci sono parole x descrivere la persona di antonio …. ma il suo ricordo x me è quello di quando eravamo adolescenti e pieni di vita tra giochi
    battute e tante risate . E’ e sarà x sempre cosi……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This