Foggia
Nota stampa

Lavoro di Casa Sankara insieme ad Amnesty International Foggia

Un doppio appuntamento da non mancare, l’impegno forte unito allo spirito della festa: insieme alla presentazione dei prodotti ci sarà un semplice aperitivo


Di:

La sapienza artigianale africana diventa testimonianza dell’impegno per i diritti umani. Amnesty International, gruppo 134 Foggia, promuove i prodotti fatti a mano dagli uomini e dalle donne della cooperativa “Casa Sankara”, nata vicino a San Severo per costituire una comunità di accoglienza gestita da migranti per migranti (questa è la caratteristica più importante), per uscire dal “ghetto di Rignano”, cioè dall’illegalità, dalla logica dell’emarginazione, della sopraffazione e dello sfruttamento, e diventare protagonisti della vita in Italia, a pieno titolo e a testa alta.

Per Amnesty International, che sui migranti ha centrato uno dei suoi dieci punti dell’agenda italiana, il migliore regalo da proporre a tutti quelli che vogliono contribuire all’impegno per i diritti umani, è proprio uno degli oggetti realizzati con il classico simbolo della candela (“meglio accendere una luce che maledire l’oscurità”). Oltre a firmare gli appelli per salvare persone soppresse in tutto il mondo, si può contribuire al lavoro dell’associazione acquistando i prodotti che saranno in mostra a Palazzo Dogana GIOVEDI 17 DICEMBRE, a partire dalle 19, subito dopo la conferenza organizzata dall’AMBASCIATA di PACE, sul tema del commercio delle armi come minaccia alla pace, alle ore 17. Un doppio appuntamento da non mancare, l’impegno forte unito allo spirito della festa: insieme alla presentazione dei prodotti ci sarà un semplice aperitivo, con musica dei percussionisti africani di “Casa Sankara”

Cesare Sangalli, responsabile gr134 Amnesty International Foggia

Lavoro di Casa Sankara insieme ad Amnesty International Foggia ultima modifica: 2015-12-15T13:37:11+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi