Politica
"Ultima stoccata scandalosa che il governo Renzi infligge a migliaia di agricoltori onesti"

Olio made in Italy, Damascelli: “Depenalizzare il falso? Assurdo”

"Adesso -conclude Damascelli- ci aspettiamo una battaglia dura da parte della Regione Puglia"


Di:

Bari. “La depenalizzazione del reato di chi sfrutta il marchio Made in Italy per spacciare per olio italiano prodotti di provenienza extra comunitaria, è l’ultima stoccata scandalosa che il governo Renzi infligge a migliaia di agricoltori onesti e seri che compiono sacrifici per continuare a fare impresa nel nostro Paese”. Lo dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli. “Si tratta -aggiunge- di un paradosso tutto italiano: qualche settimana fa, proprio il ministro Martina si complimentava con le forze dell’ordine per il lavoro compiuto con cui si smascherava un caso di falso olio extravergine d’oliva Made in Italy. Ed oggi, invece, si vorrebbe legalizzare il falso e la più vile contraffazione ai danni degli olivicoltori. Sono basito dalla diabolica trovata perché provvedimenti come questi non conoscono quale sia l’indirizzo del bene comune e sembrano orientati solo a infierire su un settore trainante, ma in grave difficoltà come quello agricolo. Adesso -conclude Damascelli- ci aspettiamo una battaglia dura da parte della Regione Puglia, prima in Italia per produzione di olio extravergine, ed anche da parte di tutti i parlamentari pugliesi contro una proposta scellerata, che avvantaggerebbe solo truffatori senza scrupoli a danno dell’economia regionale”.

Olio made in Italy, Damascelli: “Depenalizzare il falso? Assurdo” ultima modifica: 2015-12-15T21:12:29+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi