ManfredoniaMonte S. Angelo
E’ in programma venerdì 18 dicembre alle ore 10:30 l’inaugurazione dei progetti POInafferenti al Comune di Monte S. Angelo

“Monte Sant’Angelo, le meraviglie di un sito Unesco”

Nell’ambito della dotazione complessiva dell’Asse I del POIn, pari ad € 362.000.773,38 nell’agosto del 2013 risultava assegnato al territorio pugliese, l’importo di € 113.505.109,75


Di:

Monte Sant’Angelo. E’ in programma venerdì 18 dicembre alle ore 10:30 l’inaugurazione dei progetti POInafferenti al Comune di Monte S. Angelo, interventi selezionati all’interno della graduatoria del Bando della Regione Puglia e finanziati tra i progetti del Polo Gargano nell’ambito dell’Asse I del Programma Operativo Interregionale “Attrattori Culturali, naturali e del turismo”;la Regione Puglia conclude, nel pieno rispetto della tempistica del programma, quattro importanti interventi con un evento inaugurale itinerante che permetterà alla città di Monte S. Angelo di potenziare ulteriormente la propria offerta turistica e culturale.

Nell’ambito della dotazione complessiva dell’Asse I del POIn, pari ad € 362.000.773,38 nell’agosto del 2013 risultava assegnato al territorio pugliese, l’importo di € 113.505.109,75 da destinarsi al finanziamento di n. 55 interventi dei quali 48 a regia regionale (con beneficiari enti locali) per un ammontare pari a € 54.605.109,75, e 7 interventi per un ammontare di € 58.900.0000,00 a titolarità MIBACT – Direzione regionale della Puglia.

Gli interventi ultimati riguardano, nello specifico:
ABBAZIA DI S. MARIA DI PULSANO
Il Complesso abbaziale di Santa Maria di Pulsano già in passato è stato oggetto di consistenti interventi di restauro e riuso di gran parte degli ambienti esistenti. I risultati degli scavi archeologici e l’acquisizione di nuovi dati storici hanno motivato la continuazione dei lavori di restauro.
L’arrivo dei fondi POIN ha consentito la realizzazione di un progetto di completamento dei lavori di restauro e recupero delle parti del complesso abbaziale di maggiore frequentazione. Infatti gli interventi operati hanno completato la sistemazione del pavimento del vialetto principale antistante la chiesa e degli ambienti rupestri adiacenti, il recupero totale del fabbricato di pertinenza posto ad est del complesso Abbaziale, la sistemazione generale dei viali e la piantumazione di essenze arboree lungo le aiuole, la realizzazione dei nuovi impianti elettrici di illuminazione degli ambienti interni e delle aree esterne costituenti il sistema di accesso principale al complesso, la realizzazione di un impianto di videosorveglianza centralizzato.

FOSSATO DEL CASTELLO MONUMENTALE DI MONTE SANT’ANGELO
Gli interventi di restauro che nel tempo hanno interessato il Castello sono stati dettati da una scelta precisa che vuole il monumento museo di se stesso, museo dell’ “evoluzione” delle tipologie fortificate e museo di archeologia medioevale. In tale ottica l’intervento POIN eseguito oggi consente l’inserimento del fossato nel percorso di visita attraverso la conservazione della sua originaria funzione difensiva arricchita dalla nuova possibilità di un suo uso per eventi e manifestazioni culturali. A tale scopo i lavori hanno determinato: il livellamento del piano di calpestio, la messa a dimora di un prato erboso dotato di impianto di irrigazione automatizzato, la formazione di un percorso pedonale pavimentato con basolato di pietra calcarea, la realizzazione di un nuovo impianto di illuminazione posto lungo l’intero perimetro del fossato e la revisione generale della cortina muraria completata con interventi di messa in sicurezza degli affacci sulla vallata sottostante.

EX CHIESA S. STEFANO
I lavori appena completati, che hanno interessato la “ex chiesa di Santo Stefano” e la cripta sottostante l’aula liturgica della chiesa di S. Francesco, sono una parte di un più ampio progetto iniziato nel 1999, portato avanti negli anni per stralci funzionali, che interessa l’intero complesso conventuale di San Francesco e la chiesa rupestre dell’Incoronata.
Gli ultimi stralci hanno previsto il restauro e il consolidamento delle opere murarie, il recupero e la rifunzionalizzazione degli ambienti interessati con la realizzazione di un centro di accoglienza per i pellegrini e i turisti e la musealizzazione di alcuni rinvenimenti, in collegamento funzionale con l’adiacente Museo Tancredi e interventi di rifacimento del sagrato della chiesa e della piazza antistante, nonché della scalinata che collega la piazza alla circonvallazione.

Gli elementi di novità venuti alla luce durante i lavori – stratificazioni, strutture e ritrovamenti, la cui datazione dovrà essere studiata e approfondita – interessano sicuramente ulteriori
parti del complesso conventuale, costituendo un punto di partenza per ulteriori interventi volti sia a indagare sia a valorizzare l’intera area.

MUSEO ARTI E TRADIZIONI POPOLARI DEL GARGANO “G. TANCREDI”
Il Museo di Monte Sant’Angelo intitolato a Giovanni Tancredi, lo studioso che per primo organizzò una raccolta museale di reperti provenienti dal Gargano, racconta gli aspetti più rappresentativi del territorio e della sua storia. Considerata, la sua natura di museo etnografico, è stato progettato un percorso di visita che, con l’ausilio di prodotti multimediali, accessibili da supporti digitali, amplifica le sensazioni, le informazioni e punta a creare nuove suggestioni e ad ampliare il desiderio di conos¬cenza, non solo delle opere esposte, ma di contestualizzarle al territorio circostante ed agli usi e costumi che esse richiamano.

Grazie a nuovi strumenti multimediali ed interattivi, quindi, i visitatori avranno la possibilità di vivere un’”esperienza” immersiva, coinvolgente e personalizzata in cui, in base alle proprie esigenze o curiosità, potranno approfondire e strutturare un proprio percorso conoscitivo.

Alla Inaugurazione parteciperanno:
• Michele EMILIANO Presidente Regione Puglia,
• Loredana CAPONE Assessore Regionale all’Industria Turistica e Culturale – Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali;
• Angelosante ALBANESE Direttore ad Interim Dipartimento Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio Regione Puglia;
– Silvia PELLEGRINI Dirigente Dipartimento Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio Regione Puglia;
• Andrea Cantadori, Sebastiano Giangrande, Alberto Monno
Commissione Straordinaria del Comune di Monte Sant’Angelo
•- Mauro Paolo BRUNO, Dirigente servizio beni archeologici ed architettonici,
• Massimiliano COLONNA, Dirigente servizio beni librari, musei e archivi.

“Monte Sant’Angelo, le meraviglie di un sito Unesco” ultima modifica: 2015-12-15T17:05:35+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Monte Sant'Angelo orgoglio del Gargano.

    Mentre a Manfredonia c’è gente che condivide chi vuol mettere nella pancia del territorio una quantità mostruosa di gas e in una zona protetta e anche sismica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi